icon/back Indietro Esplora per argomento

Come la chirurgia bariatrica può aiutare chi soffre di diabete

Cristina Grassi | Blogger

Ultimo aggiornamento – 11 Novembre, 2021

diabete e chirurgia bariatrica: i benefici

La chirurgia bariatrica, quella branca della chirurgia che generalmente tratta pazienti affetti da obesità, sembrerebbe benefica per le persone che soffrono di diabete. Abbassa, infatti, il rischio di attacco di cuore e infarto. Cerchiamo di capirne di più.

Chirurgia bariatrica e diabete: i dati parlano chiaro

Diverse sono le tipologie di interventi che afferiscono alla chirurgia bariatrica. Tra questi, troviamo:

  • Bendaggio gastrico
  • Bypass gastrico
  • Gastrectomia verticale
  • Plicatura gastrica
  • Switch duodenale
  • Chirurgia senza incisione
  • Sistema ricaricabile maestro

Studi recenti hanno dimostrato che i diabetici sottoposti a interventi chirurgici bariatrici – a distanza di cinque anni – sono stati colpiti in misura minore da attacchi di cuore e infarti. In particolare, il numero dei decessi si è ridotto del 67%.

Non solo. Persino il rischio di neuropatia a piedi e mani si è ridotto al 50%. Non dimentichiamoci, infatti, che la malattia macrovascolare è una delle cause principali di mortalità nei diabetici.

Il fattore più importante, però, risiede in un altro dato. La metà delle persone affette da diabete che si sono sottoposte a un intervento di tipo bariatrico, in particolare bypass gastrico, hanno visto una remissione del diabete per circa sette anni, come conseguenza della perdita di peso e dell’abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue, dunque un miglioramento dello stato di salute generale.

Non solo per la perdita di peso: i benefici della chirurgia barbarica

Lo studio pubblicato sulla rivista dell’Associazione dei Medici Americani – che ha preso in esame più di 5.000 pazienti affetti da diabete con una massa corporea superiore a 35 BMI sono sottoposti a un tipo di intervento bariatrico – ha fatto emergere non solo la possibilità di perdere peso.

I benefici della chirurgia bariatrica, infatti, sono molti:

  • Abbassa la pressione sanguigna
  • Combatte l’insulino-resistenza
  • Agisce sugli ormoni sessuali
  • Tiene a bada il colesterolo cattivo
  • Migliora l’interazione tra cervello e intestino

Dopo l’intervento, infatti, i pazienti riescono ad apportare cambiamenti al proprio stile di vita con maggior facilità e, ovviamente, a controllare il proprio peso.

Come sempre, bisogna tenere in considerazione anche gli effetti indesiderati di questo tipo di intervento che, in alcuni casi, possiamo definire permanenti. Tra questi, non possiamo sottovalutare:

  • Osteoporosi
  • Anemia
  • Carenze vitaminiche
  • Difficoltà nella digestione di cibi solidi

Sebbene siano stati fatti studi sui benefici della chirurgia bariatrica nelle persone con da diabete e obesità, non abbiamo ancora tra le mani risultati definitivi, essendo parte di sperimentazioni cliniche.

Dai dati e dalle analisi oggi disponibili, possiamo però affermare che sì, la chirurgia bariatrica potrebbe rappresentare un trattamento volto a migliorare le condizioni generali del paziente con da diabete e obesità. Oltre che la perdita di peso, la chirurgia bariatrica riduce il rischio di neuropatia, attacco di cuore e infarto – dunque la probabilità di morte causata da queste condizioni.


FONTE

Lo studio (Association Between Bariatric Surgery and Macrovascular Disease Outcomes in Patients With Type 2 Diabetes and Severe Obesity) a cui si fa riferimento è stata pubblicata sulla rivista JAMA Network.

Condividi
Cristina Grassi | Blogger
Scritto da Cristina Grassi | Blogger

Comunicazione, lingue straniere e traduzione sono la mia passione. Traduttrice e scrittrice di professione, durante il tempo libero adoro trascorrere il tempo con la mia famiglia e dedicarmi alla lettura.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Cristina Grassi | Blogger
Cristina Grassi | Blogger
in Salute

66 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
icon/chat