Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ictus

Ictus

Ictus
Curatore scientifico
Dr. Roberta Arca
Specialità del contenuto
Neurologia

Cos'è

L’ictus è una grave patologia medica che ha luogo quando per una parte del cervello viene ostruito il normale afflusso di sangue. Come tutti gli organi, il cervello ha bisogno di ossigeno e sostanze nutritive fornite dal sangue per funzionare correttamente. Se l'approvvigionamento di sangue è limitato o interrotto, le cellule cerebrali cominciano a morire. Questo può comportare conseguenti danni cerebrali e, nei casi più gravi, la morte.

Tipi di ictus

Ci sono due principali tipi di ictus:
  • ictus ischemico (che rappresenta oltre l'80% dei casi): l'afflusso di sangue viene interrotto a causa di un coagulo di sangue
  • ictus emorragico: un vaso sanguigno atto al trasporto del sangue al cervello scoppia apportando notevoli danni cerebrali
Vi è anche una condizione correlata, nota come attacco ischemico transitorio, dove l'apporto di sangue al cervello viene temporaneamente interrotto, provocando un "mini-ictus". Bisogna tener conto dei mini ictus in quanto segnali palesi di ictus in arrivo.

Una cattiva alimentazione è un fattore di rischio per un ictus. L’alto contenuto di grassi può portare alla formazione di placche di grasso nelle arterie e a ipertensione. Si dovrebbero evitare gli alimenti che contengono grassi saturi perché questi aumentano i livelli di colesterolo. Gli alimenti ricchi di grassi saturi da evitare sono:
  • torte a base di carne
  • insaccati e tagli grassi della carne
  • burro
  • strutto
  • crema
  • formaggio a pasta dura
  • torte e biscotti
  • alimenti che contengono olio di palma o di cocco
Una dieta equilibrata dovrebbe includere una piccola quantità di grassi insaturi, che contribuirà a ridurre i livelli di colesterolo e quindi i rischi di ictus. Gli alimenti ricchi di grassi insaturi sono:
  • pesce azzurro
  • avocado
  • noci e semi
  • semi di girasole, di colza, di oliva e oli vegetali
La combinazione di una dieta sana con l'esercizio fisico regolare è il modo migliore per mantenere un peso idoneo alla nostra costituzione e quindi ridurre il rischio di ictus

Soggetti a rischio

Solitamente i soggetti affetti da ictus sono gli over 65 anche se casi di ictus accadono in percentuale minima anche agli under 65, o raramente nell’infanzia. Ovviamente ci sono dei fattori che possono aumentare, in relazione allo stile di vita che si conduce, le possibilità di avere un ictus, come:

  • fumo di sigaretta
  • sovrappeso
  • mancanza di esercizio fisico
  • elevati valori di pressione arteriosa: valori superiori a 140 mmHg di sistolica e di 90 mmHg di diastolica
  • colesterolo alto
  • fibrillazione atriale: è un disturbo del ritmo cardiaco in cui si formano dei trombi nelle cavità cardiache che possono dare origine agli emboli che occludono le arterie cerebrali
  • diabete mellito: superiore a 126 mg/dl
  • elevati valori di glicemia a digiuno
  • eccessiva assunzione di alcol

Prevenzione

L' ictus può essere trattato con una combinazione di farmaci e, in alcuni casi, con la chirurgia. Nella prevenzione ovviamente una dieta equilibrata e uno stile di vita sano sono ottimi rimedi naturali; i danni da ictus richiedono lunghe riabilitazioni psico-fisiche e non sempre con garanzie di recupero al 100%.

Sintomi

I segni e i sintomi di un ictus variano da persona a persona, si verificano improvvisamente e dipendono dalla parte del cervello colpita, nonché dall’entità del danno.

I sintomi dell'ictus che dovrebbero far insospettire e indurre a chiamare subito il 118 sono principalmente cinque:
  • Debolezza o insensibilità di una metà del volto
  • Insensibilità e formicolio a uno degli arti (braccio o gamba) della metà del corpo
  • Incapacità di esprimersi o di comprendere qualcuno che sta parlando
  • Oscuramento o la perdita di visione da un solo occhio
  • Sensazione di vertigine, di sbandamento o cadute o un grave mal di testa

Fattori di rischio

Ci sono alcuni fattori di rischio che favoriscono l'ictus, come:

  • età
  • storico clinico ereditario
  • etnia
  • fumo
  • pressione alta (ipertensione)
  • obesità
  • alti livelli di colesterolo
  • peculiarità familiari legate a disturbi cardiaci o diabete
  • eccessiva assunzione di alcol
  • ipertiroidismo (ipertiroidismo)
  • eccessiva assunzione di caffeina

Diagnosi

L’ictus è di solito diagnosticato mediante lo studio delle immagini del cervello. Anche se i sintomi fisici di un ictus sono evidenti, la scansione del cervello deve essere effettuata per determinare:

  • se è stato causato da un'arteria bloccata o dallo scoppio di un vaso sanguigno
  • quale parte del cervello è stata colpita
Quali sono attualmente le tecniche per poter identificare un ictus?

  • TAC e/o Risonanza magnetica cerebrale
  • ecocolordoppler carotideo
  • angioTC o angiografia cerebrale
  • ecocardiogramma

Cura

Sicuramente il recupero da ictus non è immediato e comporta un intenso lavoro riabilitativo, ad ogni modo i danni e la ripresa da ictus dipendono anche dalla natura del soggetto colpito da ictus.

Il danno che provoca un ictus al cervello può avere effetti su molti aspetti della routine e a seconda delle circostanze individuali, si può richiedere un certo numero di trattamenti diversi e metodi di riabilitazione.

Complicazioni

Le complicazioni derivanti da ictus sono:
  • disfagia
  • problemi di deglutizione
  • idrocefalia
  • mal di testa
  • vomito
  • perdita di equilibrio
  • trombosi venosa profonda
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Distrofia muscolare di Becker
La distrofia muscolare di Becker è una patologia neuromuscolare degenerativa su base genetica, con un meccanismo di ereditarietà legato a...
Sindrome di Sluder
La sindrome di Sluder è una sindrome dolorosa appartenente al gruppo delle cefalee, causata dall’infiammazione del ganglio sfenopalatino.
Leucoencefalopatia
La leucoencefalopatia è una patologia dell’encefalo che provoca un’esclusiva o prevalente compromissione della sostanza bianca, caratteri...