Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Legamento

Legamento

Legamento
Curatore scientifico
Lorenzo Bichi
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Che cos'è un legamento?

Il legamento è una banda fibrosa dura di tessuto connettivo, che serve a sostenere gli organi interni e tenere le ossa insieme nella posizione corretta nelle articolazioni.

Un legamento è composto da densi fasci di fibre collagene e di cellule di forma affusolata, chiamate fibrociti, più la sostanza fondamentale (una componente simile a gel). I legamenti possono essere di due tipi principali:

  1. i legamenti bianchi, ricchi di fibre collagene, che sono robusti e poco elastici;  
  2. i legamenti gialli, ricchi in fibre elastiche, le quali sono piuttosto resistenti nonostante permettano una certa elasticità.

Nelle articolazioni, i ligamenti formano una sacca capsulare che racchiude l’articolazione ossea ed una membrana lubrificante, la membrana sinoviale. A volte la struttura include un sacchetto, allineato dal tessuto sinoviale detto borsa. Altri legamenti si fissano in bande intorno o attraverso l’estremità ossea, permettendo vari gradi di movimento o agiscono come collegamenti tra le ossa (come le costole o le ossa dell'avambraccio), limitandone un movimento inappropriato.

Qual è la loro funzione?

Un legamento ha delle importanti funzioni:

  • tenere unite fra loro due o più strutture anatomiche;
  • mantenere nella posizione che gli è propria un organo, insieme ad altri legamenti.

Quali sono i sintomi della rottura dei legamenti della caviglia?

La rottura del legamento della caviglia comporta che le parti terminali del legamento non sono più in continuità e quindi non possa più stabilizzare la sua articolazione.

I sintomi principali dei traumi alla caviglia sono il dolore e il gonfiore dato dall’ematoma, ma in particolare la rottura dei legamenti porta la caviglia ad eseguire dei movimenti anomali e innaturali, che possono essere verificati tramite dei delicati movimenti del piede.  

È comunque importante che il soggetto si rivolga a uno specialista per sottoporsi a degli accertamenti, in modo da evitare di procurare ulteriori danni all’articolazione (ad esempio fratture).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Osteofiti
Gli Osteofiti sono delle Sporgenze Ossee che si trovano soprattutto sulle vertebre e dunque lungo la Colonna Vertebrale; ne esistono dive...
Peritoneo
Il peritoneo è quella membrana sierosa che avvolge l'intestino e gli altri organi che si trovano nella parte addominale.
Tibia
La tibia è l'osso pari, che insieme al perone, costituisce lo scheletro di ciascuna gamba.