Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Defecografia

Defecografia

Defecografia
Curatore scientifico
Dr. Attilio Sebastiano
Specialità del contenuto
Proctologia

Che cosa è

La defecografia è un esame radiologico molto accurato che permette l'identificazione di eventuali problemi presenti nella zona ano-rettale.

In particolare, questa indagine esamina il canale anale ed i suoi rapporti con il coccige e il pube, con valutazioni sia statiche (a riposo) sia dinamiche (durante la defecazione).

In sintesi, la defecografia documenta la fase volontaria di un’evacuazione rettale.

Chi ha bisogno di una defecografia

Ecco quali sono i disturbi per cui di solito è consigliata una defecografia:
  • stipsi
  • incontinenza
  • dischezia
  • controlli dopo operazioni chirurgiche nella zona anorettale

Come avviene una defecografia

Durante l'esame il paziente viene messo in posizione laterale: prima contrae i muscoli pelvici per la valutazione statica, poi viene invitato a defecare per la valutazione dinamica che sarà registrata con un sistema digitale, la videodefecografica.

Questa indagine video permette analisi complete di tutta l’azione dinamica del paziente.

L’esame è semplice e indolore, ma necessita di una pulizia rettale tramite clistere da eseguire almeno tre ore prima dell’intervento.

Per la visualizzazione il serbatoio ampollare viene riempito con una siringa contenente bario.

Come si analizza una defecografia

Per interpretare le immagine che vengono create durante una defecografia è indispensabile affidarsi ai cosiddetti “reperi anatomici”, formazioni utili a risalire agli organi interni.

Questi si dividono in reperi fissi e reperi funzionali.

Reperi fissi

- linea bi-ischiatica: linea immaginaria orizzontale, usata come riferimento per la giunzione anorettale.

I valori, indispensabili per una misurazione attendibile, sono espressi in centimetri e valutano se la giunzione si trova al di sopra oppure al di sotto della linea di riferimento.

Valori medi:

+ 1.5 cm a riposo

+ 3.5 cm in contrazione

-  3.5 cm durante lo sforzo

- linea pubo-coccigea: linea immaginaria che collega il bordo inferiore della sinfisi pubica all’estremo inferiore del coccige; aiuta a stabilire la posizione del pavimento muscolare del piccolo bacino.

Reperi funzionali

- angolo ano-rettale: utile per rappresentare l’attività del muscolo pubo-rettale, contratto nella fase di riposo e rilasciato in quella di evacuazione. A riposo, l’angolo varia tra 60° e 105°.

La distanza che separa l’angolo ano-rettale dalla linea pubococcigea mostra la posizione spaziale del muscolo elevatore: valori anomali forniscono indicazioni importanti sull’abbassamento del pavimento pelvico. A riposo il valore non supera gli 8,5 cm mentre durante la defecazione non è più di 3,5 cm rispetto alla posizione di riposo.

- diametro ampolla rettale: è la distanza tra la parete anteriore e la parete posteriore.

Il limite superiore è indicativamente di 6,5 cm mentre quello inferiore è di 3 cm.

- calibro del canale anale: verificare la distensione delle pareti del canale anale durante l’evacuazione serve per verificare il grado di rilassamento dei sistemi sfinteriali.

- tempo di apertura: è l’intervallo di tempo, misurato in secondi, tra l’ordine di inizio dato dal medico e l’inizio vero e proprio della defecazione. In genere non è mai superiore ai 3-5 secondi.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Celioscopia
La celioscopia è una tecnica che permette di vedere all'interno dell'addome, attraverso uno strumento chiamato celioscopio. Tale tecnica ...
Test del sangue occulto fecale
Il test del sangue occulto nelle feci rappresenta un importante test di screening per il tumore del colon-retto, consigliabile con cadenz...
Anoscopia
L'anoscopia è una procedura impiegata per scoprire problematiche legate al tratto gastrointestinale. Consiste in una semplice procedura m...