icon/back Indietro Esplora per argomento

Sangue nelle feci del gatto: quali sono le cause e cosa fare

Paola D'Ambrosio | Web Content Editor

Ultimo aggiornamento – 02 Novembre, 2022

Sangue nelle feci del gatto: un focus

Avere un gatto domestico richiede cura e attenzione da parte dei proprietari, ciò significa che non bisogna sottovalutare alcune situazioni così come dei sintomi da parte del proprio animale domestico.

In questo senso, la presenza di sangue nelle feci del gatto può essere un campanello d’allarme sul suo stato di salute.

Da cosa dipende e cosa fare? Oggi approfondiamo questo argomento.

Le possibili cause 

undefined

Riscontrare del sangue nelle feci del gattino o del gatto adulto può dipendere da diversi fattori, generalmente tra le cause più comuni si possono menzionare:

  • malattie infiammatorie intestinali: possono dipendere da diverse cause e provocare dolori intestinali e infiammazione allo stomaco;
  • stipsi: difficoltà nella defecazione e feci dure possono causare lesioni e danni ai vasi sanguigni, determinando la presenza di sangue negli escrementi;
  • colite: l’infiammazione del colon può essere acuta o cronica e si manifesta generalmente con diarrea ma anche con sangue e muco dalle feci;
  • intolleranze alimentari o allergie alimentari: possono provocare irritazione e problemi nell'evacuazione;
  • presenza di vermi e parassiti intestinali: come per esempio gli anchilostomi o giarda (un protozoo che si diffonde se il gatto entra a contatto con oggetti o superfici contaminati da feci) che possono provocare emorragie nel tratto digestivo;
  • panleucopenia felina: una patologia infettiva provocata dal parvovirus, che attacca il sistema immunitario del felino in seguito ad un contagio diretto o indiretto con il virus. Essa può palesarsi nel giro di poche settimane nei gattini e risultare fatale, mentre nei gatti più adulti può manifestarsi con sintomi come vomito, inappetenza e diarrea, in alcuni casi accompagnata dal sangue.
  • ingestione di sostanze tossiche e/o velenose, di oggetti oppure di cibo degli umani;
  • stress: lo stress o situazioni stressanti (come ad esempio traslochi o nuove abitudini) possono causare diarrea e/o sangue durante l’evacuazione;
  • farmaci: la presenza di sangue può essere la conseguenza di ulcere gastrointestinali che potrebbero configurarsi come un effetto collaterale di alcuni medicinali (ad esempio antinfiammatori);
  • traumi o lesioni al tratto digestivo;
  • tumori o polipi: se colpiscono il tratto gastrointestinale possono manifestarsi con la perdita di sangue nelle feci.

Vediamo adesso come si possono presentare queste condizioni nel felino.

Feci del gatto con sangue: come si possono manifestare?

Le feci sanguinanti (ematochezia) possono avere aspetto, colore e consistenza differenti. Vediamo una panoramica.

Feci nere (o melena)

Gli escrementi possono apparire di un cuore molto scuro o nero in seguito ad una digestione non totale degli enzimi che si trovano nell’intestino tenue e possono anche segnalare problematiche a carico dello stomaco, della bocca dell’intestino oppure un blocco intestinale.

Sangue vivo nelle feci con e senza diarrea

Un gatto con diarrea e sangue è probabile che possa presentare delle lesioni o malattie all’interno del tratto intestinale, del retto o dell’ano, che potrebbero esser state provocate anche dalla diarrea stessa.

Il sangue vivo nelle feci del gatto può presentarsi anche senza diarrea, segnalando infiammazioni del tratto intestinale inferiore.

Sangue e muco

La presenza di sangue e muco nelle feci del gatto generalmente si verifica quando, in seguito all’irritazione intestinale, l’intestino crasso produce del muco per tentare di reagire all’irritazione.

Generalmente, possono presentarsi in caso di colite.

Sangue nelle feci del gatto: cosa fare?

undefined

In presenza di feci nel gatto è indispensabile rivolgersi al veterinario. Per indagare sulle cause, dopo l’anamnesi, lo specialista chiederà informazioni sulla storia, le abitudini e i comportamenti del felino prima di effettuare test specifici per individuare soprattutto possibili infezioni batteriche o parassitare in corso.

La diagnosi potrà avvenire attraverso:

  • esame fisico;
  • esame delle feci;
  • esame del sangue;
  • esame delle urine.

Per un’analisi più dettagliata, potrebbero essere necessari anche una radiografia e un’endoscopia, così da verificare le condizioni dell’intestino.

Esistono dei rimedi naturali per il sangue nelle feci del gatto?

Come detto in precedenza, soltanto il veterinario potrà decidere il trattamento più adatto nel caso di sangue nelle feci del gatto.

Oltre alla possibile prescrizione di farmaci ed esami specifici (o interventi chirurgici), qualora questa situazione dovesse essere legata allo stress (principalmente dovuto a un cambiamento nella routine dell’animale), si potrebbe cercare di ritornare temporaneamente alle abitudini originarie del gatto, cercando di dargli del tempo per adattarsi al cambiamento.

Se, invece, la causa scatenante dovesse rinvenirsi in problemi alimentari, allora potrebbe essere necessaria una modifica nella dieta, andando così ad escludere i cibi o gli ingredienti che causano malessere nel felino, avendo cura anche di idratarlo correttamente.

Dunque, è importante risalire alla causa del sangue nelle feci del gatto e solo uno specialista può farlo.

Condividi
Paola D'Ambrosio | Web Content Editor
Scritto da Paola D'Ambrosio | Web Content Editor

Sono laureata in International Relations e ho seguito un master in Digital PR, Social Media e SEO. A pazienti.it mi occupo della realizzazione di newsletter e della creazione di contenuti SEO principalmente su temi relativi alla cura della persona, alla genitorialità, al benessere umano e animale.

a cura di Dr. Luca Buosi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Paola D'Ambrosio | Web Content Editor
Paola D'Ambrosio | Web Content Editor
in Gatto

84 articoli pubblicati

a cura di Dr. Luca Buosi
Contenuti correlati
Un gatto triste
Terza palpebra del gatto: cos'è e come prendersene cura

Cos'è la terza palpebra del gatto e quale funzione riveste per l'animale? Scopriamo quali sono le problematiche più comuni e come prendersene cura.

Padrone prepara cibo per il gatto che attende di mangiare
Qual è il cibo preferito dei gatti?

Qual è il cibo preferito dei gatti? Scopriamo quali sono gli alimenti più indicati per l'alimentazione dei felini e quali, invece, è meglio non proporre.

icon/chat