Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come cambia il piacere sessuale dopo i 50 anni

Come cambia il piacere sessuale dopo i 50 anni

Ultimo aggiornamento – 07 gennaio, 2016

Alcune malattie comuni e certi farmaci possono ostacolare il funzionamento sessuale dopo i 50 anni, ma si può imparare a ritrovare l’intimità fisica.

Invecchiare non deve portare alla fine di una vita sessuale soddisfacente. Tuttavia, ciò significa che dovete essere pro-attivi verso la vostra salute per fare la differenza nella vostra vita sessuale. Quello che è importante capire è che i problemi sessuali possono essere anche un segnale di avvertimento o la conseguenza di una grave malattia sottostante. Qui di seguito, alcuni esperti condividono le loro intuizioni su come mantenere la salute sessuale ora e negli anni a venire.

Desiderio sessuale: cambia con l’età?

Non necessariamente”, afferma Stacy Tessler Lindau, assistente e professoressa di ginecologia presso l’Università di Chicago al Medical Center. “Molti adulti più anziani sono sessualmente attivi, secondo uno studio che io e i miei colleghi abbiamo condotto nel 2007. Uno su quattro adulti di età che va dai 75 agli 85 anni, per esempio, ha dichiarato di avere una vita sessuale attiva”.

Quali tipi di problemi sessuali hanno gli uomini e le donne?

Gli uomini possono accusare la disfunzione erettile, l’eiaculazione precoce, una libido bassa o la malattia di La Peyronie“, afferma John Mulhall, direttore del Programma Maschile di Medicina Sessuale e Riproduttiva al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York. “Queste condizioni causano evidenti sintomi fisici che dovrebbero indurre un uomo a rivolgersi al medico“.

Il basso livello di testosterone è un problema comune tra gli uomini più anziani. I sintomi variano da persona a persona e possono includere affaticamento, perdita dei peli sul corpo, calo del tessuto osseo, riduzione del desiderio sessuale, vampate di calore e sudorazioni. Se voi o il vostro medico sospettate un basso livello di testosterone, un esame del sangue sarà ordinato per testare i valori. Un basso livello di testosterone può portare anche a un abbassamento dello zucchero nel sangue, può causare l’osteoporosi e alcune malattie cardiovascolari.

Per le donne, i problemi sessuali più comuni includono la mancanza di interesse per il sesso, problemi di eccitazione sessuale, difficoltà di lubrificazione, l’incapacità di raggiungere l’orgasmo, il fatto di non trovare piacevole il sesso e l’eventualità di provare dolore durante il rapporto sessuale”, dice il dottor Lindau.

Quali problemi di salute possono influenzare l’attività sessuale?

Quasi ogni condizione medica che colpisce le persone anziane può avere effetti sul funzionamento sessuale“, dice Lindau. “Anche se il meccanismo di questi effetti può essere diverso. Qualcuno con artrite alle anche o alle ginocchia, per esempio, potrebbe avere difficoltà in certe posizioni durante un rapporto. Gli uomini che hanno una pressione alta o il diabete possono accusare una disfunzione erettile. Le donne con il diabete possono avere minori orgasmi, diminuendo così l’attività sessuale. Altre condizioni, come le malattie cardiache e il cancro, possono interferire con il funzionamento sessuale. Nonostante ciò, molti anziani che soffrono di problemi di salute rimangono ancora sessualmente attivi. Il trattamento della malattia primaria può dare agli anziani un maggiore senso di benessere, che potrebbe aiutarli a riguadagnare interesse per l’attività sessuale. Essere sessualmente attivi può effettivamente alleviare il dolore in alcune persone, questo grazie al rilascio di endorfine con l’orgasmo. Per tutte queste ragioni, è importante che gli anziani parlino con i loro medici riguardo la loro salute sessuale“.

Quali farmaci possono influenzare il funzionamento sessuale?

Molti farmaci che i medici prescrivono agli adulti più anziani, sono noti per influenzare la vita sessuale”, dice Lindau. “Per molte persone, i farmaci possono avere effetti collaterali sessuali negativi“. I farmaci per la pressione del sangue possono ridurre la capacità degli uomini di avere un’erezione.

Gli anti-depressivi possono sopprimere la libido negli uomini e nelle donne, anche se alcuni possono avere un effetto positivo. Gli antistaminici presi su base giornaliera possono causare secchezza vaginale.

Un paziente può sospendere i farmaci se accusa questi effetti. Ma potete lavorare con il vostro medico per cambiare il farmaco o il dosaggio e cercare di alleviare questi problemi“, dice Lindau.

Ci sono cambiamenti di stile di vita che possono migliorare la salute sessuale?

Anche se le prove scientifiche sono limitate, c’è una discreta quantità di prove aneddotiche per cui essere fisicamente attivi, seguire una dieta sana, dormire un buon sonno ed evitare il fumo e il consumo eccessivo di alcol possano aiutare a rimanere sessualmente attivi.

Ad esempio, fare attività aerobica nella misura in cui la vostra salute ve lo permette aiuta a mantenere il corpo forte fisicamente e in grado di sostenere un rapporto, dal momento che aiuta il cuore promuove la buona circolazione al pavimento pelvico e ai tessuti genitali e mantiene le ossa e le articolazioni attive. Gli esercizi che aumentano la flessibilità, come lo yoga, il tai-chi e il nuoto, possono aiutare.

Seguire una dieta sana per il cuore, con un basso contenuto di grassi saturi, colesterolo e sodio e ricca di fibre e sostanze nutritive di frutta, verdura, legumi e cereali integrali, aiuta a mantenere le arterie sane per l’attività sessuale.

Non è da sottovalutare poi il valore della qualità del sonno: il sonno mantiene i livelli di energia e favorisce il buon funzionamento mentale, circa otto ore di sonno di qualità a notte. Si deve anche trovare il tempo di rilassarsi durante il giorno. Infine, è necessario concentrarsi sul vostro rapporto di coppia. “Alcuni adulti anziani trovano utile provare diverse posizioni o altri momenti per l’intimità sessuale, come la mattina quando si ha più energia“, dice Waite. “Il rapporto sessuale può essere difficile, ma coccole e baci al vostro partner, per mostrare conforto o affetto, possono aiutare a mantenere l’intimità“, aggiunge il dottor Lindau. “Comunicare con il vostro partner è anche utile. Spesso, le coppie affette da questo disturbo capiscono che sta condizionando la loro vita sessuale, ma non parlano“.

Perché è bene superare l’imbarazzo e parlare col proprio medico?

In primo luogo, sappiate che non siete soli. “I problemi sessuali sono frequenti tra gli adulti più anziani, ma questi problemi sono raramente discussi con i medici“, dice Lindau. “Circa il 40% degli uomini e delle donne che sono stati sessualmente attivi, nello studio di NSHAP, ha riportato almeno un problema sessuale. Molti pazienti sentono che vorrebbero discutere di sesso con il loro medico, ma che dovrebbe essere il medico ad aprire il discorso. Con il tempo e ulteriori informazioni su come aiutare i pazienti affetti da problemi sessuali, speriamo che i medici facciano del loro meglio per sollevare questi problemi. Se hai un problema e il medico non ti chiede niente, dovresti trovare un modo per inserire la tua preoccupazione durante l’incontro. Per esempio, si potrebbe dire ‘Sto avendo un problema di secchezza vaginale e voglio sapere se c’è qualcosa che posso fare a questo proposito’, o ‘Sono turbato dalla mia mancanza di interesse per il sesso. E’ diminuito drasticamente negli ultimi mesi e non so perché.’ Ho sempre consigliato i medici di essere diretti con i pazienti ed evitare giri di parole, i pazienti hanno bisogno di fare lo stesso. Se non siete chiari circa il vostro problema, il medico non saprà aiutarvi. Questo può essere frustrante per entrambi.”

Ogni medico può trattare i problemi sessuali, tra cui un medico di famiglia, un internista, un endocrinologo, un geriatra, uno psichiatra, un ginecologo o un urologo.

Anche la salute del partner è un elemento da discutere col proprio medico?

“Sì”, dice Lindau. Quando i problemi di salute interferiscono con il funzionamento sessuale, colpisce entrambi i partner. “La disfunzione erettile, per esempio, è fonte di preoccupazione per un uomo, ma è anche un problema di coppia“, concorda il dottor Mulhall. “Questo è vero per la maggior parte dei problemi sessuali“. Riportando la salute del vostro partner, il medico può consigliarvi meglio sui trattamenti ed è in grado di offrire suggerimenti su come parlare del problema nella coppia.

Quali farmaci sono disponibili per il miglioramento sessuale?

Creme idratanti e lubrificanti sono disponibili in farmacia, prescritti per il trattamento della secchezza vaginale“, dice Lindau. “Le terapie ormonali possono essere usate per trattare i problemi sessuali femminili, come la terapia con estrogeni sotto forma di un anello vaginale, crema o pillola per il trattamento di atrofia vaginale o secchezza. Per alcune donne che hanno rimosso le loro ovaie, gli androgeni o una terapia sostitutiva al testosterone possono essere utili per affrontare il problema della libido, ma la FDA non ha approvato la terapia agli androgeni per questo scopo. Molti altri farmaci, usati per il trattamento di una varietà di problemi sessuali femminili, sono attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici“.

La disfunzione erettile colpisce la metà degli uomini sopra i 40 anni a un certo punto della loro vita. Negli uomini più anziani, la disfunzione erettile di solito ha una causa fisica, come una malattia, lesioni o effetti collaterali dei farmaci. L’incidenza aumenta con l’età: circa il 5 % degli uomini sui 40 anni e dal 15 al 25% degli uomini sui 65 anni sperimentano la disfunzione erettile. Ma è una parte inevitabile dell’invecchiamento. “Negli ultimi dieci anni, abbiamo visto una crescita dei farmaci per il trattamento della disfunzione erettile. Tali farmaci hanno probabilmente avuto un impatto significativo sulla funzione sessuale degli uomini più anziani, sulla durata della loro vita sessuale e il piacere che deriva dal sesso“, spiega Lindau.

La maggior parte degli uomini è aiutata da questi farmaci. Se una pillola non aiuta, il prossimo livello di trattamento potrebbe includere iniezioni al pene, una supposta uretrale o un dispositivo a depressione. Potremmo considerare la chirurgia implantare del pene negli uomini per i quali la terapia medica non risulta utile, come ad esempio uomini con diabete o quelli che hanno subito un intervento chirurgico radicale alla prostata“.

 

Mostra commenti
Denti sensibili? Ecco i rimedi più efficaci
Denti sensibili? Ecco i rimedi più efficaci
14 modi per prevenire un attacco d’asma
14 modi per prevenire un attacco d’asma
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Come favorire la digestione
Come favorire la digestione
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?