Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. La Gravidanza

La gravidanza

Ezia Campise | Blogger

Ultimo aggiornamento – 02 Dicembre, 2010

Intervistiamo il dott. Marcello Sergio, specialista in Ginecologia ed Ostetricia
Affrontiamo oggi il tema del concepimento e degli esami da eseguire per le coppie che vogliono avere un bambino


Dott. Sergio quali consigli vuole dare alle donne che vogliono avere un figlio ?

E’ giusto che la coppia arrivi alla gravidanza senza eccessiva “programmazione”, ma che tutto si svolga con la massima naturalezza. Se compaiono degli ostacoli, è bene che il problema venga affrontato in tempi rapidi, soprattutto se la donna si avvicina ai 40 anni, utilizzando le tecniche diagnostiche e terapeutiche che abbiamo a disposizione.
Oggi si tende a “programmare” qualsiasi aspetto della propria vita, ma lasciamo, per quanto possibile, che almeno l’arrivo di un figlio sia un fatto “naturale”.

Alcune cose sono spesso poco chiare alle donne che vogliono diventare mamme: quali sono gli esami preconcezionali (cioè da fare prima di restare incinte) e quando è il caso di farli?

Nel momento in cui la coppia decide consapevolmente di intraprendere una gravidanza, vi sono delle specifiche analisi che possono essere eseguite anche in regime di convenzione, quindi senza dover pagare i ticket sanitari:

Per la donna sono una serie di esami di laboratorio condotti da un campione di sangue, quali: il Rubeotest IgG, IgM, il Toxotest IgG, IgM, l’emocromo e il test per le emoglobine patologiche.
Queste analisi hanno la funzione di evidenziare se la donna ha contratto o meno alcune malattie che possono essere dannose e pericolose in gravidanza.
Il risultato del Rubeotest indica se la donna ha contratto o è stata vaccinata per il virus della rosolia (IgG positive); nel caso in cui le IgG risultassero negative la donna dovrebbe procedere alla vaccinazione per la rosolia, protetta per almeno 3 mesi dal contraccettivo. Si ricorda infatti che il contrarre la rosolia durante il primo trimestre di gravidanza espone l’embrione ad un maggior rischio di aborto e di malformazioni.
Analogo discorso si può fare con il Toxotest. La positività delle IgG indica che la donna ha contratto precedentemente la Toxoplasmosi, malattia trasmessa da feci infette di animali domestici. Per la toxoplasmosi non esiste vaccinazione e qualora la donna risultasse non protetta (IgG negative) dovrebbe osservare alcuni accorgimenti alimentari (carne ben cotta, ortaggi e frutta ben lavata o disinfettata ecc) già dalle prime fasi della gravidanza, poichè anche la toxoplasmosi è pericolosa per l’embrione.

Per l’uomo: l’emocromo e il test per le emoglobine patologiche.
Queste analisi dovrebbero essere eseguite dal partner maschile quando vi e’ la volontà di intraprendere una gravidanza e non solamente se sopraggiunge un problema di infertilità. D’altra parte si e’ detto che la scelta di cercare un figlio dovrebbe essere una scelta condivisa dalla coppia. Con queste analisi si puo’ arrivare all’identificazione di eventuali malattie genetiche (esempio talassemia) di cui l’uomo puo’ essere portatore sano.

Per la coppia: verifica del gruppo sanguigno e fattore Rh, HIV test, VDRL e TPHA. Particolarmente importante risulta essere la compatibilità del gruppo sanguigno nell’ambito della coppia. Qualora la donna risultasse Rh Negativa e l’uomo Rh positivo, vi sarebbe un rischio di incompatibilità del Rh tra la madre e il feto, a partire dalla seconda gravidanza. Questo, se trascurato, può portare anche ad eventuali aborti. Nella donna l’incompatibilità del Rh va valutata anche attraverso il Test di Coombs indiretto.
Con l’emocromo si possono valutare invece stati anemici o alterazioni dei globuli rossi, indicativi talora di condizione di portatore sano di anemia mediterranea o di emoglobine patologiche (da confermare mediante apposito test).
Ugualmente importante risulta conoscere se la coppia è venuta in contatto con il virus dell’AIDS (HIV) o con la sifilide (VDRL- TPHA)

Dopo quanto tempo è il caso di fare un test di gravidanza?

Il dosaggio delle betaHCG nel sangue  serve per avere la certezza dello stato gravidico. Questo test può essere eseguito già dal 1 giorno di ritardo mestruale ovvero dopo 15-20 gg da un rapporto mirato.
Esistono anche test digitali casalinghi che possono essere eseguiti dalla donna attraverso l’urina. L’affidabilità di questi test è elevata, e  anche in questo caso si possono eseguire dal 1 giorno di ritardo del ciclo.

Dopo quanto tempo è il caso di preoccuparsi se non si resta incinta?

Convenzionalmente si ritiene che, qualora non si sia instaurata ancora una gravidanza dopo 1 anno di rapporti sessuali completi non protetti, si possa parlare di sterilità o infertilità. E’ un problema che affligge numerose coppie alla ricerca di un figlio, la cui frequenza e’ andata progressivamente aumentando in questi ultimi anni. Si calcola che per il 45% circa vi sia una causa femminile, per un altro 45% la causa sia maschile, mentre un 10% rimane inspiegata.
In questo caso può  essere opportuno procedere all’esecuzione di alcuni esami clinici rivolti a fare diagnosi di sterilità.

Mostra commenti
Pazienti.org: una startup digitale al servizio degli italiani
Pazienti.org: una startup digitale al servizio degli italiani
La gravidanza: cosa fare se il tempo passa e non si resta incinta
La gravidanza: cosa fare se il tempo passa e non si resta incinta
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla