Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Depressione Post Partum Gravidanza

La depressione post partum può iniziare in gravidanza

Vincenzo Russo | Blogger

Ultimo aggiornamento – 02 Marzo, 2015

La depressione post partum può iniziare in gravidanza

La depressione post partum è un disagio di tipo psicologico ben conosciuto che colpisce alcune donne dopo la nascita del proprio figlio e che, in alcuni casi, può diventare molto grave e portare ad azioni autolesionistiche o di rifiuto del proprio bambino. Oggi si sa che questo problema interessa moltissime neo-mamme, anche se, spesso, passa in breve tempo senza lasciare traccia.

In questo caso, si parla di “maternity blues” o “baby blues”, secondo il termine “blues” coniato dal pediatra e psicoanalista inglese Donald Winnicott, che indica una lieve condizione di disagio interiore. Questa condizione colpisce dal 50 all’85% delle puerpere e si risolve spontaneamente in pochi giorni ma, in circa il 20% dei casi, evolve in vera depressione.

Come conoscere il disturbo

Per poter intervenire efficacemente sul disagio psicologico che emerge dopo il parto è necessario, per prima cosa, distinguerne le diverse forme. Gli esperti dicono che ci sono tre sottotipi sulla base della sintomatologia, ed è importante identificare il tipo specifico per personalizzare il trattamento terapeutico. In particolare, sempre secondo gli esperti, le donne che hanno avuto i sintomi durante la gravidanza sono a rischio di forme di depressione post-partum più severe di quelle i cui sintomi si manifestano soltanto dopo la nascita.

I medici dovrebbero essere consapevoli e saper riconoscere i diversi modi in cui la depressione post partum può presentarsi“, dice il dr. Samantha Meltzer-Brody, direttore del Programma di psichiatria perinatale presso il Centro femminile per i disturbi dell’umore dell’University of North Carolina di Chapel Hill, corresponsabile di un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Psychiatry.

Una valutazione approfondita della storia delle donne è necessaria per effettuare una diagnosi precisa che porti alle decisioni cliniche più utili e al più efficace trattamento terapeutico“, dice il dr. Meltzer-Brody. “Grazie al nuovo studio, ora capiamo che i sintomi che indicano il possibile sviluppo di una forma di depressione post-partum possono manifestarsi già durante la gravidanza”. 

La ricerca ha fornito gli strumenti per una migliorata comprensione delle differenze nella presentazione clinica di diversi casi di depressione post-partum e consentito l’interpretazione dello screening, la diagnosi, il trattamento e la ricerca dei disturbi dell’umore nelle donne subito dopo il parto.

I ricercatori sono ora al lavoro per ampliare i risultati dello studio con nuove indagini che intervengano sulle cause biologiche e genetiche dei casi di depressione in tutto l’arco temporale perinatale. Nel frattempo, un Consorzio internazionale di centri di ricerca, denominato PACT (depressione post-partum: azione verso cause e trattamento), che comprende più di 25 ricercatori in sette paesi, ha confrontato e analizzato i dati di più di 10.000 donne, raccolti in studi precedenti. Questi dati sono stati analizzati utilizzando una particolare tecnica statistica, detta analisi di classe latente. La tecnica è ampiamente usata in psichiatria e altre discipline mediche ed è considerata come la più appropriata per analizzare la presenza o assenza di sintomi patologici specifici.

Le caratteristiche cliniche emerse e ritenute più rilevanti nel definire le tre varianti di depressione post partum sono:

  • i tempi di insorgenza dei sintomi (inizio durante la gravidanza o dopo il parto)
  • la gravità dei sintomi (tra cui i pensieri di suicidio)
  • la presenza di disturbi dell’umore precedenti la gravidanza
  • l’eventuale presenza di complicazioni mediche durante la gravidanza o il parto

In futuro, capiremo meglio le condizioni di salute mentale delle neo-mamme, aiutandole ad affrontare al meglio un momento tanto bello e delicato. Questa è la speranza che muove la scienza.

Mostra commenti
Se l’obesità è questione di geni
Se l’obesità è questione di geni
Perché ci ammaliamo proprio prima di partire per una vacanza
Perché ci ammaliamo proprio prima di partire per una vacanza
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne