Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Melanoma: lo screening aiuta a dimezzare la mortalità per carcinoma

Melanoma: lo screening aiuta a dimezzare la mortalità per carcinoma

Ultimo aggiornamento – 25 luglio, 2016

Melanoma: screening

Non se ne parla molto spesso, ma anche il melanoma della pelle è un tumore che ha una alta mortalità se non viene preso in tempo. Il consiglio che viene dato è quello di effettuare uno screening diffuso per questo tipo di cancro, controllo che dimezzerebbe la possibilità di non riuscire a curarlo per bene.

Un team di ricercatori dell’Università del Texas afferma che è un tipo di tumore cutaneo molto aggressivo, che negli ultimi anni ha visto un aumento della sua incidenza del 3%. Per questo motivo, è stato istituito un nuovo progetto, denominato SCREEN, il quale vede coinvolti ben 360 mila tedeschi.

SCREEN: il progetto contro il melanoma

Le persone che sono state ingaggiate per questo enorme progetto, tra il 2003 e il 2004, hanno potuto beneficiare di controlli e campagne di informazione su tutti i fattori a rischio del melanoma, con specifici incontri sui primi segnali della comparsa della malattia. Nel 2009, quindi dopo 5 anni dall’inizio del progetto, le persone sono state rivisitate, scoprendo che il tasso di mortalità per il carcinoma della pelle risultava diminuito del 48%, rispetto agli anni precedenti.

Paolo Marchetti, Direttore dell’Oncologia Medica all’Ospedale Sant’Andrea di Roma, afferma che lo screening per il melanoma è a basso impatto economico, anche se comunque da dei risultati importanti. Infatti, riesce a localizzare il tumore nella fase in cui soltanto un piccolo intervento chirurgico sarà necessario per risolvere il problema. Secondo il dottor Marchetti, andrebbe introdotto nella prevenzione della salute, e l’informazione sarebbe da distribuire all’intera popolazione.

Che cos’è il melanoma?

Il melanoma è, solitamente, ma non sempre, un cancro della pelle. Comincia nei melanociti – le cellule che producono il pigmento della melanina che colora la pelle, capelli e occhi. I melanociti formano anche i nei, in cui il melanoma si sviluppa spesso. I nei possono essere un fattore di rischio per il melanoma, ma è importante ricordare che la maggior parte dei nei non si trasforma in melanoma.

Ci sono tre categorie generali di melanoma…

1) Il melanoma cutaneo è il melanoma della pelle. Poiché la maggior parte delle cellule pigmento si trovano nella pelle, il melanoma cutaneo è il tipo più comune di melanoma. Può essere descritto in quattro modi principali:

  • A diffusione superficiale
  • Nodulare
  • Acral lentiginous Melanoma
  • Lentigo maligna melanoma

2) Il melanoma della mucosa può verificarsi in qualsiasi mucosa del corpo, inclusi i passaggi nasali, la gola, la vagina, l’ano, o in bocca.

3) Il melanoma oculare, noto anche come melanoma uveale vs melanoma coroideale, è una forma rara di melanoma che si verifica negli occhi.

A differenza di altri tipi di cancro, questo può essere spesso visto sulla pelle, rendendo più facile rilevarlo nelle sue fasi iniziali. Se lasciato inosservato, però, il melanoma può diffondersi in siti distanti o organi distanti. Una volta che il melanoma si è diffuso ad altre parti del corpo (noto come stadio IV), si parla di melanoma metastatico, ed è molto difficile da trattare. Nelle sue fasi successive, il melanoma si diffonde più comunemente al fegato,a i polmoni, alle ossa e al cervello; a questo punto, la prognosi è molto scarsa.

Cosa causa il melanoma?

La ricerca suggerisce che circa il 90% dei casi di melanoma può essere collegato all’esposizione ai raggi ultravioletti (UV) provenienti da fonti naturali o artificiali, come la luce del sole e i lettini abbronzanti indoor.

Tuttavia, poiché il melanoma può verificarsi in tutti i melanociti sparsi in tutto il corpo, anche quelli che non sono mai esposti al sole, i raggi UV non possono essere gli unici responsabili di una diagnosi, in particolare della mucosa e nei casi di melanoma oculare. I punti di ricerca correnti si dirigono verso una combinazione di storia di famiglia, genetica e fattori ambientali, che possono anche essere coinvolti.

L’adozione di misure per prevenire il melanoma è quindi il miglior primo passo da fare per proteggere voi stessi e la vostra pelle. È importante conoscere tutti i fattori di rischio.

Mostra commenti
Gli interventi educativi “Evidence-based” per il Disturbo dello Spettro Autistico
Gli interventi educativi “Evidence-based” per il Disturbo dello Spettro Autistico
Identificato il recettore del cervello responsabile del disturbo ossessivo compulsivo
Identificato il recettore del cervello responsabile del disturbo ossessivo compulsivo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Come favorire la digestione
Come favorire la digestione
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?