Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Abbiamo finalmente un valido alleato contro l’alitosi

Abbiamo finalmente un valido alleato contro l’alitosi

Ultimo aggiornamento – 18 settembre, 2018

rimedi contro l'alito cattivo: il tè allo zenzero
Indice

Secondo un recente studio scientifico sembrerebbe che la soluzione per l’alitosi non sia da ricercare in sciroppi e dentifrici, bensì nel consumo di tè allo zenzero.

Vi sembra impossibile, vero? Invece no, non lo è. Lo zenzero è un ottimo rimedio contro l’alito cattivo. Ecco perché.

Tra i rimedi contro l’alito cattivo spunta lo zenzero

L’alitosi è un disturbo molto frequente, caratterizzato dall’emanazione di odori sgradevoli attraverso l’atto respiratorio. Può creare persino imbarazzo, e le persone attorno a noi possono sentirsi a disagio. Tuttavia, pare che i ricercatori della Technische Universität München di Frisinga in Germania abbiano scoperto che bere tè allo zenzero potrebbe essere una soluzione contro l’alitosi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Journal of Agricultural and Food Chemistry, suggerisce che il gingerolo, sostanza che conferisce alla radice dello zenzero il suo particolare sapore piccante, sia in grado di attivare un enzima che si trova nella saliva e che è capace di distruggere le sostanze odorose, garantendo quindi un alito gradevole e fresco.

Durante la ricerca condotta sul respiro e sulla saliva di molti volontari, gli studiosi hanno esaminato gli effetti dei composti alimentari sulle molecole contenute nella saliva. Si è dunque scoperto che il gingerolo è capace di aumentare di 16 volte la presenza dell’enzima sulfidrilico ossidasi 1, in grado di disgregare i composti contenenti solfuro, che si caratterizzano per avere odore sgradevole.

In particolare, tale enzima potrebbe ridurre il retrogusto persistente di tanti cibi e bevande, come per esempio il caffè. Così il dr. Thomas Hofmann, coordinatore della ricerca, sostenendo che “di conseguenza, anche il nostro alito avrebbe un odore migliore”. Insomma, individuato l’enzima, sarebbe semplice favorire la produzione di nuovi prodotti per l’igiene orale contro l’alitosi.

Non solo rimedi per l’alitosi: lo studio fa luce sulla percezione del gusto

Con questo studio, è emerso che l’acido citrico, presente in alta percentuale negli agrumi, ma anche nel vino e nei funghi, sembrerebbe in grado di incrementare la quantità di ioni di sodio della saliva, condizionando così la percezione del gusto e rendendo meno saporiti i cibi salati.

Su questo argomento il dr. Hofmann sostiene che “il sale da cucina non è altro che cloruro di sodio, e gli ioni di sodio svolgono un ruolo chiave nella percezione del sapore del sale. Se la saliva contiene già concentrazioni elevate di ioni di sodio, gli alimenti dovranno possedere un contenuto di sale significativamente più alto per poter avere un gusto relativamente salato”.

Dunque, sale a parte, i risultati dello studio sono decisivi per associare il consumo di tè allo zenzero a una soluzione contro l’alitosi.

Lasciatevi convincere e, anche solo per provare, rilassatevi sorseggiando una tisana allo zenzero che, oltre a essere particolarmente gustosa, è consigliata dagli esperti come rimedio della nonna per l’alito cattivo.

Mostra commenti
SMAU 2018, un evento dedicato all’innovazione 💻 Scarica il tuo ingresso omaggio!
SMAU 2018, un evento dedicato all’innovazione 💻 Scarica il tuo ingresso omaggio!
Riattivare la risposta immunitaria per sconfiggere il tumore ai polmoni: ecco come
Riattivare la risposta immunitaria per sconfiggere il tumore ai polmoni: ecco come
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?