Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Il disturbo d’attenzione nei bambini

Il disturbo d’attenzione nei bambini

Ultimo aggiornamento – 29 luglio, 2011

Indice

ADHD (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder) è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Il disturbo da deficit d’attenzione ed iperattività è un disturbo del comportamento caratterizzato da gravi carenze attentive, impulsività e iperattività  tali da  impedire il normale sviluppo e l’integrazione sociale dei bambini.
Si tratta di un disturbo molto eterogeneo e complesso, multifattoriale.
Infatti, l’osservazione clinica ha rilevato come nel 70-80% dei casi questa sintomatologia accompagna altre problematiche:  comportamentali, emotive, relazionali e in alcuni casi una organizzazione disarmonica della personalità.
La coesistenza di sintomi eterogenei fra loro rende più complessa sia la diagnosi sia la terapia.
Soffre di questo disturbo tra il 3% e il 5% della popolazione generale e le osservazioni cliniche evidenziano come si tratti di una patologia in aumento ma le cause del ADHD sono molte e incerte:
– sono stati riscontrati  alcuni segni neurologici minori per i quali si ipotizza una parziale causa organica all’origine del disturbo.
Forse conseguenze di traumi al feto durante la gravidanza, il parto o dopo la nascita.
– Il disturbo è 10 volte più frequente nei maschi che nelle femmine e questo sembra indirizzare verso una causa  genetica.
– Da alcune osservazioni poi si è rilevata l’importanza del ruolo dell’educazione e dell’esperienza vissuta.
Pratiche educative e relazionali inadeguate, improntate spesso a un eccessivo lassismo o a un’eccessiva durezza o modalità educative caratterizzate da ambiguità e incoerenza possono essere all’origine del disturbo.
C’è poi chi individua una causa nell’eccessiva iperstimolazione che caratterizza la vita quotidiana dei bambini oggi, a discapito spesso della qualità della vita del bambino, della sua famiglia e delle loro relazioni: troppe attività, impegni, scadenze che costringono i bambini a una vita da adulti.
Del resto queste affermazioni possono essere vere ma anche un po’ semplicistiche: non sono solo i comportamenti delle figure educative a determinare la patologia del bambino ma anche la patologia del bambino a determinare certi comportamenti inadeguati delle figure educative che vanno individuati e corretti.
La terapia nei bambini che manifestano un disturbo d’attenzione e  le loro famiglie può dare importanti risultati se prevede una piena e costante collaborazione tra i professionisti coinvolti nella cura e se sarà un lavoro costante e coordinato con la famiglia, la scuola e tutte le figure educative importanti della vita del bambino.
In alcuni casi è previsto il ricorso a una terapia farmacologica. Diverse critiche sono state mosse all’uso dei medicinali psicoattivi con i bambini ma se necessario convivere con una farmacoterapia adeguata e strettamente controllata può aiutare gli effetti della cura psicoeducativa tenendo conto che la farmacoterapia non può e non deve sostituire un lavoro terapeutico di crescita personale del bambino e della sua famiglia.

L’autrice di questo articolo è la Dott.ssa Antonella Daponte, psicologa e psicoterapeuta

Mostra commenti
Mastoplastica: durata e recupero post-operatorio
Mastoplastica: durata e recupero post-operatorio
La malattia mentale in Kenya: un fotografo racconta
La malattia mentale in Kenya: un fotografo racconta
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quali sono le cause di quelle macchie rosse negli occhi?
Quali sono le cause di quelle macchie rosse negli occhi?
Trapianti umani: organi e tessuti provenienti dai maiali
Trapianti umani: organi e tessuti provenienti dai maiali
Per fare bene l’amore bisogna restare concentrati
Per fare bene l’amore bisogna restare concentrati
I pericoli del vaccino anti-influenzale: qual è la verità?
I pericoli del vaccino anti-influenzale: qual è la verità?