Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Vitamina D: perché potrebbe essere utile assumerla col pane (e non solo)

Vitamina D: perché potrebbe essere utile assumerla col pane (e non solo)

Ultimo aggiornamento – 10 marzo, 2021

Vitamina D
Indice

Le vitamine, unitamente a sali minerali, carboidrati, grassi e proteine, rappresentano degli elementi fondamentali per il buon funzionamento di molte attività vitali del nostro organismo, esse agiscono in autonomia o interagendo tra di loro. Le vitamine vengono indentificate con una lettera dell’alfabeto (A,B,C,E,D,K, ecc.), attualmente quelle conosciute sono 13, tra queste svolge un’importante funzione per la nostra salute la vitamina D.

Cosa conoscete di questa vitamina? Impariamo qualcosa insieme!

Cosa è la vitamina D: le proprietà

La vitamina D è di tipo liposolubile, le forme più importanti sono due:

  • vitamina D3, nota come colecalciferolo;
  • vitamina D2, nota come ergocalciferolo.

Questa vitamina favorisce principalmente la regolamentazione dei livelli di calcio nelle ossa e nel sangue, nonché svolge un ruolo fondamentale a livello di sistema immunitario, per la prevenzione di malattie croniche quali diabete, ictus, ipertensione, malattie cardiovascolari o a carico dell’apparato respiratorio.

Per il 80% l’assorbimento di vitamina D avviene mediante l’esposizione della pelle alla luce solare.

A differenza di molte altre vitamine, quella D, viene assunta solo per una bassa percentuale (2%) attraverso gli alimenti.

Cibi che contengono maggiori concentrazioni di vitamine sono olio di fegato di merluzzo, salmone, tonno, sgombro, tuorlo d’uovo, verdure. Non esiste comunque una dieta dedicata per l’assorbimento di vitamina D, che avviene essenzialmente attraverso i raggi solari ed eventualmente, in caso di carenza, mediante assunzione di specifici integratori.

Integratori di vitamina D: quando e come assumerli?

É frequente presentare livelli bassi di vitamina D durante i mesi invernali, quando l’esposizione ai raggi solari è nulla o particolarmente limitata. In questi casi, è possibile assumere specifici integratori.

Seppur parliamo di integratori, è bene introdurli nella dieta su prescrizione medica, nelle quantità e modalità specificate.

Per consentire un assorbimento ottimale della vitamina D, è particolarmente indicato assumere gli integratori dopo uno dei pasti principali, pranzo o cena, poiché la completa assunzione del complesso vitaminico richiede la presenza di grassi.

Quali sono i livelli ottimali di vitamina D?

Stanchezza eccessiva e dolori ossei possono essere evidenti sintomi di carenza di vitamina D. La carenza di vitamina D è frequente in soggetti anziani e donne in gravidanza.

L’impiego di determinati farmaci, il fumo, l’obesità, il consumo di alcool sono altre condizioni che possono determinare un abbassamento notevole dei livelli normali di vitamina D.  

I valori desiderabili di vitamina D sono compresi tra le 75 nmol/l (30ng/ml) e le 200 nmol/L (80ng/ml).

In quali quantità integrarla?

Il fabbisogno giornaliero di tale vitamina varia a seconda dell’età dell’individuo, più specificatamente: 

  • Per bambini: tra i 200 e 400 unità internazionali (UI) al giorno.
  • Per adulti: tra le 200 e 600 unità internazionali (UI) al giorno. L’apporto aumenta con l’avanzare dell’età.

La carenza di vitamina D è una delle principali cause delle dematerializzazione delle ossa con conseguenti problemi di osteomalacia per gli adulti o rachitismo nel bambino. Si tratta di disturbi di particolare rilievo accompagnati da dolori, facili fratture e ossificazioni a livello della cartilagine.

La carenza di vitamina D è responsabile anche di insufficienza di calcio a carico dei denti, rendendoli particolarmente vulnerabili alle carie. Analisi del sangue specifiche consentono di individuare nell’immediato eventuali carenze di vitamina e definire una terapia di integrazione. 

L’assunzione di vitamina D deve essere costante e regolarizzata giornalmente. È bene diffidare da terapie settimanali o mensili, fondate esclusivamente su un sovradosaggio che potrebbe generare effetti contrari rispetto a quelli desiderati, ovvero intossicazione e conseguente indebolimento osseo con rischio di cadute e fratture.

Ricordate, poi, un piccolo segreto per assumerla senza problemi di gusto: fatelo assieme a dei biscotti secchi o a un po' di pane, così sarà più semplice!

Mostra commenti
Dermatite, acne e pelle secca: i consigli dell’esperto per convivere al meglio con le misure anti-Covid
Dermatite, acne e pelle secca: i consigli dell’esperto per convivere al meglio con le misure anti-Covid
In Russia 7 casi di influenza aviaria: qual è il pericolo per l'uomo?
In Russia 7 casi di influenza aviaria: qual è il pericolo per l'uomo?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Problemi renali e vitamina B12 alta: qualche consiglio utile
Problemi renali e vitamina B12 alta: qualche consiglio utile
Menopausa precoce: che fare?
Menopausa precoce: che fare?
10 buone abitudini per dormire bene
10 buone abitudini per dormire bene
“Braccialetti rossi”: una fiction che racconta il coraggio di combattere dei giovani colpiti da malattie
“Braccialetti rossi”: una fiction che racconta il coraggio di combattere dei giovani colpiti da malattie