Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Glossite

Come si cura una glossite in una ragazza di 26 anni?

Buonasera, sono una ragazza di 26 anni e attualmente ho una glossite. Si tratta di un episodio virale poiché sorto in seguito ad una brutta influenza. Sono stata una prima settimana a casa con una normale influenza con decimi e mal di gola. A 5/6 giorni dalla guarigione, ho preso una ricaduta sempre con decimi e mal di gola, a cui si sono aggiunti i muchi nelle vie respiratorie. Siccome i muchi gialli, dopo qualche giorno, si affievolivano, sotto consiglio del mio medico, non ho preso l'antibiotico poiché sembrava che il mio sistema immunitario ce la stesse facendo a guarire senza. Dopo circa una settimana in cui avevo ancora i decimi e i muchi miglioravano sempre più, ogni tanto inizio ad avvertire come se la lingua fosse anestetizzata con perdita di sensibilità. La sensazione mi veniva soltanto la sera. Finché una sera questa sensazione è diventata fortissima ed era davvero sgradevole, e in più iniziavo a sentire le guance e le mascelle indolenzite, come se facessi più fatica a muoverle e mi prendeva questa sensazione di indolenzimento dalle guance fino alle tempie. Sotto consiglio del mio medico a quel punto iniziamo l'antibiotico. Dalla seconda sera dopo aver preso l'antibiotico la sensazione di fastidio alla lingua si ripresenta ed è molto peggio del solito. La lingua era gonfia. Il medico mi dice di prendere subito il cortisone Bentelan, che normalmente uso anche per l'asma, quel giorno presi 10 mg di cortisone distribuiti nelle diverse ore della giornata. Poi 6 mg per i successivi 2 giorni. Poi 5 mg, 4 mg il giorno dopo e per qualche giorno. Poi sono passata a 3 mg per diversi giorni e ora sono 2 giorni che prendo 2 mg. Una settimana fa ho fatto una visita dall'otorino che mi ha detto che potevo finire con l'antibiotico e, dopo laringoscopia, ha detto che è rimasta questa infiammazione, ma non c'è un'attuale infezione, e ha detto che è normale che la lingua ci metterà del tempo a sgonfiarsi. Sono 2 giorni che non ho più i decimi, la lingua ogni giorno è sempre un poco più sgonfia. Secondo lei, quanto tempo ancora potrebbe volerci perché la lingua torni normale? Va bene continuare con 2 mg di Bentelan al giorno e 30 gocce di Tinset la sera? Si può condurre una vita normale con la glossite (è poco raccomandabile uscire, passeggiare e svolgere le normali attività magari evitando solo lo sport)? Oppure restare a casa ed evitare di uscire e stancarsi favorisce un più rapido decorso della cosa? L'otorino che mi ha visitata ha detto che "posso uscire ma con le dovute accortezze". La ringrazio anticipatamente per l'attenzione e per la risposta.

Bisognerebbe vedere la lingua, magari  oltre alla glossite si e’ instaurata una “sindrome della lingua che brucia”, in questo caso il problema riguarda l’innervazione sensitiva della lingua.

L’auricoloterapia potrebbe darti ottimi risultati essendo una neurofisiologia applicata. Si può arrivare ad agire sia sulla conduzione sensitiva che sui filtri del dolore.

La neuroauricoloterapia è una neurofisiologia applicata, una neuroscienza dimostrata scientificamente con la risonanza magnetica funzionale ed approvata e validata dall’OMS.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giulio Giovanni Sulis
Dr. Giulio Giovanni Sulis
Cagliari - Via Paolo Paruta, 13
Altre risposte di questo specialista
Esame audiometrico: come si legge?
Non credo assolutamente che questo piccolo deficit zonale a 6000 Hz influenzi il tuo concorso.Come si sia realizzato non so, potrebbe essere stata anche un'esposizione...
Lavaggi al timpano: sono consigliati per otite micotica?
Se è micotica, non si capisce perchè continui ad usare gli antibiotici.I lavaggi vanno benissimo perchè allontanano l’agente e creano un ambiente pico...
Rimbombo nell'orecchio: cosa potrebbe essere?
Le cause del rimbombo possono essere molteplici, alcune banali come il tappo di cerume oppure una disfunzione tubarica con cattiva ventilazione della cassa del...
Battiti sentiti nell'orecchio: cosa fare?
Subito un‘otoscopia ed un'audiometria per quantificare il calo d’udito, magari non tutto il tappo è uscito, solo una vista esperta può dirtelo, ci orienta...
Perdita di equilibrio: che esami fare?
Parlare di equilibrio è come parlare di un computer con entrate al sistema (occhio, orecchio, piede, muscoli del collo, bocca), un...
Vedi tutte
Risposte simili
Acufeni: che cosa sono e come vengono diagnosticati?
Gli acufeni sono rumori fastidiosi, a volte anche intensi, che si possono percepire localizzati in una o in entrambe le orecchie, oppure genericamente...
Setto nasale deviato: a che cosa è dovuto?
Il setto nasale deviato può essere congenito oppure può essere causato da un trauma. In entrambi i casi è una condizione piuttosto comune e...
Tappo di cerume nell'orecchio: cosa fare in caso di tappi di cerume?
Il cerume è una sostanza prodotta da ghiandole presenti nell'orecchio per proteggerlo dall'accumularsi di particelle estranee. La produzione di cerume è diversa a seconda degli...