Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Pancreatite Pancreas Divisum

Bisogna operare in caso di pancreas divisum congenito?

Desidererei gentilmente avere delucidazioni riguardo il mio caso di pancreatite. Premetto che sono un uomo di 28 anni, ho fisico atletico, la mia alimentazione è sana, regolare e non faccio abuso di alcool. Nell’ ottobre 2013 con fortissimi dolori addominali condotto d’urgenza in ospedale, mi è stata diagnosticata una forma acuta e severa di pancreatite. I valori delle amilasi erano 1010 e quelle della lipasi 15402. Durante il ricovero in ospedale (3 settimane), le indagini effettuate tramite ecografia, tac e rm hanno escluso i calcoli come causa scatenante. Per l’ascite pancreatica mi hanno trattato per 14 gg con antibiotico invanz, flebo, sondino naso-gastrico e sondino per urinare. Dimesso dall’ospedale, il dottore mi ha consigliato di fare una dieta leggera priva di grassi ed alcool. A distanza di due mesi ho effettuato una risonanza magnetica. Forma e dimenssioni del pancreas sono risultati normali ed i liquidi erano assenti. Purtroppo dopo soltanto 5 mesi seppur in una forma piu leggera (lipasi 1705), ho subito una ricaduta. Dopo questo secondo ricovero ( 7 giorni), tramite risonanza magnetica mi è stato diagnosticato un pancreas divisum congenito, a detta del dottore, colpevole anche del precedente episodio di pancreatite. Questa diagnosi pare spiegherebbe anche i forti dolori addominali (antecedenti al primo ricovero), accusati in passato e dei quali non si era individuata la causa. Un chirugo mi ha consigliato di operarmi ed applicare uno “stent”. Desidererei sapere se e’ opportuno fare questo tipo di intervento o se nel caso esitesse, mi consigliasse un’altra soluzione.

Il pancreas divisum va trattato solo se è sintomatico. La terapia è inizialmente endoscopica, come le ha suggerito il collega, e consiste nel permettere al succo pancreatico di andare in intestino senza problemi (dilatando il canaletto da cui passa il succo pancreatico "sfinterotomia" e/o mettendo uno stent).
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Alberto Patriti
Dr. Alberto Patriti
(0)
Perugia - Via Settecamini - Campello sul Clitunno
Altre risposte di questo specialista
Adenoma surrenalico di 3,5 cm: va asportato?
Se presenti sindrome di Cushing c'è indicazione all'asportazione e preferibilmente per via mininvasiva (laparoscopica o robotica).
Ernia paraombelicale: si può riformare?
Penso che sia necessaria una nuova visita chirurgica. Gli elementi da tenere in considerazione sono molti: è stata posizionata una protesi o...
Flogosi cronica e mucosa iperplastica: cosa significa?
Nulla di grave. Ti hanno asportato un polipo così detto "infiammatorio". È il risultato di un'infiammazione dello strato più interno del
Vedi tutte

Risposte simili

Asportazione di polipi durante la gastroscopia: è possibile?
La gastroscopia è fondamentalmente un esame diagnostico endoscopico attraverso il quale il medico osserva il tratto superiore dell'apparato digerente per valutare se esistano lesioni responsabili...
Chirurgia ortogantica: che cos'è?
Quando senti parlare di chirurgia ortognatica, o chirurgia dei mascellari, ci si riferisce ad uno dei principali settori della chirurgia maxillo-facciale che permette la correzione...
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...