Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Scoperto il meccanismo molecolare che sta alla base della paura

Scoperto il meccanismo molecolare che sta alla base della paura

Ultimo aggiornamento – 25 luglio, 2014

La paura è un meccanismo di difesa. Ma che accade quando invece diventa una minaccia per la nostra stessa tranquillità? Nel disturbo da stress posttraumatico, la paura ci attanaglia sempre e può esplodere in qualunque momento, improvvisamente e senza una ragione. Con conseguenze, spesso, invalidanti.

Ora è stato scoperto il meccanismo molecolare che sta alla base della paura, e si sa come, quando e perché essa scatta in noi. L’annuncio viene dal Forum Europeo delle Neuroscienze, tenutosi in questi giorni a Milano.

Stress post traumatico: di cosa si tratta?

Alla fine, si sa, tutto o quasi si gioca nel cervello. Le esperienze traumatiche, ad esempio, lasciano impresse tracce profonde nella memoria emotiva: si tratta di veri e propri schemi cerebrali, che in qualunque momento possono riattivarsi. Basta un qualunque stimolo che possiamo ricondurre a quello schema, e il paziente rivive il trauma originario e la paura. È quella che si chiama generalizzazione della paura: un’esperienza a ripetizione.

In Francia, un’equipe di neuroscienziati sta scoprendo cosa scatta nel cervello, quando si attiva la paura. Il loro obiettivo? Analizzare i legami tra comportamenti generati dalla paura e memoria emotiva. Hanno scoperto che la paura è un meccanismo regolato da determinate reazioni molecolari, una reazione a catena che avviene in specifici circuiti neurali.

Quando alcuni neuroni posti nella corteccia prefrontale vengono inibiti, scatta l’inibizione a catena di altre cellule cerebrali via via sino a coinvolgere l’intera area cerebrale. Il black out che così si verifica, si esprime nei comportamenti come paura.

Optogenetica e neuroscienze: come funziona il nostro cervello?

È grazie all’optogenetica che i ricercatori sono riusciti a collegare comportamenti e reazioni cerebrali. L’optogenetica è una tecnologia che usa la luce per indurre l’attività delle cellule cerebrali. In questo modo, i neuroscienziati sono in grado di esaminare dettagliatamente come i circuiti neurali comunicano tra di loro e quali circuiti si attivano in combinazione con determinati comportamenti.

La ricerca si sta svolgendo tuttora, studiando il cervello e i comportamenti dei topi. Il passo successivo sarà verificare la validità dei risultati studiando l’uomo. Siamo a un passo dal poter capire come controllare la paura?

Mostra commenti
La placenta: tutte le ultime, straordinarie scoperte sull’organo che determina la salute di mamma e bambino
La placenta: tutte le ultime, straordinarie scoperte sull’organo che determina la salute di mamma e bambino
Perdere peso: una guida (gratuita) definitiva con i migliori consigli degli esperti e l’analisi delle diete più famose
Perdere peso: una guida (gratuita) definitiva con i migliori consigli degli esperti e l’analisi delle diete più famose
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Ictus: cosa fare quando viene compromessa la parola
Ictus: cosa fare quando viene compromessa la parola
Attenzione al vostro spazzolino: potrebbero annidarsi molti batteri (anche fecali)
Attenzione al vostro spazzolino: potrebbero annidarsi molti batteri (anche fecali)
Lutto o separazioni: due minacce per la salute del cuore
Lutto o separazioni: due minacce per la salute del cuore
Le insidie dello zucchero nascosto nei cibi
Le insidie dello zucchero nascosto nei cibi