Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Burocrazia Sanitaria
  4. Livelli Essenziali Di Assistenza

Livelli essenziali di assistenza (LEA)

Livelli essenziali di assistenza (LEA)
Curatore scientifico
Dr. Francesco Pascucci
Specialità del contenuto
Medicina legale

Cosa sono i livelli essenziali di assistenza?

I LEA identificano i livelli essenziali di assistenza socio-sanitaria che lo Stato riserva ai cittadini in quanto ritenuti fondamentali per la salute degli stessi, in linea con le esigenze della società e, allo stesso tempo, con le modalità di erogazione delle prestazioni da parte del Sistema Sanitario Nazionale (b).

Tali livelli essenziali di assistenza vengono garantiti in maniera completamente gratuita o a seguito del pagamento di un piccolo contributo, calcolato in base al reddito del singolo cittadino (ticket), e possono essere modificati dal governo (attraverso l’emanazione di nuove disposizioni legislative) poiché, con il passare del tempo, potrebbero sorgere nuovi bisogni essenziali per la popolazione o potrebbero cambiare le risorse disponibili da dedicare a questi trattamenti (con la conseguente necessità di un aumento o di una riduzione dei LEA).

LEA: una breve storia

Il primo riferimento ai livelli assistenza è già riscontrabile, in Italia, nella Legge 833/78 che ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN); successivamente, con il Decreto legislativo 299/99, i livelli sono stati riqualificati e sono stati definiti nel dettaglio le tipologie di assistenza e le rispettive prestazioni sanitarie che lo Stato si impegna a garantire a tutti gli assistiti.

Dal punto di vista finanziario, secondo il Decreto legislativo 299/99 i livelli devono essere definiti contestualmente ai fabbisogni della società ed inoltre, tale riforma ha inserito una modifica molto importante nella denominazione che si è trasformata da livelli di assistenza a livelli essenziali di assistenza.

Ѐ importante anche ricordare che, per la definizione dei LEA, il Governo e le Regioni hanno istituito nel 2000 un Tavolo per analizzare le risorse disponibili e monitorare le erogazioni dei livelli essenziali di assistenza; in tale sede si è ritenuto opportuno stabilire uno specifico accordo tra Governo e Regioni (che si è concretizzato nel 2001 con la Conferenza Stato-Regioni) il quale ha anche consentito la realizzazione del Tavolo di monitoraggio della spesa sanitaria e del Tavolo di definizione dei LEA.  

Dopo una serie di accordi, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre 2001 ha definito ufficialmente l’entrata in vigore dei livelli essenziali di assistenza, precisandone anche gli ambiti di applicazione.

Prestazioni sanitarie incluse nei livelli essenziali di assistenza

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre 2001 sui LEA contiene una lista positiva ed una negativa relativamente alle prestazioni ed ai servizi inseriti o meno nei livelli essenziali di assistenza garantiti dallo Stato gratuitamente o a seguito di una partecipazione alla spesa da parte dei cittadini.

La lista positiva prevede la classificazione di tre livelli essenziali di assistenza:

  1. l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro;
  2. l’assistenza distrettuale;
  3. l’assistenza ospedaliera.

Nel primo gruppo troviamo, ad esempio:

  • la profilassi delle malattie infettive e parassitarie;
  • i vaccini obbligatori;
  • la tutela collettiva sui rischi infortunistici sul posto di lavoro o sull’inquinamento;
  • il servizio medico legale.

 nel secondo gruppo dei LEA vengono inserite, invece:

  • le attività di emergenza sanitaria territoriale;
  • l’assistenza sanitaria di base;
  • l’assistenza farmaceutica, integrativa, protesica, specialistica ambulatoriale.

inoltre, nell’ultimo gruppo dei livelli essenziali di assistenza si trovano:

  • il pronto soccorso;
  • il day hospital;
  • la degenza ordinaria;
  • gli interventi ospedalieri a domicilio;
  • la riabilitazione;
  • il prelievo e l’attività di conservazione e di trapianto di organi e tessuti.

Infine, il decreto presenta una lista negativa che contiene tutte quelle prestazioni assistenziali che non vengono ritenute essenziali per la collettività; tale lista è suddivisa in tre aree:

  1. le prestazioni totalmente escluse dai LEA;
  2. le prestazioni parzialmente escluse dai LEA;
  3. le prestazioni incluse nei LEA che presentano un profilo organizzativo potenzialmente inadeguato. 

Nuovi LEA: cosa prevedono?

Il Decreto del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 18 marzo dello stesso anno, contiene i nuovi LEA che vanno a sostituire interamente quelli del precedente decreto.

Il nuovo provvedimento ha come obiettivo quello di andare ad aggiornare le precedenti disposizioni, prevedendo delle prestazioni in linea con i nuovi bisogni fondamentali della società.

In particolare, il nuovo Decreto, definisce nel dettaglio le attività, i servizi e le prestazioni garantite ai cittadini dal SSN, ridefinisce gli elenchi delle malattie rare e delle malattie croniche che danno diritto all’esenzione, descrive con maggior dettaglio le prestazioni già incluse nei LEA ed, infine, innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale (inserendo prestazioni avanzate ed eliminando quelle obsolete).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ricetta elettronica
In Italia, dal primo marzo 2016, la ricetta cartacea è stata completamente sostituita dalla ricetta elettronica; questo rappresenta il ra...
Terapia del dolore
Per terapia del dolore si intende l’insieme di interventi diagnostici e terapeutici che prevedono terapie diverse ed integrate per tutte ...
Biotestamento
Un tema di cui, attualmente, si parla frequentemente, e che fa spesso discutere, è quello relativo alla possibilità di redigere il biotes...