Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Craniometria

Craniometria

Curatore scientifico
Dr. Leila Turnava
Specialità del contenuto
Neurologia

Cos'è la craniometria?

La craniometria è la misurazione del cranio umano. È un sottoinsieme della cefalometria, la scienza che misura la testa. Si è distinto dalla frenologia, la pseudoscienza che ha cercato di collegare personalità e carattere alla forma della e fisionomia.

Charles Darwin utilizzato la craniometria e lo studio degli scheletri per dimostrare la sua teoria dell'evoluzione in "L'origine delle specie" (1859).

L’indice cefalico

Il professore svedese di anatomia Anders Retzius (1796-1860) ha usato per primo l'indice cefalico in antropologia fisica per classificare gli antichi resti umani trovati in Europa. Ha classificato i cervelli in tre categorie principali, "dolicocefalo" (dal greco antico kephale, testa, e dolikhos, lunga e sottile), "brachicefalo" (corte e larghe) e "mesocefalo" (lunghezza intermedia e larghezza).

Questi termini sono stati poi utilizzati da Georges Vacher de Lapouge (1854-1936), uno dei pionieri delle teorie scientifiche in questo settore e un teorico di eugenetica, che ne “L'Aryen et son rôle sociale” ha diviso l'umanità in varie "razze".

Craniometria e antropologia

Pieter Camper ha inventato l’"angolo facciale", una misura destinata a determinare l'intelligenza tra le varie specie. Secondo questa tecnica, un "angolo facciale" è formato tracciando due linee: una orizzontalmente dalla narice all'orecchio e l'altra perpendicolarmente dalla parte dell’avanzamento mascellare superiore alla parte più importante della fronte.

Il lavoro di Camper porta avanti teorie scientifiche del 18 ° secolo. Le sue misure dell’ angolo facciale sono stati usati per paragonare i teschi dei non-europei a quelli delle scimmie.

I ricercatori di rilievo che hanno utilizzato i metodi craniometrici per confrontare gli esseri umani ad altri animali sono Paul Broca (1824-1880), fondatore della Società Antropologica nel 1859 in Francia e T. H. Huxley (1825-1895) in Inghilterra.

Confrontando scheletri di scimmie all'uomo, Huxley ha sostenuto la teoria dell'evoluzione di Charles Darwin e sviluppato il "principio Pithecometra", che ha dichiarato che l'uomo e la scimmia discendevano da un antenato comune.

Samuel George Morton (1799-1851), uno degli ispiratori dell’antropologia fisica, ha raccolto centinaia di crani umani provenienti da tutto il mondo e ha iniziato a cercare un modo per classificarli in base a qualche criterio logico. Influenzato dalle teorie comuni del suo tempo, ha sostenuto che poteva giudicare la capacità intellettuale dalla capacità cranica (la misura del volume dell'interno del cranio).

Morton ha sostenuto che poteva giudicare la capacità intellettuale di una persona per la dimensione del cranio. Un grande cranio significava una grande cervello e ad alta capacità intellettuale, un piccolo cranio indicanva un cervello piccolo e limitata capacità intellettuale. Morton ha raccolto centinaia di crani umani provenienti da tutto il mondo. 

In Germania, Rudolf Virchow ha avviato uno studio di craniometria, che ha dato risultati sorprendenti in base alle teorie contemporanee sulla "razza ariana", portando Virchow per denunciare il "misticismo nordico" in Antropologia Congresso 1885 a Karlsruhe.

Josef Kollmann, un collaboratore di Virchow, ha dichiarato allo stesso Congresso che i popoli d'Europa, il tedesco, l’italiano, inglese o francese, appartenevano a una "miscela di varie razze", dichiarando che "i risultati della craniologia hanno portato a lottare contro ogni teoria relativa alla superiorità di questa o quella razza europea sugli altri”. 

Craniometria, la frenologia e la fisiognomica

La craniometria è stata utilizzata anche in frenologia che pretendeva di determinare carattere, tratti della personalità e criminalità sulla base della forma della testa e quindi del cranio. A cavallo del 19° secolo Franz Joseph Gall (1758-1822) ha sviluppato la "cranioscopia" un metodo per determinare la personalità e lo sviluppo delle facoltà mentali e morali, sulla base del forma esterna del cranio.

La cranioscopia fu poi rinominata frenologia dal suo allievo Johann Spurzheim (1776-1832), che ha scritto ampiamente sul "Sistema fisionomico". La fisionomia ha sostenuto una correlazione tra le caratteristiche fisiche (in particolare tratti del viso) e i tratti caratteriali.

Divenne celebre grazie a Cesare Lombroso (1835-1909), il fondatore di “Antropologia Criminale”, che sosteneva di essere in grado di identificare scientificamente i collegamenti tra la natura di un crimine e la personalità o l'aspetto fisico del reo. Creatore del concetto di "criminale nato" e argomentando in favore del determinismo biologico, Lombroso cercava di riconoscere i criminali dalle misure dei loro corpi.

Ha concluso che le caratteristiche del cranio e del viso erano indizi di criminalità genetica e che queste caratteristiche potrebbero essere misurate con craniometri e pinze. Alcuni dei 14 tratti identificati includono: grandi mascelle, la proiezione in avanti della mascella, fronte bassa, zigomi alti, naso all'insù, naso da falco o labbra carnose, occhi sfuggenti, barba scarsa o calvizie, insensibilità al dolore, lunghe braccia e così via.

Occorre comunque tenere presente che, al di là dell'interesse storico, molte delle teorie di Lombroso alla fine sono state considerate prive di ogni fondamento scientifico e comunque sono soggette a forti polemiche.

Uso moderno della craniometria

Recentemente, le tecniche di imaging come la risonanza magnetica possono essere utilizzati sulle persone viventi e vengono utilizzate per la ricerca sulle neuroscienze e l’intelligenza.

I dati del volume del cervello e altri dati craniometrici sono utilizzati dalla scienza ufficiale per confrontare le specie animali moderni e per analizzare l'evoluzione della specie umana in archeologia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Elettroencefalogramma
L’elettroencefalogramma (EEG) è un test che misura e registra l'attività elettrica del cervello. Dei sensori speciali chiamati elettrodi ...
Melatonina
La melatonina è un ormone prodotto dall'ipofisi, che aiuta a regolare il ciclo sonno veglia. Quando vi sono dei disturbi del sonno, è pos...
Catecolamine
Le catecolamine sono ammine derivate dall'aminoacido tirosina. Le catecolamine principali sono dopamina, epinefrina (adrenalina) e norepi...