Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Quale Riabilitazione Dopo Un Intervento Al Menisco

Cosa prevede la riabilitazione dopo un intervento al menisco?

Devo sottopormi ad un intervento al menisco. Cosa prevede la riabilitazione post-operatoria?

Quando si presenta la necessità di asportare totalmente o parzialmente un menisco lesionato il chirurgo cerca di risparmiare il più possibile l'integrità della parte perché il rischio di alterazioni degenerative a carico del ginocchio è direttamente proporzionale alla quantità di menisco asportato. Dopo l'intervento, per ritardare al massimo i processi degenerativi dell'articolazione, si possono seguire semplici regole quali mantenere il peso corporeo nella norma, evitare gli esercizi fisici che gravano sull'articolazione, prevenire per quanto possibile ulteriori traumi al ginocchio. La riabilitazione dopo lesione meniscale è più rapida se la parte di menisco lesionata viene rimossa chirurgicamente. In questo caso il paziente è solitamente in grado di camminare già dopo uno o due giorni dall'intervento e può ritornare alle normali attività dopo qualche settimana (2-6 settimane in rapporto all'entità e alla localizzazione della lesione). Il processo riabilitativo è invece più lungo se il menisco viene riparato chirurgicamente (intervento di suturazione). In questo caso servono le stampelle per quattro settimane ed un completo ritorno all'attività sportiva è possibile solo dopo quattro/sei mesi. Il protocollo riabilitativo varia in base a numerosi altri fattori. Durante l'intervento il chirurgo potrebbe infatti scoprire e riparare altre lesioni che richiedono un trattamento riabilitativo diversificato dal tradizionale. Per tutti questi motivi ti consiglio di stabilire il percorso di riabilitazione con il tuo medico di fiducia.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Milano - Via De Amicis, 30
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte
Risposte simili
Colpo della strega: cos'è esattamente?
Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con sensazione di rigidità e forte dolore nella parte bassa della schiena....
Ernia del disco: che cos'è?
Il disco intervertebrale, che è interposto tra 2 vertebre, è costituito da una parte periferica denominata anulus fibroso e una parte centrale, gelatinosa, denominata nucleo...
Mal di schiena: quali sono le terapie più adatte?
Per ridurre il dolore e prevenire lo stress sulla colonna vertebrale, ci sono diverse terapie utili, ma a consigliarti una terapia deve essere uno...