Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Prestazioni
  4. Infiltrazioni Intrarticolari

Infiltrazioni

Infiltrazioni
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cosa sono le infiltrazioni?

Le infiltrazioni, o terapia iniettiva, sono iniezioni di farmaci o soluzioni biologiche somministrate direttamente nell’articolazione (infiltrazioni articolari), come nel caso delle infiltrazioni alla spalla, infiltrazioni all’anca o infiltrazione alla schiena, o in una sede adiacente all’articolazione (infiltrazioni periarticolari), come l’infiltrazione al cortisone al piede per curare le tendiniti.

Lo scopo di tali infiltrazioni è quello di alleviare il dolore causato da patologie articolari e periarticolari dei tessuti molli. I farmaci più comunemente utilizzati sono l’acido ialuronico e farmaci cortisonici.

Qual è la differenza tra le iniezioni a base di farmaci cortisonici e a base di acido ialuronico?

Le iniezioni a base di farmaci cortisonici hanno proprietà antinfiammatorie e agiscono riducendo l’infiammazione. In particolare, il cortisone diminuisce il numero di linfociti, macrofagi e mastociti, riducendo così la fagocitosi, il rilascio dell’enzima lisosomiale e degli agenti infiammatori. Con la riduzione di quest’ultimi, anche il dolore diminuisce.

Alcuni pazienti affetti da artrite non infiammatoria, come l’osteoartrite, trovano sollievo da questo tipo di iniezioni. Le infiltrazioni articolari a base di cortisone proteggono anche la cartilagine, riducendo la sintesi delle cellule metalloproteinasi, che degradano la cartilagine.

Questo tipo di infiltrazioni viene utilizzato per la cura di:

Siccome le iniezioni a base di cortisone possono avere effetti collaterali gravi, si consiglia il loro utilizzo solo in caso in cui le cure per via orale non avessero effetto, o in casi estremi in cui il movimento dell’articolazione viene significativamente ridotto a causa di dolore forte o infiammazione.

Le iniezioni a base di acido ialuronico vengono somministrate nel tentativo di migliorare la lubrificazione dell’articolazione (è il caso della somministrazione dell’acido ialuronico nel ginocchio), per ridurre il dolore e migliorare il movimento. Esse vengono utilizzate maggiormente per la cura dell’artrosi, come quella all’anca (o coxartrosi).

Quando la cartilagine è danneggiata, il fluido sinoviale subisce un cambiamento, perdendo la sua capacità di mantenere l’articolazione lubrificata.

A volte vengono somministrati anestetici locali assieme alle iniezioni a base di acido ialuronico, poiché forniscono un effetto analgesico temporaneo, sebbene con l’andare del tempo riducano la densità dei condrociti, cioè le uniche cellule che si trovano nella cartilagine.

Si sente dolore al ginocchio durante un'infiltrazione?

Le iniezioni di acido ialuronico nel ginocchio in genere non sono dolorose e si avverte solamente la puntura dell’ago. Dopo aver effettuato infiltrazioni di acido ialuronico nel ginocchio potrebbero comunque verificarsi gonfiore, arrossamento e indolenzimento della parte interessata, con versamento di liquido sinoviale, che è possibile aspirare tramite l’artrocentesi.

Quali sono gli effetti collaterali delle infiltrazioni?

Gli effetti collaterali associati associati alle infiltrazioni includono:

  • infezioni;
  • reazioni localizzate all’area dell’iniezione, come rossore, indolenzimento e gonfiore;
  • reazioni allergiche.

Un’ulteriore considerazione va fatta per le infiltrazioni cortisoniche, in quanto controindicate a:

  • diabetici poiché il cortisone porta all’aumento della glicemia;
  • pazienti affetti da ipertensione in quanto, dopo l’iniezione, la pressione aumenta;
  • pazienti immunodepressi, l’iniezione aumenta il rischio di infezione;
  • severa osteoporosi, in quanto l’infiltrazione può causare l’aggravamento della condizione e dell’articolazione trattata.

L’effetto collaterale più grave e cronico è l’indebolimento dei legamenti e il deterioramento delle articolazioni stesse.

Come mai le infiltrazioni non sono tutte efficaci allo stesso modo?

I medici tendono ad utilizzare preparazioni diverse, da qui il mutevole effetto della cura a base d’infiltrazioni (soprattutto di quelle a base di farmaci cortisonici).

L’idrocortisone viene considerato debole e a effetto limitato. Le preparazioni a base di metilprednisolone possono durare per una o due settimane, quelle a base di triamcinolone possono durare dalle quattro alle sedici settimane, mentre quelle a base di betametasone può durare fino a otto settimane.

Oltre al tipo di preparazione, anche la tecnica utilizzata dal medico per somministrare i farmaci tramite iniezione, può fare la differenza.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Rx alla spalla
L'rx alla spalla può essere una proiezione Antero-Posteriore in Extrarotazione della spalla ed è spesso associata a una proiezione Antero...
Rx al piede
L'rx al piede sotto carico serve a valutare la formula metatarsale ovvero la disposizione dei cinque metatarsi.
Collare ortopedico
Il collare ortopedico è uno strumento efficace per risolvere patologie a carico della parte cervicale della colonna vertebrale.