Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Prova Di Weber

Prova di Weber

Curatore scientifico
Dr.ssa Daria Caminiti
Specialità del contenuto
Otorinolaringoiatria

Quali sono le prestazioni del test di Weber?

Il test di Weber ed il test di Rinne sono solitamente eseguiti insieme, combinando i risultati per determinare la posizione e la natura di eventuali perdite uditive rilevate.

Col test di Weber, si seleziona una nota vibrante tratta dal diapason (solitamente a 256 Hz o a 512 Hz, usata per la prova Weber sulle vibrazioni;  a 512 Hz si usa il test di Rinne per, la prova dell’udito), il quale viene posto al centro della fronte, sopra il labbro superiore, sotto al naso, sopra i denti, o sopra la testa, equidistante dalle orecchie del paziente, a contatto con l'osso. Al paziente viene chiesto di riferire in quale orecchio si sente più forte il suono. 

Un test di Weber normale riceve dal paziente una segnalazione del suono emesso, in modo uguale in entrambi i lati. In un paziente affetto da parziale sordità, se l'orecchio difettoso sente il diapason più forte, vuol dire che esiste una perdita uditiva nell'orecchio. Se l'orecchio normale sente il suono del diapason migliore, non vi è perdita di udito neurosensoriale sull'altro orecchio (difettoso). Tuttavia, quanto detto presuppone che si conosca in anticipo quale orecchio sia difettoso e quale sia normale (il paziente dirà al medico che non riesce a sentire da un orecchio come dall’altro) e il test verrà fatto per capire se il tipo di danno sarà conduttivo o neurosensoriale, quindi che perdita dell'udito si sta verificando. 

Nel caso in cui il paziente sia a conoscenza della perdita di udito, il medico deve utilizzare il test di Rinne unitamente al test di Weber, per caratterizzare e localizzare gli eventuali deficit. Un test anormale di Weber è solo in grado di dire al medico se è di fronte ad una perdita conduttiva nell'orecchio che sente meglio o se vi è una perdita neurosensoriale anche nell'orecchio dal quale non sente.

Per la prova di Rinne, un diapason vibrante (da 512 Hz) viene posizionato inizialmente sul mastoide dietro ogni orecchio fino a che non si sente un suono. Poi, la forcella viene immediatamente collocata appena fuori l'orecchio, con la richiesta al paziente di segnalare quando il rumore, causato dalla vibrazione, non è più udibile. Un test di Rinne risulta normale o positivo quando il suono emesso fuori dall'orecchio (conduzione dell’aria ) è più forte del suono iniziale sentito, quando l'estremità del diapason viene posizionata contro la pelle, sulla parte superiore de mastoide, dietro l'orecchio (la conduzione ossea). 

In un paziente normale, il suono del diapason si sente ugualmente forte in entrambe le orecchie, se manca l'udito ad un orecchio, il suono risulta più forte rispetto agli altri (lateralizzazione). Allo stesso modo, un paziente con la perdita di udito simmetrico, sentirà il suono del diapason altrettanto bene. In un paziente affetto da perdita di udito, il suono del diapason si sente più forte in un orecchio (lateralizzazione) rispetto all’altro. Questa scoperta clinica dovrebbe essere confermata ripetendo la procedura, mentre il paziente si chiude un orecchio con un dito; il suono dovrebbe essere sentito meglio nell'orecchio occluso.

Una volta che i risultati di entrambi i test sono noti e confrontati, si può localizzare e caratterizzare la natura di eventuali perdite uditive rilevate. Il test di Weber e di Rinne sono test di screening che non devono venir sostituiti dal test dell'udito dell’audiometria.

Come avviene il rilevamento della perdita uditiva?

Un paziente con una perdita uditiva unilaterale solitamente sente più forte il diapason nell'orecchio interessato. Questo perché l'orecchio sta ricevendo l’input dalla conduzione ossea e non dalla conduzione dell'aria, e il suono viene percepito come più forte in quell'orecchio. Lo scopo della conduzione dell’orecchio medio (incudine, martello, staffa e tuba di Eustachio) è quello di mascherare il rumore ambientale della stanza, mentre il buon funzionamento dell'orecchio interno (coclea con la sua membrana basilare) raccoglie il suono fino alle ossa del cranio, dando la sensazione di essere percepito come un suono più forte dall'orecchio interessato. Un'altra teoria, tuttavia, si basa sull’effetto di occlusione descritto da Tonndorf nel 1966. Comprende i suoni di frequenza più bassa (resa dalla forcella a 256 Hz) che vengono trasferiti attraverso l'osso al condotto uditivo del canale. Se è presente un'occlusione, il suono non può sfuggire e appare più forte all'orecchio affetto da ipoacusia.

L’ipoacusia trasmissiva può essere imitata chiudendo un orecchio con un dito ed eseguendo il test di Rinne e di Weber, che aiuteranno a chiarire quanto sopra. Canticchiare una nota costante e chiudere poi un orecchio, è un buon modo per simulare i risultati del test di Weber per ipoacusia. La simulazione del test Weber è alla base del test di Bing.

Come si esegue il rilevamento della perdita dell’udito neurosensoriale?

Se la conduzione dell'aria è intatta su entrambi i lati, il paziente segnalerà un suono più tranquillo nell'orecchio con la perdita di udito neurosensoriale. Questo perché l'orecchio, con la perdita dell'udito neurosensoriale non riceve input dalla conduzione ossea, e il suono viene percepito come forte nell'orecchio normale.

Questi test hanno delle limitazioni?

Il test di Weber è più utile nei soggetti con un udito che è diverso tra le due orecchie. Esso non può confermare un udito normale, perché non misura la sensibilità al suono in modo quantitativo. Sentendo i difetti che interessano entrambe le orecchie allo stesso modo, come la presbiacusia, produrrà un risultato apparentemente normale del test.

Il test Weber riflette la perdita di conduzione nell'orecchio omolaterale, perché, in caso di conduzione alterata, l’orecchio omolaterale neurosensoriale viene percepito come forte; questa è la stessa ragione per cui il ronzio diventa più importante quando si coprono le orecchie.

Se il test di Weber all'orecchio lateralizzato ha un risultato positivo e ha un risultato al test di Rinne positivo, significa che c’è un’assenza di perdite di conduzione in quell'orecchio, e il suono è stato percepito come più forte su quel lato perché una perdita neurosensoriale è presente in modo contro laterale; un test di Rinne negativo ipsilaterale, d'altro canto, confermerebbe la perdita uditiva ipsilaterale (anche se la sordità neurosensoriale contro laterale può ancora essere presente).

Se il test di Weber all'orecchio lateralizzato ha un risultato positivo e l'orecchio contro laterale ha un risultato al test di Rinne negativo, allora si avrà sia una sordità conduttiva che neurosensoriale nell'orecchio contro laterale. Questo perché il deficit neurosensoriale ha sempre precedenza su quello conduttivo, quindi, anche se la perdita uditiva è presente nell'orecchio contro laterale, è il deficit neurosensoriale il responsabile della percezione elevata del volume.

Questo significa anche che un orecchio lateralizzato con un test di Weber negativo e un test di Rinne negativo significano che è stato colpito solo l’udito neurosensoriale sul lato ipsilaterale.

Anche se non sono un sostituto all’audiometria , i test di screening rapido possono essere effettuati integrando il test di Weber con il test di Rinne.

Il test di Rinne è utilizzato in casi di perdita dell'udito unilaterale e stabilisce se l'orecchio ha la maggiore conduzione ossea. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Faringoscopia
Si tratta di una procedura diagnostica che si effettua sulla faringe.
Timpanogramma
Il timpanogramma è un test spesso impiegato per valutare la funzione dell'orecchio medio ed eventuali disturbi dell'udito e per diagnosti...