Qual è la temperatura ideale in casa in estate e in inverno?

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 19 Ottobre, 2023

Donna si rilassa all'interno di casa sua

Qual è la temperatura ideale in casa da mantenere in inverno? E in estate invece? Perché è importante prestare attenzione a questo aspetto?

Andiamo alla scoperta su tutto quello che bisogna sapere su questo argomento.

Quale temperatura ideale in casa?

Un aspetto talvolta sottovalutato, ma in grado di influenzare notevolmente la nostra salute fisica è legato a qual è la temperatura ottimale in casa.

Secondo quanto stabilito dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, essa si aggira intorno ai 20°, con uno scarto che va dai 18° ai 22°, mentre il tasso di umidità non dovrebbe superare il 40%-50%.

Una percentuale maggiore di vapore acqueo nell'atmosfera, infatti, predispone all'insorgenza di complicazioni respiratorie, mentre al contrario, un livello eccessivamente basso di umidità, può provocare secchezza nelle mucose e irritazione agli occhi.

È fondamentale, inoltre, ricordarsi di arieggiare spesso l'ambiente di casa in modo da favorire il ricircolo d'aria, ed evitare, così, il ristagno di batteri e di microrganismi.

Per quanto riguarda la stagione più calda, invece, quale temperatura in casa mantiene più al riparo da colpi di calore o da quella fastidiosa sensazione di afa che toglie il respiro? In questo caso non si dovrebbe scendere sotto i 6°-7° al di sotto di quella esterna, in modo che non si verifichino pericolosi sbalzi caldo-freddo tra l'interno e l'esterno delle mura domestiche.

Impostare il climatizzatore in una modalità eccessivamente potente, inoltre, può provocare tensioni muscolari, rigidità articolari, torcicollo e secchezza oculare, pertanto sarebbe opportuno non superare i 26°.

La giusta temperatura in casa quando è inverno

Quando arriva la stagione più fredda, sono in molti a chiedersi qual è la temperatura giusta in casa, alla luce sia del comfort, che della necessità di ridurre i consumi.

Anche in inverno si dovrebbe impostare un livello di riscaldamento pari a 20°-22°, tuttavia vi sono alcuni ambienti, come ad esempio la cucina, che possono mantenersi intorno ai 18°-19°, grazie al fatto che la presenza dei fornelli o del forno possono contribuire a riscaldare le stanze.

Anche in camera da letto non si dovrebbero superare i 16°-18°, i quali sono considerati la temperatura ideale per riposare al meglio ed evitare problemi di salute.

Attenzione, inoltre, al livello di umidità: qualora esso dovesse essere troppo alto, infatti, si può essere portati a percepire una temperatura più bassa (in inverno) o più alta (in estate), con un conseguente aumento del disagio.

Padre e figlio giocano in salotto

In questo caso può essere utile installare un deumidificatore e tenere monitorati i livelli di vapore acqueo nelle stanze.

In linea generale, il riscaldamento nelle varie stanze della casa può essere impostato in questo modo:

  • soggiorno: 20°
  • cucina: 18°-19°
  • camere da letto: 16°
  • bagno: 22°
  • ingresso e corridoi: 17°
  • stanze che non vengono utilizzate con continuità (magazzini, ripostigl), oppure in caso di assenza prolungata da casa: 12/14°

Consigli per mantenere la temperatura corretta in casa

Prestare attenzione alla temperatura ideale da mantenere dentro casa è fondamentale per evitare infezioni, secchezza alle muscose, problemi respiratori, e per mantenere alte le difese immunitarie

Ma quali sono i consigli utili da tenere presente per fare in modo che l'ambiente si mantenga salubre?

  • far circolare l'aria. Arieggiare le stanze per almeno 15 minuti, preferibilmente la mattina non appena ci si alza, in modo che vi sia un corretto ricircolo dell'aria;
  • non tenere il condizionatore acceso ad una temperatura molto bassa, soprattutto in camera da letto;
  • effettuare una regolare manutenzione ai filtri del condizionatore, pulendoli e igienizzandoli con attenzione;
  • verificare che la caldaia abbia superato i controlli e che funzioni correttamente. Una buona idea per ridurre i consumi e tagliare i costi della bolletta, può essere quella di dotarsi di una caldaia di ultima generazione
  • per avere un controllo più preciso della temperatura dentro casa, installare delle valvole termostatiche sui termosifoni;
  • isolare termicamente l'abitazione contribuisce a mantenere una temperatura corretta, sia in estate che in inverno;
  • per essere sicuri che negli ambienti vi sia sempre il corretto livello di umidità, soprattutto se all'interno della casa vivono bambini piccoli, anziani o persone fragili, dotarsi di un igrometro per tenere monitorato questo valore durante l'arco della giornata;
  • installare i tubi del riscaldamento sulle pareti perimetrali e non sotto al pavimento;
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Mental health

1024 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Contenuti correlati
uomo dalla nutrizionista
Massa magra: cos'è e come calcolarla

Come si fa a calcolare la massa magra di un soggetto e quali sono i valori ideali a cui si dovrebbe tendere? Ecco tutto quello che c'è da sapere.

ragazza dorme nel letto
Quante ore bisogna dormire per stare bene?

La ricerca ha dimostrato che qualità e quantità del sonno hanno ripercussioni sulla salute psicofisica. Ecco quante ore bisognerebbe dormire a notte.