Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Psoriasi ed estate: i consigli da seguire

Psoriasi ed estate: i consigli da seguire

Ultimo aggiornamento – 27 giugno, 2017

psoriasi: i rimedi
Indice

La stagione calda rappresenta una sorta di arma a doppio taglio per i due milioni di italiani affetti dalla psoriasi: se da una parte, la foto-esposizione e il mare sono utili al processo di regressione delle lesioni cutanee che caratterizzano questa patologia dermatologica, dall’altra bisogna evitare le scottature e una eccessiva secchezza cutanea che possono causare sintomi come prurito e infiammazione.

Quando si parla di psoriasi, un altro importante aspetto da tenere in considerazione è quello psicologico: secondo una ricerca della National Psoriasis Foundation americana, oltre il 40% dei soggetti che soffrono di psoriasi patiscono soprattutto in estate l’impatto psicologico del disturbo, poiché tendono a nascondere le lesioni sotto abiti, pantaloni e maglie a maniche lunghe, anche in spiaggia.

Tuttavia, gli effetti positivi di sole e mare sulle lesioni  sono notori a tutti, ma la foto-esposizione deve essere effettuata in modo graduale e con l’ausilio di una foto-protezione adatta; inoltre, bisogna ricordare di applicare la protezione solare ogni due ore, evitando di esporsi al sole tra le 13 e le 16: si tratta di regole generali che vanno seguite con particolare attenzione da coloro che soffrono di psoriasi, perché in questi soggetti ustioni e scottature possono determinare la riattivazione della psoriasi.

Psoriasi: i pericoli delle scottature

In particolare, le scottature scatenano il cosiddetto “fenomeno di Koebner“, che consiste nella insorgenza di placche nelle zone soggette a uno stimolo fisico, come la scottatura solare, o meccanico, come lo sfregamento o traumi locali.
È fondamentale che coloro che soffrono di psoriasi, ma non solo, mantengano la pelle sempre idratata e nutrita: per questo, si consiglia di detergere la cute con gel idratanti o a base oleosa, proseguendo poi, dopo la doccia, applicando creme emollienti formulate ad hoc.

Inoltre, si consiglia di indossare vestiti freschi e di cotone evitando abiti troppo stretti. Mai sospendere le terapie di propria iniziativa!

In estate, alcuni pazienti decidono di ridurre o sospendere le terapie farmacologiche senza consultare il medico, poiché assistono alla regressione delle lesioni: questo è sbagliato, poiché è importante che sia il dermatologo a suggerire come eventualmente modificare le terapie nel corso della stagione estiva.

Sospendere di propria iniziativa le terapie in atto può esporre a ricadute e peggioramenti ed, inoltre, la cosiddetta “vacanza terapeutica”, che veniva applicata in estate con i farmaci di vecchia generazione non risulta più necessaria con i moderni trattamenti biologici, che risultano più efficaci e sicuri anche nelle terapie più lunghe.

In estate, una dieta sana contro la psoriasi

Benché nessuno studio scientifico mostri l’esistenza di un legame tra alimentazione e psoriasi, nutrizionisti e medici consigliano una dieta sana e bilanciata che permetta di tenere sotto controllo il peso, i sintomi della malattia e di ridurre il rischio di insorgenza di patologie cardiovascolari e diabete.

psoriasi: la dieta

In linea generale, una alimentazione sana consiste nel seguire una dieta ricca in frutta, verdura, cereali integrali e latticini a basso contenuto di grassi. Tra i cibi più consigliati ci sono sicuramente i pesci grassi, come salmone, sgombri e sardine, ricchi in acidi grassi omega-3, sostanze fondamentali per la salute dell’apparato cardiovascolari e utili nel contrastare i processi infiammatori tipici della psoriasi.

Lo stesso effetto anti-infiammatorio naturale si può ottenere mediante un regime alimentare che prevede un largo consumo di frutta (es. mirtilli) e verdura, soprattutto carote, zucca, patate dolci, spinaci, cavoli e broccoli.

Una dieta “sana” prevede poi il consumo di legumi e soprattutto di cereali integrali che risultano ricchi in molecole dall’azione antiossidante e antinfiammatoria e contengono elevate concentrazioni di fibre.
Per ciò che concerne la carne, è meglio optare per il consumo di carni bianche, come pollo o tacchino: il consumo di carne rossa potrebbe favorire i processi infiammatori che caratterizzano varie patologie, tra cui la psoriasi, anche se attualmente non esistono prove scientifiche a sostegno di questa tesi.

L’alcol è annoverato nell’elenco di ciò che va limitato o evitato: può creare interazioni con i farmaci utilizzati nel trattamento della patologia e può favorire lo sviluppo di processi infiammatori.

Anche un eccessivo, e spesso inconsapevole, consumo di zuccheri aggiunti e trasformati può arrecare danno a tutti ma, in particolar modo, a chi soffre di psoriasi, in quanto può promuovere l’infiammazione: è importante imparare a leggere le etichette dei cibi che acquistiamo, poiché lo zucchero viene aggiunto a una vasta gamma di alimenti confezionati.

Va poi limitato il consumo di cibi fritti o cibi ricchi in grassi saturi o trans che favoriscono i processi infiammatori.
Sembra poi che alcune persone affette da psoriasi trovino giovamento a livello della sintomatologia della malattia, se smettono di consumare latticini: anche in questo caso, la scienza non ha ancora spiegato questo fenomeno ma, in linea generale, è opportuno scegliere latticini che non contengano troppi grassi.

Queste regole vanno bene per tutti: anche se non si soffre di psoriasi, è sempre il momento giusto per imparare ad amarsi mangiando in modo sano e curando la nostra pelle!

Mostra commenti
Formicolio e dolore alle mani: un campanello d’allarme per la sclerodermia
Formicolio e dolore alle mani: un campanello d’allarme per la sclerodermia
Personalità borderline: come riconoscerle
Personalità borderline: come riconoscerle
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?