Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Specialità di Otorinolaringoiatria
Cerca la soluzione fra le risposte degli esperti!
Le ultime risposte di Otorinolaringoiatria
Rottura del timpano: come rimuovere il sangue all'interno dell'orecchio?
Se il sangue si trova nella conca del padiglione auricolare, lo puoi pulire con una garza imbevuta di acqua ossigenata, ma se si...
Nodo tra gola ed esofago: cos'è?
Va eseguita sia una esofagogastroduodenoscopia che una valutazione endoscopica delle vie aeree superiori per capire la causa del problema. Saluti
Rumore durante la deglutizione di liquidi: cosa fare?
Una valutazione della deglutizione mediante endoscopia delle vie aeree superiori può risultare utile per inquadrare il disturbo. Saluti
Apnee notturne: sono pericolose?
Buongiorno,se di grave entità, le apnee notturne possono essere associate ad un aumentato rischio cardiocircolatorio e cerebrale; la risposta viene data sulla base del...
Mal di testa, mal di orecchi e vomito: cause?
Sono necessari una valutazione neurologica ed una visita otoneurologica per iniziare l'iter diagnostico. Saluti
Acido borico orecchio: l'acido borico è indicato per infezione e perforazione timpano?
Tale soluzione può essere utilizzata nel quadro da te descritto ma generalmente associata ad una terapia locale con gocce otologiche e ad una...
Parotite: come si diagnostica?
Per una corretta diagnosi di parotite, deve esserci una o entrambi le ghiandole parotidee tumefatte. Le ghiandole parotidee si trovano verso la parte posteriore di...
Placche e bruciore alla lingua: cosa fare?
E' necessario rivolgersi ad un otorinolaringoiatra per una valutazione adeguata, soprattutto nei fumatori; inoltre è indicato un esame ecografico del collo con stazioni...
Candida vaginale e orale: quale dieta seguire?
Moderare o evitare sino al completo miglioramento del problema questi alimenti: latte, latticini, formaggi, dolci cremosi con panna, gelati con latte e mozzarelle di derivazione...
Sibilo e tosse: cosa fare?
Considerando i sintomi da te descritti e quanto rilevato dal collega, oltre alla terapia che ti è stata prescritta, parrebbe utile eseguire anche