icon/back Indietro Esplora per argomento

Come pulire gli occhi del cane

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 10 Ottobre, 2022

Scopriamo come pulire gli occhi dei cani

In questo articolo dedicato all’igiene dei nostri animali domestici vediamo come pulire gli occhi del cane, un’operazione semplice ma che richiede una procedura specifica e i prodotti giusti.

Come per noi umani, anche per i nostri cagnolini l’igiene è un aspetto fondamentale per evitare che batteri e microrganismi possano causare brutte infezioni.  

Ma entriamo nel dettaglio per vedere come e con cosa pulire gli occhi al cane quando si formano le secrezioni e in presenza di eccessiva lacrimazione.

Perché è importante pulire gli occhi al cane

La pulizia degli occhi al cane è molto importante e anche molto delicata. Bisogna sapere come farla e farla, ma nel 99% non c’è bisogno di pulire gli occhi.

Nel caso in cui il cane dovesse presentare delle secrezioni (o croste) a livello oculare, si può pulire - ma non è necessario farlo una volta a settimana

Se il fastidio si ripresenta, è buona cosa fare visita al veterinario

Se non si fa una pulizia costante per eliminare quei residui, gli occhi possono essere soggetti ad arrossamenti e ad alcune patologie, tra le quali la più comune è la congiuntivite.

Nella maggior parte dei casi, però, è la congiuntivite stessa a lasciare residui attorno all’occhio.

Pupilla, cornea, palpebra sono molto sensibili agli agenti esterni che vengono a contatto con l’occhio, e possono essere recettori di batteri e microrganismi portati da vermi, parassiti o acari che si annidano in agenti esterni come polvere, peli, sabbia, sporcizia, responsabili di irritazioni, infezioni e arrossamenti.

Dunque, è importante controllare quotidianamente gli occhi del cane per accertarsi che non vi siano graffi, croste, secrezioni che richiedano l’intervento del veterinario.

Come e con cosa pulire gli occhi del cane

undefined

La prima operazione da fare nel caso in cui il cane fosse a pelo lungo, è quella di tagliare il pelo attorno alla zona oculare per evitare che i peli possano andare negli occhi.

Per pulire gli occhi del cane da detriti di cibo, terra, erba, granelli di sabbia o altro, è bene:

  • usare una garza sterile (una diversa per occhio);
  • inumidirli con una soluzione oculare/fisiologica sterile specifica, che contiene sali minerali;
  • tamponare con delicatezza l’area intorno agli occhi, dall'alto verso il basso e dall’interno verso l’esterno, per ammorbidire, sciogliere e rimuovere lo sporco.

In alternativa, esistono anche delle salviettine oftalmiche imbevute di soluzioni detergenti e con azione lenitiva. 

Attenzione a non usare qualsiasi prodotto che può rivelarsi dannoso. Se non si conoscono detergenti specifici per pulire gli occhi al cane, è importante affidarsi al medico veterinario di fiducia per sapere quali prodotti naturali usare.

Cosa non fare

  • non usare fazzoletti o tovaglioli di carta che al contatto con le soluzioni si rompono lasciando piccoli pezzetti nella zona delicata degli occhi
  • non usare l’ovatta né batuffoli di cotone che, allo stesso modo, al contatto con il detergente possono lasciare pelucchi e residui intorno agli occhi provocando irritazione
  • non strofinare gli angoli interni degli occhi dove si concentrano le secrezioni.

Le secrezioni negli occhi del cane

L’eccessiva secrezione che si forma intorno agli occhi del cane è un problema molto frequente e da non sottovalutare

Il rischio infettivo è molto elevato quando manca una corretta igiene oculare.

La secrezione si riconosce da alcuni dettagli

In pratica, nella zona oculare del cane si forma una sostanza liquida trasparente o mucosa e di color grigio. In casi più particolari, la consistenza della secrezione può essere più densa e il suo colore tendere al giallo-verde

Ci si può accorgere della presenza di secrezioni anche da alcuni segnali nel comportamento del cane:

  • fastidio per la luce; 
  • alterazione del comportamento ;
  • continuo sfregare la zona oculare con le zampe;
  • aspetto strano dell’occhio che appare più chiuso.

Le secrezioni possono derivare da problemi di salute del cane, quindi si consiglia di affidarsi al parere di un veterinario.

Le cause più comuni delle secrezioni  

Tra le cause più comuni delle secrezioni, individuiamo le seguenti:

  • infezioni batteriche causate dalla presenza di agenti esterni nella zona oculare;
  • irritazione degli occhi a causa di smog e sostanze chimiche;
  • reazione allergica a qualche sostanza, da indagare con esami specifici; 
  • graffi o colpi nella zona oculare.

Secrezioni: ecco come pulire gli occhi del cane con acido borico

Per pulire gli occhi dalle secrezioni solidificatesi, i veterinari consigliano una formula a base di acido borico e acqua borica da applicare sulle palpebre del cane con una garza sterile

Dopo questa operazione, bisogna tamponare bene la zona per asciugarla con cura evitando di lasciarla inumidita.

Lacrimazione eccessiva nei cani e macchie di lacrime

undefined

Alcune razze di cani dal pelo bianco come Barboncini, Cocker Spaniel, Maltesi, Shitzu, Bichon, giusto per fare degli esempi, sono soggette al problema delle macchie di lacrime che assumono la forma di una riga rossiccia o marrone all'altezza dell'angolo interno dell'occhio. 

In sostanza, a causa della lacrimazione eccessiva si formano delle cristallizzazioni che macchiano il pelo del cane, per via della reazione dei cristalli al contatto con l’aria (come se si ossidasse il pelo).

Tuttavia, anche se potrebbe sembrare, il problema delle macchie non è solo estetico bensì anche legato alla salute del cane

Ecco perché è bene approfondire e individuare la causa della continua lacrimazione che può dipendere da:

  • condotti naso-lacrimale ostruiti;
  • forma allergica di natura alimentare o ambientale
  • carenze alimentari.

Tutti questi sono problemi che devono essere indagati da un veterinario, altrimenti si possono verificare delle dermatiti facciali.  

Il problema della continua ed eccessiva lacrimazione si chiama epifora, e può essere dovuto anche a queste cause:

  • irritazioni o infiammazioni che causano iperattività della ghiandola lacrimale; 
  • restringimento / occlusione dei condotti lacrimali (che hanno la funzione di convogliare le lacrime all'interno delle narici);
  • alterazione strutturale della palpebra inferiore;
  • alimentazione scorretta (è sempre bene sapere cosa e quanto deve mangiare il cane);
  • reazioni allergiche.

Come pulire le macchie di lacrime dagli occhi del cane

undefined

Se la lacrimazione non è eccessiva, si può eseguire una pulizia quotidiana applicando delle garze o un asciugamano inumiditi in acqua tiepida, da tamponare nella zona degli occhi. 

Per far sbiadire le macchie si può usare anche della camomilla preparata come se la si dovesse bere. Una volta lasciata raffreddare, la si può applicare direttamente sulle macchie con una garza o panno.  

Infine, anche in questo caso, per pulire le macchie che si formano sotto agli occhi del cane, si può usare l’acqua borica al 3% reperibile in farmacia

Una volta imbevuta la garza o panno sterile con questa soluzione, si deve massaggiare la zona oculare con delicatezza. E poi, tamponare per asciugarla.

In alternativa, si possono usare shampoo e prodotti specifici per la cosmesi dei cani, che usano anche i toelettatori. 

Piccole accortezze per prevenire le macchie di lacrime

È possibile prevenire l'insorgenza delle macchie di lacrime osservando qualche piccola accortezza. 

Una tra queste è evitare di portare il cane a passeggio quando c'è troppo vento. A causa del vento, infatti, qualche piccolo residuo potrebbe entrare negli occhi e provocare irritazione. 

Condividi
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Luca Buosi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Cane

480 articoli pubblicati

a cura di Dr. Luca Buosi
Contenuti correlati
Cane che beve da una fontanella
Quanto deve bere un cane: ecco cosa sapere

Quanto deve bere un cane? Ecco la quantità di acqua che dovrebbe assumere in base a questi parametri e tutte le cause del bere poco o del bere troppo.

Cane viene coccolato su un prato
Calmanti per cani, come gestire ansia e stress con i migliori rimedi naturali o farmacologici

Calmanti per cani: le cause e i segnali che il cane è stressato o ansioso e come gestire questi sintomi con i migliori rimedi naturali o farmacologici.

icon/chat