Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Perché adoriamo poltrire durante il weekend?

Perché adoriamo poltrire durante il weekend?

Ultimo aggiornamento – 01 febbraio, 2016

Indice

Non c’è cosa più bella di restare a poltrire a letto durante il fine settimana!

I ritmi quotidiani che ci fanno correre avanti e indietro, fanno sì che attendiamo con ansia il weekend solo per rilassarci. Ma, dietro questa che a noi sembrerebbe una normale abitudine, c’è una spiegazione scientifica.

Innanzitutto, i ritmi cambiano di persona in persona.

Il nostro orologio biologico fa sì che riusciamo a stare svegli di giorno, quando la temperatura corporea e alta e dormire di notte, con il buio, quando la temperatura corporea è bassa.

Ma, allora, cosa succede quando restiamo a dormire anche durante il giorno?

I bunker di Aschoff e Wever

Negli anni ’60, Jurgen Aschoff e Rutger Wever studiarono i ritmi del sonno e della temperatura negli umani. Per fare ciò, posero dei volontari all’interno di bunker sotterranei senza orologi e senza finestre. Le luci artificiali c’erano, ed essi potevano spegnerle quando andavano a dormire e riaccenderle per svegliarsi.

Nel 40% dei casi, alla fine dell’esperimento, si erano creati nuovi ritmi rispetto a quelli di partenza, e il sonno non era più sincronizzato con la temperatura corporea.

Questo perché la luce artificiale blocca la sintesi della melatonina, l’ormone che facilita il sonno. Caso opposto è quello, ad esempio, dei cacciatori che dormono nei boschi e che hanno il fuoco quale unica fonte di luce. Essi vanno a dormire dopo il tramonto e si alzano all’alba, ma ciò avviene perché la luce del fuoco non influenza l’orologio biologico.

Il social jet lag

In pratica, è come se noi ci ponessimo ogni sera in un bunker come quelli di Aschoff e Wever e, solo quando spegniamo la luce, ci addormentiamo, sebbene la luce naturale del sole sia tramontata molte ore prima. E la mattina, per andare al lavoro, ci alziamo perché suona la sveglia, non perché abbiamo esaurito il sonno, cosa che, invece, accade durante il weekend, quando è il nostro orologio biologico a svegliarci.

Si parla, in questi casi, di social jet lag!

Vi è, comunque, molta differenza anche in base alle età perché, se, ad esempio, da ragazzi abbiamo bisogno di dormire minimo 9 ore a notte, da adulti, poi possiamo scendere a un massimo 7 ore. Oppure, vi sono persone che hanno un orologio biologico più lento e, quindi, in settimana vanno a dormire tardi e, poi, il fine settimana recuperano il sonno perso.

O ancora, alcuni di noi sono più sensibili alla luce artificiale, poiché la melatonina è maggiormente trattenuta nel corpo, quindi, si addormentano più tardi, dormono di meno in settimana e il weekend recuperano.

Piccoli accorgimenti per modificare il nostro sonno

In definitiva, una serie di piccoli accorgimenti possono portarci a modificare il nostro orologio biologico.

Ad esempio, riducendo l’esposizione alla luce artificiale di sera, possiamo addormentarci un po’ prima e, permettendo alla luce di entrare, potremmo abituare il nostro corpo a svegliarsi con la luce naturale.

In questo modo, si ridurrebbe il social jet lag e avremmo un risveglio migliore!

Mostra commenti
Congiuntivite: cause, sintomi e cura
Congiuntivite: cause, sintomi e cura
Carenza di minerali: cosa comporta?
Carenza di minerali: cosa comporta?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
10 trucchi per nascondere la cellulite (provare per credere)
Menopausa precoce: che fare?
Menopausa precoce: che fare?
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Gluten-free: non sempre fa bene alla salute
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero
Dal Pap test all’Hpv test: un nuovo metodo di screening del tumore all’utero