Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Uova e yogurt come non li avete mai immaginati

Uova e yogurt come non li avete mai immaginati

Ultimo aggiornamento – 04 Maggio, 2012

Da recenti studi effettuati dal PCRM, l’Associazione di Medici Statunitensi per una Medicina Responsabile, sono emerse due importanti rivelazioni nel campo dell’alimentazione.

La prima riguarda il consumo di uova, già ampiamente messo sotto esame per gli effetti negativi che può arrecare a causa del livello elevato di colesterolo.

In questo studio, le uova vengono associate allo sviluppo del cancro alla prostata. Si è svolta una ricerca seguendo circa 30.000 uomini: considerando di mangiare due uova e mezza a settimana, tutti gli uomini che hanno partecipato a questo studio, hanno aumentato dell’81% il rischio di sviluppare il cancro alla prostata. Inoltre, si è riscontrato che se negli gli uomini già colpiti da cancro alla prostata si aggiungesse alla loro alimentazione la carne rossa e pollame, il rischio di morte aumenterebbe.

Non risparmia nessuno anche il seguente studio effettuato, invece, su donne in gravidanza, secondo il quale l’assunzione di yogurt durante la gestazione aumenterebbe il rischio di problemi respiratori al bambino che potrebbe così soffrire di asma. La ricerca è stata effettuata in Danimarca: lo yogurt magro creerebbe dunque problemi a livello respiratorio al bambino in età infantile, mentre quello intero potrebbe favorire lo sviluppo di rinite allergica nell’adolescenza.

Mostra commenti
Gli italiani e l’obesità. Uno su due è sovrappeso
Gli italiani e l’obesità. Uno su due è sovrappeso
Berrino: «Digiuno, vegetali e meditazione»
Berrino: «Digiuno, vegetali e meditazione»
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia