Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Malattia Legg Calve Perthes

Malattia di Legg-Calvé-Perthes

Malattia di Legg-Calvé-Perthes
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cos'è

La malattia di Legg-Calvé-Perthes è una malattia infantile che colpisce l'anca, più precisamente la testa del femore. Tale malattia si presenta quando il flusso di sangue viene temporaneamente interrotto nella testa femorale. La mancanza del necessario flusso sanguigno porta ad una necrotizzazione dell'osso, che tende a rompendosi più facilmente e a ricalcificarsi male. 

Sintomi

I sintomi più comuni sono: 

  • Andatura zoppicante
  • Dolore o rigidità all'anca, all'inguine, alla coscia o al ginocchio.
  • Limitata mobilità all'articolazione dell'anca
La malattia di Legg-Calvé-Perthes solitamente colpisce solo un'anca. Quando colpisce entrambe le anche, molto di rado, avviene comunque in tempi sempre diversi.

Quando bisogna consultare un medico

È consigliabile consultare un medico se il bambino comincia a zoppicare o a lamentare dolori all'anca, all'inguine o al ginocchio. È fondamentale andare immediatamente al pronto soccorso se il bambino presenta febbre o non riesce a mantenere il proprio peso sulla gamba. 

Cause

La malattia di Legg-Calvé-Perthes si presenta in seguito ad una ischemia nella testa del femore. Senza un adeguato flusso di sangue, l'osso comincia a diventare instabile e tende a rompersi facilmente o a ricalcificarsi male. Le causa principali del ridotto flusso sanguigno nella testa del femore sono ancora sconosciute. 

Fattori di rischio

La malattia di Legg-Calvé-Perthes può presentarsi nei bambini di tutte le età, ma è più comune tra i 4 e gli 8 anni, particolarmente nei maschi bianchi, che hanno un'incidenza di 5 volte superiore rispetto alle femmine. Inoltre, in alcuni casi, sembra che la malattia di Legg-Calvé-Perthes si tramandi geneticamente. 

Complicazioni della malattia

I bambini affetti dalla malattia di Legg-Calvé-Perthes hanno un maggiore rischio di sviluppare artriti alla gamba nell'età adulta, in particolar modo se le articolazioni dell'anca presentano una forma anormale. L'errata ricalcificazione delle ossa potrebbe causarne un rapido indebolimento, rendendo necessario un intervento chirurgico.

In generale, i bambini che contraggono tale malattia dopo i sei anni, hanno più probabilità di sviluppare problemi all'anca nell'arco della loro vita. Infatti, più sono piccoli i bambini, maggiore probabilità avranno le articolazioni di guarire in modo corretto, a forma sferica.

Cure

Innanzitutto, durante l'esame, il medico muove le gambe del bambino in varie posizioni per controllarne i movimenti e gli eventuali dolori ad essi associati. Inoltre gli esami di imaging per la diagnostica della malattia includono: raggi-x, risonanza magnetica e scintigrafia ossea.

Gli obiettivi del trattamento consistono nel mantenere la testa del femore a forma sferica. Nella maggior parte dei casi, la chirurgia non è necessaria per i bambini sotto i 6 anni, perché sono ancora in fase di sviluppo fisico e quindi la testa femorale ha più tempo per ripararsi dal danno causato dalla malattia.

Se il bambino ha meno di 6-7 anni, il dottore potrebbe semplicemente raccomandare una visita e un trattamento sintomatico con stretching, corsa limitata e salti, insieme ai trattamenti farmaceutici se necessari. Altri trattamenti non chirurgici includono: stampelle, apparecchio per trazione e ingessatura.

La maggior parte dei trattamenti ortopedici per la malattia di Legg-Calvé-Perthes mirano al miglioramento della forma dell'articolazione dell'anca, per prevenire l'insorgenza di artriti in futuro. Questi trattamenti includono:

  • Rilascio della contrattura
  • Riallineamento dell'articolazione
  • Rimozione dell'osso in eccesso
  • Sostituzione dell'articolazione
Tuttavia, è provato che anche lo stile di vita gioca un ruolo fondamentale nella cura e nel trattamento di tale malattia. Infatti, è consigliabile modificare le proprie abitudini di vita, evitando attività ad alto impatto, come la corsa e il salto, perché potrebbero aumentare i danni all'osso debole e peggiorare i sintomi; somministrare antidolorifici e utilizzare impacchi caldi o freddi per alleviare il dolore associato alla malattia. Utilizzare degli impacchi caldi prima di fare esercizi di stretching può aiutare a sciogliere i muscoli. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ipercifosi
L'ipercifosi è una condizione patologica che interessa la colonna vertebrale, che consiste in un’accentuazione della normale curva toraci...
Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.