Irite

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Miguel Rechichi, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cos’è l’iride?
  2. Che cos’è l’irite?
  3. Quali sono le cause dell’irite?
  4. Quali sono i sintomi e segni dell’irite?
  5. Come viene diagnosticata l’irite?
  6. Quali sono gli esami da affrontare?
  7. Qual è il trattamento per l’irite?
  8. Quanto dura l’irite?
  9. Quali sono le complicazioni dell’irite?
  10. Qual è la prognosi per l’irite?
  11. Che cosa sta facendo la ricerca per l’irite?
  12. Quando è il caso di cercare delle cure mediche?
  13. Quali domande rivolgere al medico?
  14. Come si può curare in casa?
  15. Quali sono le ulteriori assistenze?
  16. Quali sono le aspettative per chi soffre di irite?

Che cos’è l’iride?

L’iride è una membrana circolare pigmentata che conferisce colore agli occhi; il foro al centro, invece, è la pupilla.

L’iride è composta da fibre muscolari che controllano la quantità di luce che entra attraverso la pupilla, così da permettere una corretta visibilità. Essa riesce a svolgere questo compito rendendo la pupilla più piccola quando c’è troppa luce, più grande quando c’è una scarsa illuminazione.

In alcune persone però, l’iride può infiammarsi, comportando così l’irite.

Che cos’è l’irite?

L’irite è una condizione infiammatoria della parte colorata (l'iride che circonda la pupilla) dell'occhio. L’irite provoca vari gradi di arrossamento degli occhi, spesso con grande dolore, sensibilità alla luce, lacrimazione e visione offuscata

Quali sono le cause dell’irite?

Un'infezione degli occhi o un’infiammazione dopo un trauma può causare l’irite.

L’irite può anche essere una complicanza di molte malattie come l'artrite reumatoide, la spondilite anchilosante, la tubercolosi, la sarcoidosi, e collagenopatie vascolari come il lupus. L’irite può verificarsi con l’herpes simplex dell'occhio e dopo la chirurgia oculare.

L’irite relativa all’artrite reumatoide giovanile è particolarmente pericolosa e potrebbe non rispondere bene al trattamento, causando gravi lesioni oculari. Nei bambini affetti da artrite, il dolore da irite è spesso assente. Per questo motivo, "semplici" occhi rossi in questi bambini non dovrebbero essere ignorati. L’irite non è contagiosa. L’irite può verificarsi in uno o entrambi gli occhi. Trovare una causa è molto più semplice nei pazienti con irite su entrambi gli occhi o irite che ricorre frequentemente.

L’irite può essere la conseguenza di cause traumatiche (irite traumatica) o non traumatiche:

  • Un trauma netto all’occhio può comportare infiammazioni traumatiche all’iride.
  • L’irite non traumatica è spesso connessa a determinate malattie, come la spondilite anchilosante , la sindrome di Reiter, la sarcoidosi, malattie infiammatorie intestinali, e la psoriasi.
  • Cause infettive possono includere la malattia di Lyme, la tubercolosi, la toxoplasmosi, la sifilide, e i virus dell’herpes simplex e dell’herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio).

Nella maggior parte dei casi, non viene rilevata una causa precisa.

Quali sono i sintomi e segni dell’irite?

L’irite appare occhi rossi e che provocano dolore, con visione offuscata e sensibilità alla luce. Inoltre, la pupilla dell'occhio interessato può essere inferiore a quella dell'occhio sano. 

Spesso l’irite si sviluppa in fretta e generalmente colpisce un solo occhio. I segni e i sintomi possono comprendere alcuni dei seguenti, o tutti:

  • Dolore all’occhio o alla zona del sopracciglio
  • Peggioramento del dolore quando l’occhio è esposto alla luce intensa
  • Arrossamento dell’occhio, specialmente intorno all’iride
  • Pupilla dalla forma piccola o strana
  • Vista offuscata
  • Mal di testa

Come viene diagnosticata l’irite?

La diagnosi di irite è fatta dal medico oculista. Si parte dal sospetto dalla storia e dai sintomi e quindi è confermata da un esame. Dopo la misurazione della vista, l'occhio viene ispezionato con una lampada a fessura (biomicroscopio), dove si osservano cellule microscopiche nella parte anteriore dell'occhio. Quando si misura la pressione oculare, spesso si trova ad essere inferiore nell'altro occhio.

Quali sono gli esami da affrontare?

La diagnosi dell’irite si conferma attraverso un controllo agli occhi effettuato con una lampada a fessura (un microscopio speciale realizzato per il controllo degli occhi). Il vostro oculista può così vedere delle cellule (globuli bianchi) e dei bagliori (particelle delle proteine) nel fluido prodotto nell’occhio.

Altri due tipi di esami aiutano il vostro oculista nella diagnosi dell’irite. Essi comprendono:

  • L’anestesia locale, che non allevia il dolore associato all’irite
  • La luce intensa diretta all’occhio normale, provoca dolore all’occhio affetto da irite. Ciò accade perché la luce diretta nell’occhio provoca la costrizione di entrambe le pupille. Il movimento dell’iride affetta provoca dolore.

Qual è il trattamento per l’irite?

In primo luogo, si cerca di trovare una causa. Le cause come traumi, malattie uinfiammatorie degli occhi, o un'infezione agli occhi sono spesso evidenti. Il trattamento è quindi diretto verso la causa sottostante. In molti casi, nessuna causa viene rilevata. Non ci sono rimedi naturali per l’irite

Le cure mediche dell’irite includono l’uso di medicinali sotto forma di gocce o di pillole che favoriscano la cura e l’alleviamento del dolore.

Un trattamento specifico è di solito il collirio a base di cortisone ed antinfiammatori, spesso accompagnati da gocce per ingrandire la pupilla. Questo serve a due scopi: allevia un po' del dolore,  le gocce mantenengono la pupilla dilatata per evitare che diventi segnata verso il basso e aderente alla lente di focalizzazione dietro la pupilla dell'occhio.

Se le gocce non hanno esito positivo, iniezioni di steroidi intorno all'occhio o steroidi (cortisone) pillole possono essere necessarie.

La cura dell’irite comprende l’utilizzo di farmaci (in gocce) che dilatino (ingrandiscano) la pupilla e che prevengano lo spasmo del muscolo dell’iride, così che la parte infiammata possa riposarsi. Ciò permette la guarigione e la diminuzione del dolore.

Anche gli steroidi in gocce vengono usualmente prescritti a meno che non sia stato un agente infettivo (batterio o virus) a causare l’irite. Questi steroidi in gocce aiutano a diminuire l’infiammazione. Se l’occhio non riporta un miglioramento in una settimana, il vostro oculista provvederà alla prescrizione di steroidi in pillole o ad iniezioni. La durata della cura dipende dalla gravità della malattia e da quanto riesca a migliorare l’occhio.

Quanto dura l’irite?

Di solito, l’irite guarisce in giorni, ma può durare per mesi o può diventare cronica e ricorrente.

Quali sono le complicazioni dell’irite?

La cecità è la complicanza finale, ma relativamente rara. Dolore ricorrente e offuscamento della vista si possono verificare. 

Qual è la prognosi per l’irite?

Nella maggior parte dei casi, l’irite risponde a un breve ciclo di colliri steroidei e gocce di dilatazione. Nel caso di recidive, ogni nuovo episodio aumenta la possibilità di cicatrici, glaucoma, cataratta e altre gravi lesioni oculari.

Che cosa sta facendo la ricerca per l’irite?

Dal momento che di solito l’irite risponde così bene al trattamento, la ricerca riguarda principalmente la gestione dei casi che si ripetono di frequente o non rispondono al trattamento convenzionale. Oltre alla ricerca di farmaci più efficaci, la ricerca si occupa anche di cercare il modo migliore di fornire farmaci per le gocce, pillole, o iniezioni.

Quando è il caso di cercare delle cure mediche?

Comunicate al vostro oculista se uno dei seguenti segni o sintomi si presenta:

  • Dolore all’occhio, anche in caso di luce intensa
  • Vista offuscata
  • Arrossamento agli occhi, specialmente vicino l’iride

Se non avete la possibilità di mettervi in contatto con il vostro oculista, ricercate cure mediche al pronto soccorso.

Quali domande rivolgere al medico?

Se vi è stata diagnosticata l’irite, queste sono le domande che potreste rivolgere al vostro medico:

  • L’irite comporta danni permanenti agli occhi?
  • Possono esserci segni di una permanente perdita della vista?
  • Cosa potrei aspettarmi se il mio occhio guarisse?
  • Per quali sintomi devo contattarla?

Come si può curare in casa?

L’irite richiede la prescrizione di farmaci e frequenti controlli dall’oculista, quindi la ricerca di cure mediche è molto importante.

  • Utilizzate i farmaci prescritti nel modo in cui vi è stato raccomandato
  • Indossate occhiali scuri se la luce peggiora il dolore
  • Prendete analgesici leggeri, come l’acetaminofene o l’ibuprofene, che vi aiutino a controllare alcuni fastidi

Quali sono le ulteriori assistenze?

In qualunque caso di irite, ulteriori assistenze mediche, come quella con uno specialista della cura degli occhi, sono essenziali. Nel caso di irite non traumatica, l’oculista effettua dei controlli per accertarsi della possibile presenza di malattie associate.

Quali sono le aspettative per chi soffre di irite?

L’irite traumatica si protrae solitamente per uno e due mesi. Quella non traumatica, invece, può durare alcune settimane o , in certi casi, qualche mese.

I casi infettivi di irite si risolvono una volta che le necessarie misure per la cura vengono prese.

Altri casi (ad esempio quelli associati alle malattie sistematiche, come la sarcoidosi o la spondilite anchilosante) possono essere croniche o ricorrenti.

A volte gli oculisti consigliano a chi rischia di contrarre l’irite molto spesso, di tenere sempre sotto mano degli steroidi in gocce, così che possano utilizzarle al primo segnale di un ritorno.