Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Quali Sono Le Conseguenze Della Prolattina Alta

Quali sono le conseguenze della prolattina alta?

Ho scoperto di avere la prolattina alta: quali possono essere le conseguenze di questa situazione?

Buongiorno,

la prolattina è un ormone, normalmente prodotto dall'ipofisi, che ha la funzione di stimolare la produzione di latte nelle donne dopo la gravidanza e di "bloccare" la fertilità durante le prime fasi dell'allattamento.

Quali sono le cause dell'iperprolattinemia?

L'eccesso di prolattina nel sangue (iperprolattinemia) è quella condizione caratterizzata da valori ematici di prolattina superiori alla norma. Questa condizione, spesso, si accompagna a mancanza di ovulazione e disturbi del ciclo mestruale (nella donna) e a perdita della libido e della potenza (nell'uomo).

I sintomi della prolattina alta

Nella donna, la prolattina alta si manifesta con alterazioni del ciclo mestruale, quali: 

Spesso, si accompagna a galattorrea (ovvero fuoriuscita di secrezioni lattescenti dal capezzolo), spontanea o provocata dopo la spremitura del capezzolo.

Inoltre, ci può essere sintomatologia dolorosa durante i rapporti sessuali e osteoporosi. Nell’uomo, invece, i sintomi più frequenti sono:

Nel caso in cui la causa dell’iperprolattinemia fosse un adenoma ipofisario (e soprattutto un macroadenoma), ai sintomi sopradescritti si possono aggiungere quelli conseguenti alla compressione determinata dall’adenoma sulle strutture nervose adiacenti: spesso si tratta di disturbi visivi (emianopsie) conseguenza della compressione, completa o parziale, o di disturbi neurologici, come la cefalea.

I valori normali della prolattina 

Per valutare i valori della prolattina, è necessario eseguire un esame del sangue.

I valori normali sono:

  • Nelle donne non in gravidanza: < 25 ng/mL
  • Nelle donne in gravidanza: 34-386 ng/mL
  • Negli uomini: < 15 ng/mL
Come si cura la prolattina alta?

Nel caso in cui si riscontri la prolattina alta, la paziente dovrà seguire una terapia farmacologica, il cui dosaggio varierà a seconda delle esigenze. 

Solitamente, due mesi sono sufficienti per ottenere già dei risultati. 

Un saluto

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gianfranco Blaas
Dr. Gianfranco Blaas
Verona
Altre risposte di questo specialista
Bitest: come si interpreta?
Sì, vanno bene. Ricordo che il Bitest è un esame di screening, che assume maggior sicurezza se abbinato ad uno studio ecografico della
Intensa flogosi: come va trattata?
Ritengo che l'intensa flogosi possa nascondere ancora presenza di HPV, per cui farei terapia con Betadine compresse vaginali, associato a Betadine ginecologico...
Cura con ovuli: dopo quanto tempo fare l'urinocoltura?
Fai passare almeno una settimana dalla fine cura per fare l'urinocoltura. Non mi dici in che fase eri del periodo mestruale, perchè, una certa...
Vaccino per rosolia: è consigliabile prima di una gravidanza
Non posso permettermi di dire se il laboratorio privato fosse attendibile. Ad ogni buon conto, rifarei un richiamo del vaccino, aspettando poi almeno 3 mesi...
Condilomi genitali: come si presentano?
Penso che effettivamente possano essere condilomi, che di solito hanno profilo più appuntito rispetto ai fibromi, che sono più rotondeggianti. Da quanto capisco,...
Vedi tutte
Risposte simili
Piastrine basse in un bimbo di 11 anni: quali sono le possibili cause?
La causa può essere un'alterata produzione oppure una risposta di alterata immunità. Ti consiglio di indagare anche i fattori della coagulazione. ...
Ferritina bassa: cosa fare?
Buongiorno. Le donne in età fertile, come nel tuo caso, perdono quel ferro dai depositi con il ciclo. E' opportuno che tu assuma alimenti ricchi...
Ferritina e piastrine alte: cosa fare?
Buongiorno. La vera terapia che puoi seguire è semplicemente un attento controllo dei valori ogni 6 mesi. In caso...