Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Orzaiolo

Orzaiolo

Orzaiolo
Curatore scientifico
Dr. Domenico De Felice
Specialità del contenuto
Oculistica

Cos'è l'orzaiolo

L'orzaiolo è un'infiammazione acuta situata alla base delle ciglia o all'interno della palpebra; il termine medico dell'orzaiolo è hordeolum (al plurale: hordeola) ed è il risultato di una infezione delle ghiandole oculari, che si intasano, ma può anche dipendere dall'infezione di un follicolo pilifero che infetta le ciglia alla base.

Il batterio Staphylococcus aureus, che spesso si trova sulla pelle, è responsabile nel 90 o 95 per cento dei casi di orzaiolo; quest'ultimo può svilupparsi anche come complicanza di un'infiammazione diffusa delle palpebre, nota come blefarite.

Il termine hordeolum esterno è stato utilizzato in riferimento ad un orzaiolo che si sviluppa alla base delle ciglia e che coinvolge un follicolo delle ciglia della palpebra, mentre il termine hordeolum interno si riferisce a un orzaiolo derivante.

Talvolta un orzaiolo è confuso con un calazio che è una ciste o un tipo specifico di cicatrice derivante dalle ghiandole di Meibomio della palpebra. A differenza di un orzaiolo, un calazio è in genere indolore.

Sintomi di un orzaiolo

Il primo segnale di orzaiolo è la comparsa di una piccola macchia giallastra al centro della lesione, che rappresenta l'aumento di pus in superficie; a questo si accompagnano i primi sintomi di un orzaiolo, che includono:

  • arrossamento;
  • gonfiore;
  • dolore nella zona interessata.
In seguito, i segni di orzaiolo possono includere disagio durante il normale movimento delle palpebre, lacrimazione degli occhi e sensibilità alla luce. 

Chi è più soggetto allo sviluppo di un orzaiolo

Persone di tutte le età possono sviluppare l'orzaiolo e gli uomini e le donne sono ugualmente colpiti, si manifesta un leggero incremento dell'incidenza dell'orzaiolo durante la terza età.

In molte persone sensibili, lo stress sembra innescare lo sviluppo di un orzaiolo, studi hanno dimostrato che coloro che hanno alti livelli di lipidi nel sangue (grassi) sono più suscettibili alle ostruzioni nelle ghiandole.

Trattamento per un orzaiolo

In caso di orzaiolo può essere importante l'applicazione di un impacco caldo o panno caldo sulla zona colpita per 10 minuti, 4-6 volte al giorno, causando la rottura dell'orzaiolo e favorendo il sollievo dei sintomi.

A volte, per trattare un orzaiolo, vengono prescritte pomate antibiotiche oppure unguenti steroidi; mentre molto di rado sono raccomandati gli antibiotici per orzaioli persistenti o multipli. 

Le lenti a contatto e il trucco degli occhi non devono essere adoperati durante il trattamento. Se un orzaiolo persiste per diversi giorni, un medico può curare l'infezione, nel caso in cui un bambino abbia bisogno di drenare, si ricorre alla manovra dopo aver adoperato un anestetico generale.

Prognosi di un orzaiolo

Un orzaiolo è innocuo nella maggior parte dei casi e la sua  rottura avviene spontaneamente  entro pochi giorni portando a rapido sollievo.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Nictalopia
La nictalopia, da non confondere con la emeralopia, indica la capacità di una persona di vedere meglio nelle ore notturne e una sua diffi...
Cicloplegia
Con il termine cicloplegia si intende la paralisi del muscolo cicliare oculare, con una compromissione della messa a fuoco, e quindi dell...
Ischemia del nervo ottico
L’ischemia del nervo ottico è un disturbo che si ha quando le cellule del nervo ottico muoiono a causa del mancato apporto sanguigno alla...