Prostatite (dolori alla prostata)

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Giuseppe Dovinola
Indice contenuto:
  1. Che cos’è la prostatite?
  2. Quali sono i sintomi della prostatite?
  3. Quali sono le cause della prostatite?
  4. Come viene diagnosticata la prostatite?
  5. Come si cura la prostatite?

Che cos’è la prostatite?

Prostatitis

La prostatite è spesso descritta come un’infezione della prostata. Può anche essere un’infiammazione senza segni d’infezione. Solamente il 5-10% dei casi sono effettivamente causati da un’infezione batterica. Non aumenta il rischio di avere il cancro alla prostata.

La prostatite può interessare uomini di ogni età. Secondo il National Institutes of Health la prostatite è responsabile di fino al 25% delle visite d’ufficio di uomini giovani o di mezza età che lamentano sintomi riguardanti i sistemi genitale e urinario. Di fatto la prostatite cronica (i.e. che interessa un periodo prolungato e non se ne va) è la prima ragione di visita urologica per gli uomini sotto i 50 anni. In alcuni casi la prostatite cronica viene successivamente a un attacco di prostatite acuta. La prostatite cronica può anche essere collegata ad altre infezioni del tratto urinario. Il sintomo primario della prostatite cronica infettiva è solitamente l’infezione recidivante della vescica. La prostatite è considerata cronica se perdura per più di tre mesi.

I tipi di prostatite includono.

Prostatite cronica

Prostatite batterica cronica. Questa malattia è il risultato di infezioni ricorrenti del tratto urinario che si sono estese alla ghiandola prostatica. Si pensa che in alcuni individui possa permanere anche alcuni anni senza produrre sintomi. I sintomi sono simili a quelli della prostatite batterica acuta, ma sono meno gravi e possono fluttuare d’intensità. Talvolta a questi uomini viene somministrata una terapia antibiotica a basso dosaggio a lungo termine.

Prostatite cronica non battericasindrome del dolore pelvico cronico. Questa è la forma più comune di prostatite, responsabile del 90% dei casi. Questa condizione è caratterizzata da dolore alla minzione e dolore genitale per almeno 3 mesi dei 6 mesi passati. I pazienti non presentano batteri nell’urina, ma possono mostrare altri segni di infiammazione. Questa malattia può venire confusa con la cistite interstiziale (un’infiammazione cronica della vescica).

Prostatite acuta

Prostatite batterica acuta. È un’infezione batterica improvvisa caratterizzata dall’infiammazione della prostata. Questo è il tipo di prostatite meno comune, ma di solito i sintomi sono acuti. I pazienti con questa problematica presentano un’infezione del tratto urinario con un aumento nella frequenza e nell’urgenza minzionale, cioè sentono lo stimolo ad urinare la notte e lamentano dolore nelle zone genitale e pelvica. Spesso hanno la febbre, brividi, nausea, vomito e bruciore alla minzione.

Una prostatite acuta batterica richiede un intervento immediato, poiché questa condizione può portare ad infezioni della vescica, ascessi della prostata o, in casi estremi, al blocco totale del flusso urinario. Se trascurata, questa condizione può portare a confusione, pressione bassa e potrebbe essere fatale. Questo tipo di malattia è solitamente trattato negli ospedali con antibiotici intravenosi, antidolorifici e fluidi.

Quali sono i sintomi della prostatite?

Potresti avere la prostatite senza accusare sintomi, oppure avere sintomi talmente gravi ed improvvisi da rivolgerti al pronto soccorso.

Quando presenti, i sintomi includono:

  • Frequenza e urgenza minzionale
  • Difficoltà a urinare
  • Dolore o bruciore durante la minzione
  • Brividi e febbre

Altri sintomi comprendono dolore intermittente nel basso addome, intorno all’ano, all’inguine o alla schiena. In alcuni casi i batteri possono raggiungere i vasi deferenti (i tubi che portano lo sperma dai testicoli all’uretra), causando dolore inguinale o un’infezione dell’epididimo (l’area prossima al testicolo in cui le cellule spermatiche maturano e vengono conservate).

La prostata può ingrossarsi, causando un flusso urinario meno vigoroso. Talvolta sangue nelle urine e una eiaculazione dolorosa sono altri sintomi della prostatite. 

Quali sono le cause della prostatite?

Non è chiaro come la prostatite si infetti. È possibile che i batteri che la causano risalgano alla prostata tramite un flusso inverso di urina infetta dall’uretra o provengano dall’intestino retto. Una volta si credeva che la prostatite fosse una malattia a trasmissione sessuale, ma ricerche più recenti suggeriscono che solo pochi casi sono dovuti al sesso.

Alcune malattie e alcune procedure mediche aumentano il rischio di sviluppare una prostatite. Hai un maggior rischio di sviluppare una prostatite se:

  • Sei stato sottoposto di recente all’inserzione di un dispositivo medico come un catetere urinario (un tubo morbido lubrificato che serve per drenare l’urina dalla vescica)
  • Hai avuto rapporti sessuali anali
  • Hai un tratto urinario anormale
  • Hai recentemente avuto un’infezione della vescica
  • Hai la prostata ingrossata

Altri casi includono le malattie autoimmuni (per cui l’organismo scatena una reazione anormale contro il tessuto prostatico).

Come viene diagnosticata la prostatite?

Se il tuo medico sospetta che tu abbia la prostatite o un altro problema prostatico, ti puoi rivolgere a un urologo (il medico specializzato in problemi del tratto urinario e del sistema riproduttore maschile) per confermare la diagnosi.

I pazienti tipicamente vengono sottoposti a un esame completo che comprende un esame digito rettale. Il medico potrà così valutare se la ghiandola prostatica sia ingrossata o meno. Questo esame permette allo specialista di acquisire anche altre informazioni. Successivamente, se il medico non è sicuro della diagnosi, può richiedere ulteriori esami, come l’analisi del liquido prostatico alla ricerca di segni di infezione, gli ultrasuoni trans-rettali, indagini urodinamiche e/o contrastografiche e, in ultima analisi,una biopsia.

Come si cura la prostatite?

Se la prostatite è causata da un'infezione batterica occorre un ciclo di antibiotici. Tuttavia, in molti casi di prostatite non c'è infezione e la causa è incerta, il che rende il trattamento difficile.

Cura per la prostatite acuta

La prostatite acuta è causata da un'infezione batterica della ghiandola prostatica ed è curata con le compresse di antibiotico. La maggior parte delle persone avrà bisogno di un corso di quattro settimane. I sintomi dovrebbero passare nel giro di due settimane.

Il dolore può essere alleviato con paracetamolo e/o ibuprofene. Se il dolore è particolarmente acuto può essere prescritto un antidolorifico più forte, come la codeina.

Cura della prostatite cronica

Se la prostatite è cronica è necessario un corso di quattro settimane di compresse di antibiotici. Può anche essere prescritto un farmaco alfa-bloccante.I farmaci alfa-bloccanti aiutano a rilassare i muscoli della vescica e possono quindi migliorare i problemi di minzione. I possibili effetti collaterali degli alfa-bloccanti sono:

  • vertigini
  • mal di testa
  • debolezza
  • carenza di spermatozoi durante l’eiaculazione

Dopo aver completato il corso di antibiotici, verrà eseguito un test delle urine per verificare la presenza di batteri nella prostata o nelle sue vicinanze. Se il test è positivo, può essere necessario un ulteriore ciclo di antibiotici.Come nei casi di prostatite acuta, per contribuire ad alleviare il dolore possono essere utilizzati il paracetamolo e/o l'ibuprofene .Se la causa non è un’infezione batterica, gli antibiotici non sono necessari. In questo caso, occorre semplicemente essere trattati con i farmaci alfa-bloccanti, il paracetamolo e l’ibuprofene.