Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Blefarite: quando le ciglia hanno la forfora

Blefarite: quando le ciglia hanno la forfora

Ultimo aggiornamento – 23 novembre, 2017

Blefarite: cause e cure
Indice

Hai mai notato dolore o palpebre gonfie e arrossate, magari accompagnate da crosticine alla base delle ciglia? Se così fosse potresti soffrire di blefarite, una sorta di «forfora sulle ciglia». Vediamo insieme di cosa si tratta e come sbarazzarsene impedendone il ritorno.

Conoscere la blefarite

Con il termine «blefarite» si indica un’infiammazione piuttosto comune del margine della palpebra. Generalmente si manifesta con infiammazione a livello, appunto, della palpebra e bruciore agli occhi e secchezza.

Le cause della blefarite possono essere estremamente varie e e includono:

  • Infezione batterica della palpebra
  • Disfunzione della ghiandola di Meibomio (o ghiandola lacrimale)
  • Secchezza oculare
  • Infezione fungina della palpebra
  • Parassiti, come gli acari Demodex

Secondo alcuni oculisti, la blefarite potrebbe essere un precursore della disfunzione della ghiandola di Meibomio e della secchezza degli occhi, piuttosto che essere originate da queste. Insomma, le cause della blefarite non sono immediatamente individuabili: solo l’occhio di un medico esperto riuscirà ad indirizzarvi verso una diagnosi corretta.

Al contrario, però, i campanelli di allarme sono ben riconoscibili. Tra i sintomi della blefarite, troviamo:

  • Occhi arrossati
  • Bruciore agli occhi
  • Forfora o crosticine alla base delle ciglia
  • Palpebre gonfie
  • Occhi umidi
  • Prurito a livello delle ciglia
  • Sensazione di granulosità o di corpo estraneo.

In alcuni casi, tra i sintomi della blefarite, è possibile indicare la perdita delle ciglia (madarosi) o – più comunemente – al disagio nell’utilizzo di lenti a contatto. A seconda della gravità con cui si presenta, potrebbero presentarsi alcuni o tutti i sintomi, con modalità costante o intermittente.

Si ricorda, inoltre, che talvolta questo discurbo può essere associato ad altre condizioni che colpiscono la pelle, come la rosacea oculare, la dermatite seborroica e la psoriasi.

Come si cura la blefarite

Come già detto in precedenza, per determinare la causa dei disturbi percepiti è necessaria una visita oculistica. Solo esaminando gli occhi e le palpebre, infatti, il medico sarà in grado di effettuare la diagnosi di blefarite, capirne il tipo e prescrivere la cura più adeguata.

La cura per la blefarite solitamente include:

  • Scrubs della palpebra – Rimuovere l’accumulo di biofilm e di batteri in eccesso dai margini delle palpebre è infatti essenziale per l’efficienza del trattamento. L’oculista solitamente raccomanda un regime giornaliero di compressioni calde e scrubs da eseguire per pulire questa area, riducendo la quantità di batteri e acari Demodex.
  • Procedure in ambulatorio, spesso suggerite perché più efficienti, comprendono l’utilizzo della luce pulsato, così come lo sbrigliamento elettromeccanico del margine della palpebra.
  • Colliri medicali e/o unguenti. Si tratta di rimedi topici in grado di distruggere i batteri in eccesso che causano la blefarite o altri microbi presenti sulle palpebre.

La pulizia quotidiana degli occhi risulta anch’essa fondamentale per la cura della blefarite. Ecco come eseguirla:

  • Applicare un impacco caldo per allentare gli eventuali depositi presenti sulle palpebre
  • Utilizzare un panno inumidito con acqua tiepida e qualche goccia di shampoo per bambino diluito, in modo da eliminare i detriti stessi. Si ricorda di utilizzare un panno pulito diverso per ogni occhio.
  • Sciacquare le palpebre con acqua tiepida, picchiettandola delicatamente con un asciugamano asciutto e pulito.
  • Lubrificare gli occhi attraverso l’utilizzo di lacrime artificiali. Queste permettono di alleviare i fastidi dovuti dalla secchezza oculare.
  • Prestare attenzione alla forfora e agli acari. La presenza di forfora, infatti, potrebbe favorire la blefarite. In caso di forfora è consigliato consultare il proprio medico, il quale sarà in grado di raccomandare uno shampoo antiforfora adeguato ed eventuali trattamenti aggiuntivi.
  • Evitare l’utilizzo del trucco nell’area degli occhi, in particolare quando le palpebre sono infiammate. Il trucco, infatti, rende più difficile mantenere le palpebre pulite e potrebbe reintrodurre i batteri nella zona o causare una reazione allergica.

Avete mai sofferto di questo disturbo? Raccontateci la vostra esperienza!

Mostra commenti
Gli alimenti “anti-scorie” per depurare i reni
Gli alimenti “anti-scorie” per depurare i reni
Nausee mattutine: non solo sintomo di gravidanza
Nausee mattutine: non solo sintomo di gravidanza
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Giornata mondiale del donatore di sangue: 8 regole per chi dona il sangue
Giornata mondiale del donatore di sangue: 8 regole per chi dona il sangue
Stress da vacanza non fatta: come superare la stanchezza mentale
Stress da vacanza non fatta: come superare la stanchezza mentale
Mangiare frutta secca allunga la vita
Mangiare frutta secca allunga la vita