Edema polmonare nel gatto: cause, sintomi e trattamenti

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 27 Giugno, 2024

gatto sdraiato sul pavimento

L'edema polmonare è una condizione caratterizzata dall'accumulo di liquido negli alveoli polmonari che compromette la capacità del gatto di scambiare ossigeno e anidride carbonica in modo efficiente e, dunque, di respirare correttamente. Va trattata con urgenza.

Per confermare la diagnosi di edema polmonare, il veterinario in genere utilizza i risultati delle radiografie del torace (raggi X). Nella maggior parte dei casi, i farmaci possono risolvere l'edema polmonare, ma l'esito a lungo termine dipende in gran parte dalla causa sottostante. L'edema polmonare può avere diverse cause, tra cui alcuni traumi e condizioni mediche come cancro e insufficienza cardiaca.

Cos'è l'edema polmonare

Con edema ci si riferisce all'accumulo anomalo di liquidi nei tessuti tra i vasi sanguigni. Quando l'accumulo di liquidi si verifica nei tessuti dei polmoni, si parla di edema polmonare nelle regioni interstiziali e alveolari del polmone.

Queste strutture sono fatte per consentire all'ossigeno presente nell'aria di entrare nel flusso sanguigno. Quando si respira, l'aria riempie gli alveoli e le cellule che li rivestono, e i piccoli vasi sanguigni adiacenti assorbono l'ossigeno dall'aria inspirata e rilasciano l'anidride carbonica nell'aria espirata.

Quando gli alveoli si riempiono di liquido, lo spazio normalmente disponibile per l'assorbimento dell'ossigeno e l'eliminazione dell'anidride carbonica viene sostituito dal liquido, impedendo gli scambi gassosi.

In genere, il fluido che si accumula negli alveoli proviene dai vasi sanguigni e dai tessuti circostanti che si sono modificati in modo da "fuoriuscire" nei polmoni, detto in parole povere. 

Sintomi di edema polmonare nel gatto

A seconda della quantità di liquido accumulato nei polmoni, i segni clinici dell'edema polmonare nei gatti possono essere molto lievi o gravi e possono interessare sia il sistema respiratorio che quello cardiovascolare del gatto.

È necessario prestare attenzione ai segnali più comuni di questa condizione. Il gatto con acqua nei polmoni farà fatica a respirare ed emetterà dei rumori particolari, ma non solo.

Ecco i sintomi ai quali prestare attenzione:

  • tachipnea (respirazione rapida);
  • tosse secca;
  • dispnea (difficoltà a respirare o respiro corto);
  • respiro affannoso o rumoroso;
  • cinosi: labbra e lingua blu;
  • rumori crepitanti durante la respirazione (rantoli);
  • respirazione a bocca aperta;
  • debolezza e collasso.
  • vomito.

L'edema polmonare può essere causato da diverse condizioni mediche, e i segni clinici osservati possono essere correlati alla causa sottostante. In alcuni casi, l'edema polmonare può essere il risultato di un evento traumatico, come un incidente o una caduta.

In queste situazioni, il gatto potrebbe presentare altre lesioni o sintomi associati al trauma, oltre ai segni specifici dell'edema polmonare.

Spetta al veterinario valutare il gatto con attenzione per identificare eventuali condizioni concomitanti che potrebbero aver contribuito allo sviluppo dell'edema polmonare. In seguito a questa valutazione, il medico potrà fornire un trattamento adeguato sia per l'edema che per le altre lesioni correlate.

Cause dell'edema polmonare nei gatti

L'edema polmonare può avere diverse cause, tra queste, 

Le cause cardiogene:

  • malattie valvolari croniche (soprattutto della valvola mitrale o atrioventricolare sinistra);
  • cardiomiopatia ipertrofica nel gatto.
  • anomalie cardiache.

Le cause non cardiogene più comuni dell'edema polmonare:

  • lesione polmonare acuta;
  • polmonite;
  • ipoproteinemia (bassi livelli di proteine nel sangue); 
  • esposizione a tossine;
  • ostruzione delle vie aeree;
  • shock;
  • trauma cranico;
  • tumore ai polmoni;
  • inalazione di acqua (acqua nei polmoni per rischio annegamento).

Potrebbe interessarti anche:


Diagnosi

L'anamnesi e l'esame fisico sono i primi passi per la diagnosi di edema polmonare. Il veterinario ausculta il torace con uno stetoscopio (auscultazione) per determinare se i “suoni d'aria” nei polmoni e nelle vie respiratorie sono normali.

Con lo stesso strumento controlla anche il cuore alla ricerca di eventuali soffi cardiaci (rumori anomali tra un battito e l'altro) o di variazioni del ritmo e della frequenza cardiaca.

Il veterinario potrebbe richiedere esami del sangue per rilevare eventuali anomalie e le radiografie del torace (raggi X) per scoprire eventuali aree di accumulo di fluidi all'interno dei polmoni, per confermare la diagnosi di edema polmonare, e per identificare segni di polmonite o altre patologie polmonari.

Una volta diagnosticato l'edema polmonare, il medico può raccomandare ulteriori esami per determinare la natura del liquido e indagare sulle possibili cause dell'edema.

Si dovranno escludere altre condizioni con sintomi simili a quelle che riguardano la formazione del liquido nei polmoni del gatto, come:

  • ostruzione delle vie aeree superiori;
  • bronchite o polmonite;
  • malattie cardiache.

Le anomalie del cuore che possono essere correlate alle cause sottostanti l'edema polmonare possono essere visibili o meno sulle radiografie del torace. Per questo motivo è fortemente raccomandato un ecocardiogramma se si sospetta una causa cardiogena sottostante.

Trattamento dell'edema polmonare nel gatto

Il trattamento per l'edema polmonare nel gatto varia in base alla causa sottostante, ma in genere segue una strategia su tre fronti per affrontare sia i sintomi che la condizione di base:

Ossigenoterapia e farmaci per ossigenare correttamente i tessuti

L'ossigenoterapia è essenziale per garantire che i tessuti del gatto ricevano ossigeno sufficiente. Ciò può essere ottenuto attraverso l'uso di una maschera di ossigeno, di una gabbia di ossigeno o di un catetere nasale. Inoltre, possono essere somministrati farmaci come i broncodilatatori per aiutare ad aprire le vie aeree e facilitare il flusso di ossigeno nei polmoni.

Diuretici e altri farmaci per rimuovere il liquido dai polmoni

I diuretici, come la furosemide, sono essenziali per ridurre l'accumulo di liquidi nei polmoni. Questi farmaci agiscono aumentando la produzione di urina, favorendo così l'eliminazione dei liquidi in eccesso dall'organismo. Inoltre, altri farmaci, come gli ACE-inibitori, possono essere utilizzati per ridurre la pressione sanguigna e alleviare lo stress su cuore e polmoni.

Trattamento della causa sottostante

L'identificazione e il trattamento della causa scatenante dell'edema polmonare sono fondamentali per prevenire le recidive e garantire un recupero completo del gatto. Se l'edema è causato da una malattia cardiaca, il veterinario può prescrivere farmaci per il cuore o raccomandare modifiche alla dieta e allo stile di vita. 

Se l'edema è dovuto a polmonite, potrebbero essere necessari degli antibiotici per combattere l'infezione. In caso di esposizione a tossine o di ostruzione delle vie aeree, il trattamento sarà mirato a risolvere questi problemi specifici.

Prevenzione

Molte delle cause dell'edema sono ereditarie o traumatiche, l'edema polmonare non è generalmente considerato una condizione prevenibile. Tuttavia, molti pazienti con patologie cardiache sottostanti possono essere gestiti con discreto successo in modo che le loro condizioni non progrediscano verso l'edema polmonare (tranne, forse, negli ultimi stadi).

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Luca Buosi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Gatto

598 articoli pubblicati

a cura di Dr. Luca Buosi
Contenuti correlati
Gatto che annusa del pesce su un tagliere sopra il ripiano della cucina
Si può dare il pesce ai gatti? Cosa sapere

Il pesce è una fonte preziosa di nutrienti per le ossa e per il benessere dell’organismo umano, ma fa bene anche ai felini? Ecco tutti i consigli se si vuole dare il pesce ai gatti.

gatto in visita dal veterinario
Come riconoscere i sintomi della pancreatite nel gatto e come intervenire

Pancreatite nel gatto: ecco come riconoscerne i sintomi e intervenire, prima che la malattia possa diventare più grave.