Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Ricco o povero? Ecco perché te lo si legge in faccia

Ricco o povero? Ecco perché te lo si legge in faccia

Ultimo aggiornamento – 06 luglio, 2017

Ricco o povero? Te lo si legge sul volto!
Indice

Ricco o povero? Sarà il tuo viso a svelarlo! Sembra infatti che sia sufficiente la fotografia di un volto per stabilire la classe sociale da cui proviene un determinato individuo.

È uno studio condotto dai ricercatori di psicologia dell’Università di Toronto a dircelo: il volto (purtroppo!)  svela la condizione socio-economica di una persona, al di là di quali siano le sue espressioni.

Vediamo perché.

Il volto che parla

Sembrerà strano, ma le persone possono capire se qualcuno è più ricco o più povero della media guardando semplicemente  il volto di un individuo. Non serve nessuna particolare espressione per svelare la propria condizione, nessun sorriso, nessuna smorfia di dolore, piacere o felicità.

Le emozioni, secondo i ricercatori, hanno infatti la capacità di mascherare le abitudini di vita di una persona. Un volto “neutro”, invece, racconta molto di più e svela, in pochi secondo, se si è ricchi o poveri.

Nel tempo, infatti, il viso riflette in modo permanente le esperienze di una vita” – sostengono i ricercatori – “Soprattutto quando pensiamo che il nostro volto non stia esprimendo nulla: quelle emozioni e quelle abitudini di vita sono sempre lì, come reliquie di quello che è la nostra vita”.

Ricco o povero? Basta uno sguardo per capirlo

In particolare, lo studio ha raggruppato i volontari che hanno partecipato allo studio in due grandi gruppi. Uno di questi apparteneva a famiglie con reddito inferiore ai 60 mila dollari, l’altro con reddito superiore ai 100 mila dollari. A tutti loro sono state scattate delle fotografie, con “volto neutro”, dunque con viso privo di qualsiasi espressione.

Arrivati a questo punto, i ricercatori hanno coinvolto un altro gruppo separato di persone per esaminare le fotografie appena scattate: avrebbero dovuto decidere quali individui fossero più ricchi e quali più poveri usando solo il proprio istinto.

E qui la sorpresa. Quest’ultimo gruppo è stato infatti in grado di determinare quale studente appartenesse al gruppo considerato “ricco” e a quello “povero” – secondo i parametri di reddito canadesi – con una precisione del 53%, nettamente superiore a quello che è la probabilità causale.

“Si nota sin da subito che studenti di soli 18-22 anni hanno già accumulato esperienze di vita capaci di modellare e modificare le fattezze del loro volto, tanto da far intuire a prima vista quale sia la loro posizione socio economica” – continuano i ricercatori.

I risultati riportati sembrano non essere stati influenzati dalla nazionalità, dal sesso o dal tempo speso per studiare le fotografie. Non solo. Nessuno sembra essere davvero cosciente dei meccanismi e dei segnali che vengono utilizzati quando si prendono queste decisioni.

Inutile negarlo, lo studio delle classi sociali, come sottocorrente della psicologia e del comportamento umano, sta ottenendo sempre maggior riconoscimento. E lo studio dei segnali facciali, con i suoi 43 piccoli muscoli concentrati in un’area così piccola, è un settore della psicologia umana alquanto intrigante, seppur ancora tutto da esplorare.

Che ne dite? Anche voi avete la capacità di leggere i volti delle persone?

Mostra commenti
Come curare la follicolite?
Come curare la follicolite?
Punture di medusa: ecco cosa fare per alleviare il dolore
Punture di medusa: ecco cosa fare per alleviare il dolore
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?