Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Ernia cervicale: i sintomi e le cure

Ernia cervicale: i sintomi e le cure

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

ernia cervicale: i sintomi del disturbo
Indice

La cervicale è la zona della colonna vertebrale che sorregge la testa. Tutte le vertebre della colonna vertebrale sono intervallate da dischi cartilaginei, utili a evitare l’attrito tra le vertebre. Quando un disco cartilagineo si sposta, premendo sulla radice del nervo adiacente, si forma l’ernia.

Quando la compressione del nervo interessa il tratto cervicale, si parla di ernia cervicale che, solitamente, è tra c4 e c5, c5 e c6 o c6 e c7 (ovvero tra la quarta e la settima vertebra cervicale).

La colonna vertebrale cervicale è costituita da 7 vertebre impilate come mattoni, tra i quali sono presenti i dischi di cartilagine. Le vertebre sono numerate dall’alto verso il basso e partono da c1 fino a c7.

Quali sono i sintomi dell’ernia cervicale?

Di solito, l’ernia cervicale si sviluppa nella fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni e può provenire da una sorta di trauma o lesione al collo. I sintomi più comuni sono:

  • Dolore al collo
  • Dolore al braccio
  • Intorpidimento e formicolio che parte dal braccio e arriva fino alla punta delle dita
  • Debolezza dei muscoli del collo
  • Debolezza e dolore dei muscoli della spalla
  • Capogiri
  • Vertigini
  • Mal di schiena
  • Nausea

Come si cura un’ernia cervicale?

L’obiettivo primario del trattamento dell’ernia cervicale, per ogni paziente, è quello di contribuire ad alleviare il dolore e gli altri sintomi derivanti dall’ernia. Per raggiungere questo obiettivo, il piano di trattamento di ogni paziente deve essere individualizzato in base alla fonte del dolore, alla gravità e ai sintomi.

Le terapie sono basate sull’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei, fisioterapia e riabilitazione, chirurgia nei casi più gravi.

GVM

Ernia cervicale: gli esercizi per stare meglio

Esercizi di rafforzamento del collo, nel caso di ernia cervicale, possono aiutare a migliorare il funzionamento del collo, ridurre i rischi di ulteriori lesioni e proteggere contro eventi artritici secondari.

Gli esercizi isometrici sono utili per il rafforzamento dei muscoli del collo. Tra questi:

  • Mettere il palmo della mano contro la fronte (flessione anteriore contrastata).
  • Spingere in avanti contro la mano, usando i muscoli del collo. Bisogna offrire una leggera resistenza ai muscoli del collo che spingono in avanti.
  • Continuare a spingere per 10-30 secondi, respirando normalmente.
  • Ripetere l’esercizio 2-3 volte.
  • Lo stesso esercizio va fatto posizionando il palmo della mano lateralmente alla testa (flessione laterale contrastata).
  • Eseguire, poi, la rotazione del capo lentamente da sinistra verso destra e da destra verso sinistra.

L’allineamento posturale della colonna vertebrale va eseguito appoggiando tutta la colonna a una parete, mentre il soggetto è in posizione eretta con gambe leggermente divaricate e braccia penzolanti, piegare le gambe e scivolare verso il basso fino a ottenere una flessione delle gambe di circa 90°. Risalire lentamente restando adesi alla parete.

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

Mostra commenti
Cadute negli anziani: prevenirle si può
Cadute negli anziani: prevenirle si può
Come prepararsi al meglio per affrontare un intervento chirurgico
Come prepararsi al meglio per affrontare un intervento chirurgico
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
Menopausa precoce: che fare?
Menopausa precoce: che fare?
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero