icon/back Indietro

Cos'è un fibroadenoma?

In seguito a mammografia che segnala a livello del qse sinistro una formazione nodulare delle dimensioni circa di cm 1 parzialmente calcifico da riferire a fibroadenoma, vengo invitata ad eseguire un'ecografia a causa del parenchima che bilateralmente risulta piuttosto rappresentato per avere una più attenta analisi di struttura. L'ecografia rileva invece a sx del qse una formazione nodulare lobulata di circa 11 mm che presenta cluster microcalcifici all'interno. Per cui, chiede un utile accertamento diretto con fnab. Il senologo mi riceverà solo tra 20 giorni ed io mi chiedo che significa tutto ciò, ho un tumore o no?

Risposta

Buongiorno,

il quadro di fibroadenoma mammario di per sé non è preoccupante: bisogna solo controllare che non cresca. La presenza di agglomerati microcalcifici aumenta il rischio che ci possa essere un tumore, ma sarà solo l'esame istologico che potrà chiarire del tutto il quadro.

Prendiamo pure in considerazione l'ipotesi peggiore (cui non credo perché anche con la mammografia avrebbero visto le microcalcificazioni particolari, definite "a rosetta" che distinguono il tumore) siamo in una fase assolutamente iniziale, con possibilità di guarigione del 100%.

In bocca al lupo

Risposta a cura di
Dr. Gianfranco Blaas
Dr. Gianfranco Blaas
Risposte simili
Irsutismo: di cosa si tratta?
Salve,per irsutismo, si intende una condizione caratterizzata dall’anomala presenza di peluria terminale (grossa, ruvida e pigmentata che prima della pubertà è presente solo a livello...
Prolattina alta: quali sono le cause e le conseguenze?
Buongiorno,la prolattina è un ormone, normalmente prodotto dall'ipofisi, che ha la funzione di stimolare la produzione di latte nelle donne dopo la gravidanza...
Altre risposte di questo specialista
Visita al seno: come interpretarla?
Se l'ecografista ha consigliato la prosecuzione delle indagini, io seguirei il consiglio. L'età di tua mamma è ancora a rischio (tanto è...
Fattore V di Leiden e la pillola contraccettiva, ci sono dei rischi?
Alterazioni del fattore V di Leiden ed uso di estroprogestinici, soprattutto di terza generazione, fanno sicuramente aumentare il rischio di tromboembolismo venoso, ma in modo...
Vedi tutte