Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Svenimenti Colliri

Quali sono le cause di uno svenimento dopo un collirio?

Sono una ragazza di 17. L'hanno scorso sono andata a fare una visita oculistica per vedere se il mal di testa che ho spesso (dopo risultati del sangue nella norma) era collegato alla vista. Il risultato è stato 12/10, quindi nessun problema. L'oculista poi mi ha messo le gocce per allargare la pupilla, pochi minuti e sono svenuta, ho avuto la pressione bassa e ho pure vomitato (mio fratello, che ha fatto pure lui la visita, non ha avuto niente di tutto questo). Stamattina mi stavo mettendo le lenti colorate (senza correzione) per la prima volta. Messa la prima lente stavo avendo problemi con la seconda (non mi riusciva metterla) e sono svenuta, quando mi sono risvegliata facevo fatica a camminare e a vedere (non distinguevo le figure) e pensavo fosse un altro giorno. Mia mamma mia ha portato sul letto dove ci sono rimasta fino alle 13 con giramento di testa/mal di testa e poi mi sono addormentata, ma il dolore alla testa è rimasto tutto il giorno. Gli occhi non mi hanno dato noia, non mi facevano male ne mi bruciavano, ma ho scoperto che nella parte bianca dell'occhio in cui avevo messo la lente a contatto mi è venuto un puntino rosso. Sulla scatola delle lenti c'è scritto "2 lenti da contatto morbide, 45% acqua, 55% terpolimero immerso in una soluzione sterile salina tamponata". Secondo voi, a cosa sono dovuti questi due episodi?

Buongiorno. Comincio con consigliarti di non usare mai lenti colorate che per la loro conformazione possono nuocere gravemente alla vista e causare gravi infezioni. Per i casi di svenimento occorre innanzi tutto comunicarlo ogni volta all'oculista in quanto prodotti che noi usiamo per dilatare la pupilla possono influenzare la frequenza cardiaca con conseguente svenimento.

Nel tuo caso evidentemente lei sviluppa una risposta vagale che abbassa la frequenza che rimane la causa dello svenimento. Se hai avuto altri episodi ti consiglio comunque una visita cardiologica.

Un saluto

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Domenico De Felice
Dr. Domenico De Felice
Milano - Piazza Duca d’Aosta, 8
Altre risposte di questo specialista
Visita oculistica: come si legge l'esito?
Assolutamente sì, occorre fare prima una visita ortottica che stabilisce l’eventuale angolo di strabismo presente e, successivamente, una visita...
Visione doppia: è obbligatorio un intervento chirurgico?
Buongiorno, le problematiche di diplopia, come ti avranno spiegato, sono legate alla patologia tiroidea che ha disassato i due occhi. ...
Valore limite della tonometria: qual è?
Buongiorno. Non esiste un vero e proprio valore limite anche se si stabilisce la soglia intorno ai 21 mmHg. Non esiste in quanto può variare...
Drusen soft perifoveali: che fare?
Le drusen che compaiono alla tua età sono fenomeni di deposito assolutamente normali. Se poi, come nel tuo caso, sono intorno alla zona centrale della...
Macchia nera in un occhio e problemi alla vista: diagnosi?
Buongiorno. Se una recente visita oculistica, una visita neurologica ed anche una risonanza magnetica nucleare hanno dato esito negativo direi che in linea di massima...
Vedi tutte
Risposte simili
Sinusite: come si cura?
La sinusite è un'infiammazione dei seni paranasali, cioè delle cavità delle ossa del viso che comunicano con le cavità nasali. Quando la mucosa nasale...
Lupus eritematoso sistemico: cos'è?
Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES) è una malattia cronica di tipo autoimmune che causa disturbi in varie parti del corpo, specialmente la pelle,...
Dolore cronico: quali possono essere le cause?
Può essere difficile stabilire la causa scatenante di un dolore cronico, poiché può derivare da una serie di fattori. Il dolore può...