Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Osteoporosi E Moc

Osteoporosi e MOC

Ezia Campise | Blogger

Ultimo aggiornamento – 10 Novembre, 2011

Cos’è l’osteoporosi?

La diminuzione della massa ossea , fisiologica con l’avanzare dell’età, è detta osteopenia (letteralmente mancanza, carenza di tessuto osseo). Quando il processo di perdita di minerali rende le ossa fragili anche un trauma di modesta entità può causare una frattura: in questo caso si parla di osteoporosi.

L’osteoporosi è una condizione che riguarda in Italia circa tre milioni e mezzo di donne, soprattutto dopo la menopausa e un milione di uomini, colpiti soprattutto dopo i sessant’anni.

L’osteoporosi si può prevenire adottando stili di vita corretti:

  • niente fumo
  • niente alcol
  • attività fisica costante
  • esposizione moderata al sole (che stimola la produzione di vitamina D)
  • alimentazione ricca di calcio e vitamina D

Le cure si basano principalmente su farmaci che riducono la perdita minerale e facilitano la formazione di tessuto osseo.

Quali esami per diagnosticare l’osteoporosi?

Per anni la diagnosi di osteoporosi si è basata sulla radiografia.  Dalle semplici immagini radiologiche si è reso indispendabile passare a indagini più affidabili ed efficaci per misurare la densità dell’osso ed è nata la MOC (mineralometria ossea computerizzata).

Per una donna sana è un esame consigliato dalla menopausa in poi una volta ogni due o tre anni. Per gli uomini non è di routine quindi va effettuato su suggerimento medico.

Per accedere agli esami con l’SSN (Servizio Sanitario Nazionale) in ospedali pubblici o in strutture private accreditate è sufficiente la prescrizione (impegnativa) rilasciata dal medico di base e valida per 30 giorni su tutto il territorio nazionale.

Come si esegue la MOC?

Oggi la misurazione della densità ossea si fa per lo più con la Moc digitale a raggi X o Dexa. L’elevata velocità di scansione consente di effettuare un esame alla colonna lombare e al collo del femore in meno di cinque minuti con una dose di radiazioni trascurabile per il paziente e senza rischio per l’operatore.

E’ possibile anche effettuare un’indgine su tutto lo scheletro in poco più di cinque minuti.

Per fare l’esame:

  • non è richiesta alcuna preparazione
  • l’esame non è doloroso.
  • il paziente deve solo sdraiarsi su un lettino al di sotto del quale si trova la sorgente che emette le radiazioni
Mostra commenti
Come si misura la pressione
Come si misura la pressione
Come si cura l’acne femminile
Come si cura l’acne femminile
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Dentifricio sui brufoli: ma funziona davvero?
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne
Isteroscopia diagnostica: un esame utile per tutte le donne