Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Uno studio spiega l’alto rischio di psicosi tra i migranti rifugiati in Europa

Uno studio spiega l’alto rischio di psicosi tra i migranti rifugiati in Europa

Ultimo aggiornamento – 23 marzo, 2016

Indice

I rifugiati in fuga dalle guerre, dalle violenze e dalle persecuzioni hanno un rischio molto più elevato di sviluppare malattie psicotiche, come la schizofrenia, rispetto alle persone che migrano per motivi economici e sociali, questo secondo la ricerca pubblicata dal Tuesday.

I ricercatori che scrivono sulla rivista medica BMJ hanno suggerito ai funzionari sanitari dei governi dei paesi che accolgono i profughi, di prepararsi ad aiutare un numero sempre maggiore di pazienti che hanno bisogno di un sostegno mentale.

Un aiuto anche psicologico

La crisi umanitaria in Europa, nel Medio Oriente, in Nord Africa e in Asia centrale porta a pensare che attualmente ci sono più persone sfollate, richiedenti asilo e rifugiate in tutto il mondo, che in qualsiasi momento della Seconda Guerra Mondiale.

I rifugiati hanno portato a un aumento di rischio che si manifestino condizioni mentali, come il disturbo post-traumatico da stress, che porta a flashback e attacchi di panico e può rendere i pazienti emotivamente instabili. 

Così, un team svedese del Karolinska Institutet e dell’Università della Gran Bretagna di Londra ha utilizzato i dati nazionali del registro, per osservare più di 1,3 milioni di persone in Svezia e tenere le loro tracce per diagnosticare i disturbi psicotici non affettivi tra la popolazione.

Su una base pro capite, la Svezia ha concesso più richieste ai rifugiati rispetto a qualsiasi altro paese ad alto reddito, hanno detto i ricercatori, e, nel 2011, i rifugiati costituivano il 12% della popolazione immigrata.

Quelle persone includevano anche gli individui nati da due genitori svedesi, rifugiati e migranti non rifugiati provenienti dalle regioni generanti profughi: il Medio Oriente e il Nord Africa, l’Africa sub-sahariana, l’Asia, l’Europa orientale e la Russia.

I loro risultati hanno mostrato un totale di 3.704 casi di disturbi psicotici; i rifugiati a cui è stato dato asilo avevano il 66% di probabilità in più di sviluppare la schizofrenia o un altro disturbo psicotico rispetto agli immigrati non rifugiati. I rifugiati avevano anche 3,6 volte più probabilità di soffrire di psicosi rispetto alla popolazione svedese dalla nascita.

I ricercatori hanno detto che i funzionari della sanità dei paesi riceventi dovrebbero riconoscere la “necessità di prendere in considerazione i primi segni e sintomi di psicosi nelle popolazioni di rifugiati, come parte di un servizio di salute clinica verso la crisi umanitaria globale”.

In un commento sullo studio, pubblicato anche sul BMJ, Cornelius Katona, direttore medico presso la Helen Barber Foundation, ha detto che l’Europa ha bisogno di una “robusta risposta alla salute mentale dei rifugiati dalla crisi” e dovrebbe cercare di fare il suo meglio per ridurre le sollecitazioni delle persone al momento del loro arrivo.

Le considerazioni devono essere fatte anche davanti alle sfide che i richiedenti asilo affrontano durante quello che è spesso un processo lungo e doloroso”, ha detto. “Questi fattori possono includere la detenzione istituzionale, l’incapacità di lavorare (con una conseguente dequalificazione e una perdita di autostima), la miseria e la difficoltà di accesso ai servizi sanitari e sociali”.

Mostra commenti
La meditazione offre sollievo dal dolore cronico
La meditazione offre sollievo dal dolore cronico
Le variabili delle sigarette: causano ben 16 tipi di cancro differenti
Le variabili delle sigarette: causano ben 16 tipi di cancro differenti
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione