Orgasmo Multiplo Femminile, cos'è e come raggiungerlo

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 06 Dicembre, 2022

Scopriamo di più sull'orgasmo multiplo

L'orgasmo multiplo riguarda il piacere raggiunto più di una volta all'interno del singolo rapporto sessuale. Possono essere orgasmi discontinui oppure ripetersi in rapida successione.

La possibilità di avere più orgasmi consecutivi varia da persona a persona, ma molto dipende anche dalla predisposizione psicologica al piacere sessuale e alla serenità con la quale ci si rapporta verso sé stesse e verso l'altro da sé.

Cos'è l'Orgasmo Multiplo

L’orgasmo multiplo è la condizione per la quale si possono provare più orgasmi consecutivi, anche detta multiorgasmia.

La multiorgasmia è un fenomeno che interessa prevalentemente il sesso femminile, per la loro diversa anatomia e fisiologia. Le donne, infatti, a differenza degli uomini, non hanno un periodo di refrattarietà all’orgasmo.

Le fasi dell'orgasmo

Fasi dell'orgasmo

Prima di entrare nel dettaglio degli orgasmi multipli, vediamo quali sono le fasi dell'orgasmo per conoscerlo più da vicino.

Eccole distinte per ordine sequenziale:

  • eccitamento;
  • plateau;
  • orgasmo;
  • risoluzione.

L'orgasmo plurimo è solo femminile?

Da sempre l’orgasmo femminile rappresenta un microcosmo molto più complesso e strutturato rispetto a quello maschile. Non a caso, la donna ha la possibilità di raggiungere un doppio (o molteplici) orgasmo, uno consecutivo all'altro (orgasmi femminili multipli).

Gli orgasmi multipli sono tipicamente femminili in quanto il periodo refrattario nella donna, ossia l'intervallo di tempo per riprendersi fisicamente tra un orgasmo e l'altro, è più breve rispetto a quello maschile.

Meglio, la donna può raggiungere un nuovo orgasmo a poca distanza dal precedente, potendo avere anche più di un orgasmo (fino a cinque durante il rapporto sessuale). Ecco perché si parla di orgasmo femminile multiplo.

Anche se possono capitare casi di orgasmi consecutivi maschili, per l'uomo è molto meno frequente avere orgasmi l'uno successivo all'altro a distanza di pochi secondi, dopo la prima eiaculazione. 

Il periodo refrattario è più lungo di quello femminile, a meno di avere un'età molto giovane. Il tempo tra un orgasmo e l'altro, poi, dipende anche da:

  • abitudini;
  • caratteristiche fisiche e anagrafiche.

Nel caso del piacere maschile per vie alternative alla stimolazione del pene, una zona erogena che può far raggiungere l'orgasmo è il Punto L, ovvero il Punto G maschile, che si trova nel perineo, tra i testicoli e l'ano, in corrispondenza della ghiandola prostatica.

Non a caso, si parla di orgasmo prostatico perché avviene mediante la stimolazione della prostata. Non è detto, tuttavia, che l'orgasmo prostatico porti necessariamente alla eiaculazione. Può accadere che l'uomo abbia un orgasmo senza eiaculazione, durante il quale si provano comunque forti sensazioni di piacere.

Orgasmi Multipli Femminili, come raggiungerli

Ogni donna può avere orgasmi multipli femminili, potenzialmente. Poi, che diventi un dato di fatto, dipende da più fattori.

Eccoli.

Lo stato mentale e la rilassatezza

Lo stato mentale predispone già alla possibilità di provare un piacere intenso e senza durata. Un piacere che ci si concede già mentalmente. Un conto, infatti, è approcciare al rapporto intimo con fretta, poca cura, inibizioni o poca voglia. Tutt'altro è dedicarsi anima e corpo allo scambio sessuale.

Sentirsi rilassati e ben disposti è il primo passo per raggiungere intanto il primo orgasmo. A maggior ragione, è essenziale sentirsi cariche di energia positiva per conquistarne più di uno, se questo è l'obiettivo.

Esplorare se stessi e l'altro da sé

Parlare di obiettivi nell'intimità può creare aspettative che spingono a cercare forzatamente qualcosa che non avverrà mai, proprio in virtù della ricerca spasmodica. La mente più si accanisce, più coibenta e sabota le nostre emozioni.

Il miglior atteggiamento è quello che spinge a esplorare se stessi e l'altro da sé. Mantenendo la rilassatezza di cui sopra, infatti, il piacere multiorgasmico può sorprenderci se ci poniamo senza alcuna aspettativa.

Mantenere viva la fase di eccitazione

Una buona tecnica per provare ad avere più orgasmi consecutivi è quella di mantenere viva e accesa la fase di eccitazione affinché essa prosegua anche dopo il raggiungimento di un primo orgasmo.

L'eccitazione, la tensione sessuale, può mantenersi attiva in diversi modi, per esempio cambiando modalità e posizione, fino a toccare il livello massimo, fase indicata col termine plateau, superato il quale esplode il piacere e si arriva all'orgasmo. A livello fisico, è il flusso sanguigno veicolato nella zona dei genitali a favorire la prosecuzione del rapporto sessuale.

Dobbiamo, però, considerare che la capacità di mantenere attiva l'eccitazione varia da persona a persona, oltre che dai momenti e dalle circostanze esterne. Infatti, la tensione sessuale può allentarsi a causa di una sensazione o di un'interferenza di qualsiasi genere.

A volte, ci possono essere i pensieri passeggeri che non sappiamo arginare e che possono essere legati alle famose aspettative che non dovremmo mai lasciar entrare nella nostra intimità.

I pensieri hanno il potere di allentare la tensione erotica e sensuale.

Esiste una posizione sessuale che aiuta a raggiungere un orgasmo multiplo?

Sebbene alcune posizioni siano notoriamente più eccitanti o erotiche di altre, la preferenza resta soggettiva, come sempre in questi casi. E comunque, pur volendo cercare rimedi naturali per favorire gli orgasmi multipli, non esiste una posizione sessuale capace di assicurarne la riuscita.

Come premesso qualche riga più su, la magia del momento andrebbe preservata con la rilassatezza mentale e fisica e, perché no, anche variando le posizioni e le modalità di approccio dopo il primo orgasmo, così da cambiare la prospettiva; il tipo e l'intensità della stimolazione, infatti, può aiutare ad avere orgasmi multipli.

E i sex toys aiutano?

Anche i sex toys possono essere un modo piacevole per variare sul tema e arricchire il momento con altre sensazioni. Nel caso della stimolazione, per esempio, un vibratore può essere il complice meno invadente nel creare altre fonti di eccitazione e piacere.

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr.ssa Silvia Bertolotti
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Relazioni

596 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Silvia Bertolotti
Contenuti correlati
ragazzi abbracciati davanti allo specchio
Orgasmo anale: è possibile? Ecco un approfondimento

L'orgasmo anale può verificarsi esattamente come gli altri tipi di eccitazione, ma si manifesta in maniera meno frequente. Scopriamo di cosa si tratta.

Gambe che si incrociano su un letto
Sesso anale: quali sono le posizioni migliori

Quali sono le migliori posizioni per il sesso anale? È vero che esse influenzano il piacere e cosa sapere prima di provare questa pratica sessuale?