Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Pancreatite Complicazioni

Quali le complicazioni della pancreatite?

Mia mamma di 75 anni è ricoverata da più di 2 mesi per pancreatite. Ha subito un intervento per ripulire il pancreas i primi di maggio e alimentata via flebo per tutto questo periodo. Ha una fistola pancreatica ed un drenaggio nella pancia. Ha preso un'infezione da candida con febbre a 40. Da 16 giorni si trova in terapia intensiva è stata intubata, è attaccata all'emofiltro perché non urina più, ha una polmonite e parlano di sepsi grave. Indubbiamente in questi mesi purtroppo non ho visto nessun miglioramento... anzi siamo giunti fin qui ed ora mi parlano di tracheotomia. Sinceramente non so cosa fare, mia madre é stata sedata pochi giorni ed ora é sveglia ma completamente "svuotata". Non posso vederla in queste condizioni è veramente una sofferenza per lei e per me... chiedo aiuto quantomeno psicologico; sono stremata perché questi mesi sono stati un calvario per lei. Esisterà una via d'uscita in queste condizioni?

Gentile Signora, hai tutta la mia comprensione e la mia vicinanza, per quanto possa servire. La pancreatite è una malattia che può andare da forme "lievi", risolvibili con la terapia medica, a forme gravissime, come quella che ha subito tua madre, che necessitano di intervento chirurgico spesso in condizioni di emergenza; intervento che, anche se eseguito a regola d'arte, ha una morbilità ed una mortalità molto alte proprio per le caratteristiche intrinseche della malattia stessa - la quale comunque in questi casi, se lasciata a se stessa, ha di per sè una mortalità elevatissima. La fistola pancreatica è molto frequente in questi pazienti.

Tua madre poi è andata incontro ad una serie di complicanze, tra cui non ultima l'infezione micotica e la sepsi, che hanno reso il quadro ancora più dramatico, attaccando anche gli altri organi del suo organismo; e sicuramente l'età avanzata non l'ha aiutata. Stai pur certa che i colleghi Intensivisti stanno facendo il possibile e l'impossibile per salvare tua madre, ma non dimenticare che vi sono casi in cui la Medicina, anche se di altissima qualità, si deve arrendere. Ti auguro di cuore che tua madre ce la faccia.

Un affettuoso saluto.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Salvatore Cuccomarino
Dr. Salvatore Cuccomarino
(0)
Torino - Chivasso, Corso Galileo Ferraris 3
Altre risposte di questo specialista
Lipoma: quali sono i sintomi?
Gentile signore, l'ipotesi probabile è che si tratti di un'ernia inguinale bilaterale; tanto più se questa diagnosi era già stata...
Ernia: quando è pericoloso l'intervento?
Buonasera,se ho ben capito, l'ernia si è formata a livello dell'incisione chirurgica; quindi, più che di ernia, bisognerebbe parlare di laparocele. Al di là,...
Pus e dolore da una ferita: quali sono le cause?
Gentile amico, è probabile che la ferita si sia infettata. Ha avuto un po' di febbre, magari con brivido? L'area intorno alla ferita...
Laparoscopia alla colecisti: cosa mangiare?
Buonasera, per un mese dopo l'intervento devi evitare i cibi grassi. Per cibi grassi si intendono uova, latticini, insaccati, dolci, fritti; non sono invece compresi gli...
Linfonodi ovaliformi sul pube: cosa sono?
Buonasera, verosimilmente i linfonodi evidenziati non sono nulla di cui preoccuparsi: molto probabilmente sono linfonodi reattivi, cioè ghiandole linfatiche aumentate di dimensione in seguito al...
Vedi tutte

Risposte simili

Asportazione di polipi durante la gastroscopia: è possibile?
La gastroscopia è fondamentalmente un esame diagnostico endoscopico attraverso il quale il medico osserva il tratto superiore dell'apparato digerente per valutare se esistano lesioni responsabili...
Chirurgia ortogantica: che cos'è?
Quando senti parlare di chirurgia ortognatica, o chirurgia dei mascellari, ci si riferisce ad uno dei principali settori della chirurgia maxillo-facciale che permette la correzione...
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...