icon/back Indietro Esplora per argomento

Come si guarisce da un trombo all’occhio?

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Luglio, 2022

Trombosi all'Occhio: si Può Guarire?

La trombosi all’occhio o, tecnicamente, l’occlusione vascolare retinica consiste nell’interruzione del flusso di sangue nella retina a causa di un trombo.

La retina è la membrana nervosa oculare che riceve gli stimoli luminosi ed è costituita da una fitta trama di arterie e vene, che possono occludersi. Con l’interruzione del flusso vascolare viene bloccato il rifornimento di ossigeno alla retina, provocando danni.

Cerchiamo di capire se esistono e quali sono le cure per la trombosi, perché sicuramente una delle prime domande che ci si pone è se dalla trombosi all’occhio si guarisce.

Si guarisce da una trombosi all’occhio?

Le cure specifiche per la trombosi sono le terapie per sciogliere il coagulo (il trombo) e antiaggreganti piastriniche. Oltre a eliminare il trombo, però, è necessario occuparsi anche delle conseguenze prodotte e il trattamento, quindi, è variabile.

Nei casi in cui vi sia un edema maculare, sono consigliati il trattamento laser e l’utilizzo di steroidi per via intra-vitrale o per via sistemica. Se l’occlusione è stata totale (forma ischemica, come vedremo più avanti), il trattamento laser delle aree ischemiche è consigliato per evitare la formazione di nuovi vasi, che costituisce una complicanza. Ulteriori terapie farmacologiche più specifiche possono essere prescritte dal medico sulla base della condizione clinica del paziente.

Ma dalla trombosi all’occhio si guarisce, quindi? 

Il grado di recupero dalla trombosi all’occhio dipende da quanto esteso è stato il danno, perciò potrebbe non essere completo. La miglior cura per la trombosi, quindi, rimane la prevenzione. Fattori di rischio per la trombosi all’occhio sono:

  • Età superiore a 40 anni
  • Ipertensione
  • Malattie cardiovascolari
  • Ipercolesterolemia
  • Diabete
  • Glaucoma
  • Fumo

In questi casi, è opportuno sottoporsi a visite oculistiche regolarmente, almeno una volta all’anno, e ridurre tutti i fattori di rischio sia migliorando lo stile di vita sia seguendo le terapie appropriate.

Come riconoscere i sintomi di un trombo all’occhio?

Solitamente, solo un occhio è interessato dalla trombosi e quindi dai sintomi. In modo improvviso, avviene il calo della vista, senza dolore. 

Il calo della vista è sempre totale se il flusso sanguigno è interrotto nell’arteria centrale della retina, mentre può essere totale o parziale, se il flusso viene interrotto nella vena. Nel caso di occlusione di una vena, l’offuscamento della vista è di entità variabile e generalmente di breve durata (da pochi secondi a qualche minuto).

Le differenze nella sintomatologia della trombosi all’occhio dipendono da quale parte della retina è stata coinvolta, ad esempio, se viene danneggiata la parte centrale (macula), si avranno difficoltà visive da vicino ma anche da lontano, mentre se la parte centrale della retina non è coinvolta, si hanno disturbi visivi più lievi – i pazienti riferiscono che sembra loro di vedere dei “moscerini” nel campo visivo.

Trombosi all'occhio: ecco il perché

Cause di trombosi all’occhio sono:

  • Ipertensione
  • Aterosclerosi
  • Problemi della coagulazione
  • Malattie cardiovascolari
  • Diabete
  • Glaucoma

Tutte queste condizioni sono associate al danno vascolare, con progressiva perdita di elasticità della parete dei vasi, successive deformazioni e lesioni, e alla formazione di trombi che possono occludere i vasi. Altre cause di trombosi all’occhio sono l’aumento della pressione sanguigna dell’occhio a causa di traumi, neoplasie o altre patologie croniche.

La trombosi all’occhio è un evento abbastanza raro, ma quando si verifica ha sempre delle conseguenze. La gravità delle conseguenze dipende da due fattori:

  • Dal fatto che l’evento trombotico sia stato a carico di un vaso venoso o arterioso.
  • Quanto periferico è il vaso interessato dall’evento trombotico. Quanto più è piccolo e periferico il vaso interessato tanto più piccola è l’area della retina che subisce sofferenza.

Diversamente, più è grande e centrale il vaso colpito e maggiori e gravi saranno le conseguenze. A tal proposito, è più frequente che l’occlusione interessi una vena e non un’arteria.

Se avviene la trombosi agli occhi, quali conseguenze ci sono se si occludono i vasi centrali?

Cominciamo chiarendo che l’occlusione dell’arteria centrale della retina ha una prognosi peggiore rispetto all’occlusione della vena centrale retinica, poiché causa danni irreversibili al tessuto nervoso a seguito dell’ischemia. L’occlusione della vena centrale retinica, invece, può provocare due diverse forme di trombosi all’occhio: forma edematosa e forma ischemica. 

La forma edematosa è provocata da un’occlusione parziale della vena, quella ischemica dall’occlusione totale.

A seguito di trombosi agli occhi conseguenze sono anche la formazione di nuovi vasi e di emorragie che partecipano a peggiorare il quadro clinico del paziente. La formazione di nuovi vasi è una conseguenza comune che può portare alla complicanza del glaucoma neo-vascolare.

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

Revisionato da Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1744 articoli pubblicati

Revisionato da Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Maculopatie e luce blu: i rischi
Le maculopatie si sviluppano (anche) così

L’utilizzo (spropositato) di Smartphone e Pc può portare allo sviluppo di Maculopatie. Come proteggersi, dunque, dalla Luce Blu? Leggi qui per capirne di più.

Crema per la disfunzione erettile al posto del collirio: donna ricoverata in ospedale
Usa una crema per la disfunzione erettile al posto del collirio: una donna finisce in ospedale

La Vicenda è stata riportata dal BMJ Case Report: una donna di Glascow è stata ricoverata per via di una Catena di Errori che riguarda Due Farmaci.