Suocera invadente: i consigli per migliorare il rapporto

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 13 Ottobre, 2023

Uomo abbraccia la madre davanti alla compagna

Come comportarsi quando si ha a che fare con una suocera invadente? Quali sono le strategie da mettere in atto per cercare di limitarne l'influenza e per migliorare un rapporto conflittuale?

Vediamolo insieme.

Suocera invadente: le cause

Avere suocere invadenti sembra sia estremamente comune e, purtroppo, non è sempre facile migliorare la situazione, soprattutto se vi sono stretti legami familiari (anche di natura economica) o la presenza di nipoti ancora piccoli a complicare le cose.

Cosa c'è sotto questo modo di comportarsi caratterizzato da prepotenza, arroganza, aggressività e mania di controllo? Quali sono le ragioni che, secondo gli esperti di psicologia, stanno dietro all'incapacità di instaurare un rapporto sereno con la nuora?

Molto spesso una delle cause che determinano questa forma di attaccamento così intensa e, talvolta, malsana, tra la suocera e il figlio, è il fatto che la donna si è dedicata completamente alla cura della sua famiglia e, in particolare, a quella del figlio maschio, perdendo di vista i suoi desideri e le sue aspirazioni personali.

Capita così che molte donne abbiano messo al centro della propria vita la crescita dei figli e la cura della casa, rinunciando ad ogni altro possibile sbocco lavorativo, sociale e creativo; nel momento in cui fa il suo ingresso un'altra figura femminile, rappresentata dalla nuora, esse avvertono immediatamente un'accesa rivalità, in quanto temono di vedersi sottratto l'unico ruolo che abbiano mai avuto la possibilità di ricoprire.

Alle origini della psicologia della suocera

Nella maggioranza dei casi, quando una suocera mette in atto una vera e propria manipolazione emotiva sul figlio, ciò è possibile perché è quest'ultimo, in realtà, a non essersi reso emotivamente indipendente dalla madre.

Quando l'uomo, pur avendo una compagna e magari anche dei figli, cede al ricatto dei sensi di colpa e del vittimismo materno messi in atto di proposito per mantenerlo legato al nucleo famigliare d'origine, è lui stesso il primo a non essere ancora cresciuto dal punto di vista psicologico.

In questo caso porre dei paletti e rivendicare l'indipendenza del nuovo nucleo familiare è molto difficile, in quanto la nuora si trova praticamente da sola a voler cambiare le cose, ed è molto probabile che nascano attriti di coppia e litigi.

È evidente, tuttavia, che quando la suocera ha un'evidente incapacità di rispettare i confini imposti dalla nuora, dimostra profonde lacune personali e una forte insicurezza.

Spesso i comportamenti fastidiosi e opprimenti sono la conseguenza di una grande paura, ovvero quella di essere "messa da parte", di "non servire più", ovvero di non avere più alcun ruolo nella vita del figlio, visto l'ingresso nella sua vita di una nuova donna.

Una suocera impicciona interferisce con l'esistenza del figlio perché non vuole lasciarlo andare, e vive come una minaccia la presenza della sua compagna; in altri casi, tuttavia, la donna più anziana è semplicemente una persona iperprotettiva, che fornisce consigli (non richiesti), delucidazioni e aiuti perché ritiene in buona fede che il figlio ne abbia bisogno.

Il problema nasce quando la premura sconfina nell'invadenza, e la suocera esagera con la sua mania di proteggere e coccolare il suo (ormai non più) bambino. 

Suoceri invadenti: ecco cosa fare

Se la suocera invadente è un problema, ancor di più lo è l'avere a che fare con tutti e due i genitori del figlio che si distinguono per essere ipercontrollanti, giudicanti e impiccioni. In questi casi la donna trova un appoggio emotivo nel marito, e liberarsi dall'influenza negativa dei suoceri può rivelarsi ancora più difficile.

Se ci si ritrova in questa situazione, è fondamentale che si crei una sinergia tra la nuora e il suo compagno, così da limitare il potere dei suoceri più facilmente. 

Un altro elemento di primaria importanza che concorre a creare una sorta di dipendenza della coppia più giovane nei confronti di quella anziana è costituito dal ricatto economico o nella gestione dei nipoti.

Spesso, infatti, la nuora e il figlio accettano dei favori, come ad esempio un prestito o una somma di denaro destinata all'acquisto della casa, e ciò determina quasi una giustificazione, da parte dei suoceri, ad intervenire nella vita di loro figlio.

Essi si sentono, quindi, legittimati a invadere la privacy della nuova famiglia, e possono esercitare il loro controllo con molta facilità

In questo caso l'unica soluzione da attuare se si desidera cambiare realmente le cose è emanciparsi (moralmente ed economicamente) dalla famiglia di origine, rinunciando al loro aiuto economico o pratico in favore di una nuova autonomia. 

Sarà opportuno, quindi, evitare di chiedere favori alla coppia di suoceri e non dimostrare di avere bisogno del loro aiuto, in modo da non essere posti al centro di un ricatto morale che, alla lunga, può rivelarsi molto difficile da sopportare

5 consigli per limitare l'invadenza della suocera

Come fare per arginare una suocera invadente e migliorare l'armonia familiare? Ecco cinque consigli pratici da provare subito:

Fare buon viso a cattivo gioco

Se i dispetti messi in atto dalla suocera sono tutto sommato sopportabili, se sono cose di piccolo conto, oppure se si vive distanti o ci si vede poco, può essere più furbo fare buon viso a cattivo gioco e limitarsi a ignorare l'atteggiamento fastidioso della madre del proprio compagno.

Lasciare che sia il figlio a parlarle

Se dopo ripetuti sforzi e tentativi di dialogo, non si dovesse ottenere alcun miglioramento, allora sarà opportuno delegare al proprio compagno o marito la questione. Dovrà quindi essere lui a gestire i rapporti con la madre, a farle notare quando essa si appresta a superare il confine e a richiamarla all'ordine.

Per riuscirci, però, egli dovrà lavorare su se stesso in modo da divenire autonomo dal punto di vista emotivo perché, se ciò non accadesse, sarà estremamente difficile che la madre rispetti l'indipendenza della nuova famiglia.

Non dipendere da lei nella gestione dei figli

La suocera non è una baby sitter, pertanto se si accetta di delegarle la gestione dei bambini sarà molto probabile che essa intervenga in qualche modo. Se qualche concessione alle sue richieste si può fare, diverso è quando essa cerca di modificare lo stile educativo scelto dai genitori, imponendo la propria visione del mondo.

In questo caso è opportuno prendere le distanze e, affrontando l'argomento in modo sereno e pacato, ribadire fermamente dei confini che non possono essere valicati.

Non litigare di fronte ai suoceri

Evitare di discutere o di litigare di fronte ai suoceri, per non dare adito ad intromissioni o a prese di posizione. Al contrario, portare avanti un dialogo aperto e costruttivo con il proprio partner, cercando di far comprendere dapprima a lui perché è importante stabilire dei paletti.

Spronarla a prendere in mano la sua vita

Se la causa principale dell'intromissione della suocera nella vita familiare è causata dalla solitudine, può essere utile spronarla a ritrovare i suoi interessi o darle modo di uscire di più, facendole capire che in noi può trovre un sostegno, un'alleata e non una nemica.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Relazioni

1029 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Contenuti correlati
Seduta di psicoterapia
Che cos'è il disturbo paranoide di personalità?

Il disturbo paranoide di personalità è una condizione psicologica caratterizzata da una marcata diffidenza nei confronti degli altri. Scopriamo di più.

emoji-sorridente
Positività tossica: come interferisce con il percorso di consapevolezza di sé

Positività tossica: dalle origini alla sua sua evoluzione, sino agli effetti che può avere sul nostro benessere mentale, fisico e le relazioni interpersonali. Ne parla in questo approfondimento l'autrice Federica Carbone.