Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Tumore Seno Proteina

Scoperta una proteina responsabile delle metastasi del tumore del seno

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 05 Settembre, 2014

Scoperta una proteina responsabile delle metastasi del tumore del seno

Il tumore al seno è una patologia che colpisce ogni anno milioni di donne, costrette a sottoporsi a terapie quanto più immediate per scongiurare il rischio di complicazioni e lo sviluppo di metastasi. Il 75% dei casi riguarda donne sopra i 50 anni che presentano una certa familiarità. Da alcuni studi è emerso che alcuni geni, il BRCA1 e il BRCA2 predispongono le pazienti a questo tipo di cancro. Anche un livello eccessivo di estrogeni può essere considerato un fattore di rischio.

Ma quali sono le ultime notizie sulle cause del tumore al seno?

Uno recente studio, che ha visto a capo Claudia Chiodoni e il team di ricercatori guidato da Mario Paolo Colombo, direttore della Struttura Complessa di Immunologia Molecolare dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, e pubblicato sulla rivista Cancer Research, ha evidenziato una delle cause di sviluppo delle metastasi nel carcinoma mammario in una proteina nota con il nome di “osteopontina” che normalmente è  estranea ed è coinvolta in altri processi fisiologici.

Cosa è l’osteopontina?

L’osteopontina è prodotta dalle cellule tumorali ma, nello stesso tempo, anche dalle cellule mieloidi del sistema immunitario, i globuli bianchi, che però non rilasciano la proteina all’esterno, ma la trattengono dentro la cellula. Così facendo, l’osteopontina funge da protezione per la cellula tumorale assicurandone la sopravvivenza, invece di avere il suo effetto immunosoppressivo al di fuori del contesto tumorale. Le metastasi, dunque, hanno modo di svilupparsi.

Una importante scoperta“, sottolinea Mario Paolo Colombo, “è l’identificazione dei meccanismi responsabili della disseminazione metastatica e delle cellule, tumorali e non, coinvolte in tale processo. Anche cellule normali, quali fibroblasti, cellule endoteliali e cellule del sistema immunitario, possono contribuire in modo attivo allo sviluppo del tumore al processo metastatico”.

La ricerca continuerà in questo senso per scoprire quali altri fattori possono essere arrestati e sconfiggere uno dei tumori più aggressivi per tutte le donne.

Mostra commenti
Dal limulo, granchio dal sangue blu, deriverebbe l’elisir dell’immunità
Dal limulo, granchio dal sangue blu, deriverebbe l’elisir dell’immunità
In diretta su Pazienti l’agenda digitale #5azioni per discutere insieme di diabete e alimentazione
In diretta su Pazienti l’agenda digitale #5azioni per discutere insieme di diabete e alimentazione
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?