Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Accertamenti Prostata

Un uomo di 66 anni con problemi alla prostata, che altri esami deve fare?

Egregio dottore, ho 66 anni da quasi 9 anni faccio accertamenti sulla prostata, ho fatto di tutto: psa incominciato da 4,70 arrivato a 9, pca3 33, psa2pro normale, ecotransrettale prostata flogosi senza noduli, 2 biopsie negative, rm con contrasto sempre negative. Ho fatto il psa e free il risultato era 11, ho fatto 2 mesi di antibiotico e antinfiammatori e dopo 2 mesi è sceso a 9,45, ho ripetuto questo mese il psa ed è 17,85, quello free 5,53, la ratio è //, non capisco questo aumento così di colpo, il mio psa è da 10 anni sempre 7,8 o 8,9. Sono in cura con Xatral da 10 e Permixon. Reazione erettile negativa, non prendo altri farmaci, non ho disturbi, non mi rialzo nelle ore notturne per andare in bagno. Ho provato anche a prendere Cialis da 5 mg, ma ho dovuto sospendere perché mi dava mal di testa. Ho eseguito la rm multiparametrica della prostata con mdc diffusione e spettroscopia, il risultato è il seguente: aumento delle dimensioni della ghiandola centrale con aspetto disomogeneo come per iperplasia fibro-adenomiomatosa. Nelle immagini t2 dipendenti di documenta lieve diffusa ipointensità di segnale della parte posteriore della zona periferica di entrambi i lobi, in relazione al quesito clinico non sono riconoscibili aree focali di alterata intensità di segnale della zona periferica della prostata nè aree di restrizione della diffusione di ipervascolarizzazione. Nella sequenza spettroscopica non si documentano elevati picchi di colina. Un nodulo ipointenso ipervascolarizzato e con restrizione della diffusione è presente nella parte più craniale del lobo medio del diametro di 13 mm. In sua corrispondenza non è presente un elevato picco di colina. Non sono apprezzabili macro segni di soluzione della capsula prostatica, alterazioni dell'intensità di segnale del tessuto adiposo adiacente al fascio vascolo nervoso bilaterale nè alterazione della morfologia delle vescichette seminali. Assenza di versamento negli spazi peritoneali pelvici, vescica scarsamente distesa con pareti ispessite, come per vescica da sforzo. Non evidenti immagini linfoadenomegalie pelviche. Dopo di questo ho fatto la biopsia mirata sul nodulo di 13 mm. 1) frustolo agobioptico lunghezza cm. 1.6. 1blti; 2) frustolo di cm. 1.2. Diagnosi: frustoli agobioptici di prostata con moderata flogosi cronica aspecifica, riacutizzata. Si consiglia follow-up. Dopo questo esame sono andato avanti solo con Xatral da 10 e Permixon. Dopo un rapporto, ho notato sangue vivo nello sperma però mi è successo mentre facevo un ciclo di trimetoprim/sulfametoxazolo mentre in precedenza non si era mai verificato, ho eseguito anche l'esame dello sperma ed è negativo. La ringrazio e la saluto cordialmente.

Caro utente, alla luce della tua storia clinica, dopo tutti gli esami che hai fatto, il tuo psa è con altissima probabilità legato alla tua prostatite cronica. Pertanto, non penso che sia più necessaria alcuna biopsia, mentre per il sangue è normale che possa uscire dopo la biopsia.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe Quarto
Dr. Giuseppe Quarto
Napoli - Via Mergellina
Altre risposte di questo specialista
Psa: quali sono i valori nella norma?
Caro utente, il psa è una proteina prodotta dalla prostata, benché si ritenga che un valore superiore a 2.5 ng/dl sia un piccolo campanello d'allarme,...
Cistoscopia di controllo: quali sono i limiti?
Caro utente, i protocolli internazionali prevedono che la cistoscopia per i primi 2 anni, specie in caso di neoplasie di alto grado, debba essere eseguita...
Prostata: che esami fare?
Caro utente, la diagnosi di prostata infiammata è una diagnosi sopratutto clinico analmenestica, che si fa tramite visita urologica eventualmente correlata da ecografia; potrebbero...
Prostatite: come curarla?
Caro utente, la prostatite è una patologia seccante da guarire, perché per debellarla è necessario individuare le cause, c'è anche da dire che...
Diverticolite vescicale: ci si può sempre operare?
Buonasera,premesso che per riparare la perforazione vescicale potrebbe non essere necessario l'intervento, in alcuni casi basta tenere la vescica asciutta posizionando un catetere. La...
Vedi tutte
Risposte simili
Fimosi: di che cosa si tratta e come viene trattata?
La fimosi può essere presente dalla nascita oppure può manifestarsi in seguito a traumi conseguenti a brusche manovre di retrazione del prepuzio. È...
Varicocele: come si effettua la diagnosi?
Il varicocele è raro nei bambini d’età inferiore ai 10 anni, mentre, alla fine dell’adolescenza, compare in 15 ragazzi su 100. Si può manifestare...
Ipospadia: che cos'è e come viene trattata?
L'ipospadia è una malformazione congenita in cui il meato dell’uretra non sbocca al vertice del pene, ma in un punto qualunque della...