Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ernia Discale

Ernia discale

Ernia discale
Curatore scientifico
Dr. Giorgio Rotundo
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cosa è l'ernia discale?

Il disco intervertebrale è quella struttura posta tra due vertebre che le protegge dagli urti e dall’usura, come se fosse un ammortizzatore.

Esso è composto da una struttura fibrosa più rigida (come se fosse una gabbia) che trattiene un nucleo più liquido e polposo (che funge da cuscinetto ammortizzante). Quando il nucleo polposo fuoriesce dall’anello fibroso, si può parlare di ernia del disco.

Quali sono i tipi di ernia discale?

Si distinguono diverse forme di ernia discale:

  • contenuta: il nucleo polposo del disco esercita una lieve pressione che contiene la fuoriuscita del materiale
  • protusa: si ha uno spostamento parziale del nucleo, a livello del midollo spinale, che quindi rompe le fibre, rimanendo però attaccato al centro del disco
  • espulsa: il materiale del nucleo è del tutto fuoriuscito dalla membrana contenitiva
  • migrata: il materiale fuoriuscito va oltre i normali limiti anatomici.

Dove è localizzata l'ernia discale?

L'ernia discale può localizzarsi tutte le zone della colonna, essendo il disco intervertebrale presente tra ogni vertebra. Vi sono però delle zone dove più frequentemente si localizzano ernie sintomatiche, che dipendono da normali variazioni anatomiche della colonna, che concentrano su quelle vertebre la maggior parte dei carichi, soprattutto se si è in presenza di anomalie della colonna (alterazioni delle curve, rimpicciolimento dei muscoli, degenerazioni ecc. ecc.) come nel tratto lombare L5-S1 (la V lombare e la I sacrale) o nel tratto cervicale C6-C7 (la VI e VII cervicale).

Quali sono le cause dell'ernia discale?

L'invecchiamento, la disidratazione e la degenerazione del disco sono lecause più frequenti di ernia discale ma ci possono essere anche delle cause traumatiche, anche se meno frequenti.

Chi è affetto da ernia discale?

Soggetti di tutte le età possono essere colpiti da ernia discale.

Il cedimento delle fibre è però più comune nei soggetti di età medio-avanzata. I giovani che hanno una vita sedentaria, o in sovrappeso, possono subire una degradazione precoce della parete del disco ed essere affetti da ernia.

Quali sono i sintomi dell'ernia discale?

I sintomi sono direttamente correlati al tratto interessato, proprio perché ogni nervo che fuoriesce da un particolare segmento della schiena, irradierà una zona corporea specifica.

Solitamente la sintomatologia si irradia distalmente (verso la periferia) e può essere avvertita come dolore, bruciore, formicolio, scossa elettrica, addormentamento, e nei casi più gravi comportare anche dei problemi motori (impossibilità ad effettuare i movimenti) e questo perché ogni nervo ha una componente sensitiva (che “trasporta” informazioni tattili) ed una componente motoria (che “trasporta” informazioni sul movimento e le trasmette ai muscoli che muovono gli arti).

Altri nervi (soprattutto del tratto dorsale) innervano i visceri e le funzioni viscerali (respiro, digestione ecc. ecc.) e una loro compromissione (rara se non in traumatismi molto gravi) comprometterebbe la funzione dell’organo interessato.

A titolo esemplificativo si riportano i più frequenti casi:

  • A livello C6-C7 il dolore si irradia sul margine postero-laterale dell'avambraccio e al dito medio della mano; può insorgere una ipostenia del muscolo tricipite, che si manifesta con difficoltà nell'estensione dell'avambraccio sul braccio e può essere diminuito il riflesso tricipitale
  • A livello C5-C6 il dolore si irradia sul margine laterale dell'avambraccio, sul dorso della mano, sul pollice e sull'indice; vi può essere ipostenia del muscolo bicipite, che si manifesta con difficoltà nella flessione dell'avambraccio sul braccio e può essere diminuito il riflesso bicipitale
  • A livello C4-C5 si verifica una compromissione del muscolo deltoide, che si manifesta con una difficoltà a sollevare il braccio e ad abdurlo
  • A livello L5-S1: dolore lombare irradiato alla faccia posteriore della coscia e della gamba, al lato esterno e alle ultime dita del piede. Può causare ipostenia nella flessione plantare del piede, che si manifesta con la difficoltà a camminare sulle punte del piede.
  • A livello L4-L5: dolore lombare irradiato alla faccia postero-laterale della coscia, al lato esterno del polpaccio, al collo del piede, all’alluce e al secondo dito del piede. Può causare ipostenia nella estensione del piede, che si manifesta con la difficoltà a camminare sul tallone.
  • A livello L3-L4: dolore lombare irradiato alla faccia laterale della coscia, al ginocchio e  alla faccia antero-mediale della gamba. Può causare ipostenia del quadricipite della coscia, che si manifesta con la difficoltà ad estendere la gamba sulla coscia.
  • A livello L2-L3: dolore alla faccia antero-mediale della coscia fino al ginocchio.

Come vengono coinvolte le vertebre L4-L5 e L5-S1 in un caso di ernia del disco?

La stragrande maggioranza delle ernie del disco attaccherà la parte inferiore della colonna vertebrale, al livello delle vertebre L4- L5 o L5- S1.

Oltre ai sintomi tipici della sciatica, a questi livelli può portare a:

  • impatto sul nervo della vertebra L5 (a L4 - L5 livello), con un’ernia del disco può causare debolezza nell’estendere l'alluce e potenzialmente della caviglia (piede cadente). L’intorpidimento e il dolore possono essere sentiti sulla parte superiore del piede e il dolore può irradiarsi anche al gluteo
  • impatto sul nervo S1 (a L5 - S1 livello), con un’ernia del disco può causare la perdita del riflesso della caviglia e / o debolezza della caviglia nello spingerla in fuori (i pazienti non riescono a flettere la punta del piede). L’intorpidimento e il dolore si possono irradiare fino alla pianta o all'esterno del piede

Come si diagnostica l'ernia discale?

Durante la visita dello specialista sarà possibile con alta probabilità ipotizzare una compromissione nervosa, e questo perché la raccolta delle informazioni in merito e specifici test fisici possono metterla in evidenza.

L’utilizzo di accertamenti strumentali, poi, potrà confermare o confutare tale ipotesi. In nostro aiuto possono essere utilizzati la RMN, la Rx tradizionale, e l’esame elettromiografico (EMG) o quello elettroneurografico (ENG), anche la TC può avere la sua utilità, soprattutto quando la compressione non è esercitata da una ernia del disco ma da uno scivolamento di una vertebra su di un’altra (listesi, stenosi foraminale).

Come si cura l'ernia discale?

Il trattamento iniziale è conservativo (a meno di casi gravi o palesemente complicabili).

I trattamenti non chirurgici dell’ernia del disco più comuni sono:

  • Fisioterapia ed esercizio fisico;
  • Manipolazione chiropratica / osteopatica (manipolazione manuale);
  • Termoterapia e / o ghiaccio;
  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), miorilassanti, neurotrofici;
  • Steroidi orali (cortisonici);
  • Farmaci morfino-simili
  • Iniezioni / infiltrazioni
  • Elettroterapie
  • Radiologia interventistica

Se il dolore e gli altri sintomi persistono, e se il dolore è forte, è ragionevole considerare come opzione un intervento chirurgico.

Come viene trattata l’ernia del disco lombare con la chirurgia?

La tecnica maggiormente utilizzata e che dà migliori risultati è la microdiscectomia lombare, dove il termine micro sta per tecnica microchirurgica ossia effettuata con l’ausilio della magnificazione ottica, cioè il microscopio operatorio. Con tale intervento si tenta di ampliare il “foro” dal quale fuoriesce il nervo così da eliminare la compressione esercitata su di esso.

Sono possibili anche altre tecniche chirurgiche che posson essere così raissunte:

  • Chirurgia aperta tradizionale
  • Chirurgia endoscopica
  • Discectomia (eliminazione del disco interventrebrale o del materiale danneggiato) anche con laser
  • Altro come l’ozono terapia, la sostituzione discale, la stabilizzazione vertebrale, chemonucleolisi (praticamente non più utilizzata), aspirazione del nucleo.

Tutte le tecniche non sono scevre da complicanze e recidive, e non danno la certezza di una piena guarigione. Occorre discutere sempre tutti i dettagli con lo specialista di riferimento.

Che periodicità ha l’ernia del disco?

Purtroppo, circa il 10% dei pazienti può avere un'altra ernia del disco nella stessa posizione della precedente.

Questa eventualità è più probabile che accada subito dopo il periodo postoperatorio (entro i primi tre mesi), anche se può succedere anni più tardi. Di solito una recidiva può essere gestita con un’altra microdiscectomia.

Se si ripete più volte, può venir preso in considerazione un intervento di fusione lombare per arrestare il movimento a livello di disco e rimuovere tutto il materiale discale.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ipercifosi
L'ipercifosi è una condizione patologica che interessa la colonna vertebrale, che consiste in un’accentuazione della normale curva toraci...
Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.