Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Prolasso Vaginale

Prolasso vaginale

Prolasso vaginale
Curatore scientifico
Dr. Andrea Marsili
Specialità del contenuto
Ginecologia

Che cos'è un prolasso vaginale?

Un prolasso genitale è una patologia per cui gli organi pelvici possono scendere verso il basso attraverso la vagina per l’indebolimento/cedimento della fascia endopelvica e del muscolo elevatore dell’ano che sono i supporti per uretra-vescica, utero, retto.

Se l’alterazione delle strutture di supporto riguardano la parete vaginale anteriore si parla di uretro-cistocele, se interessa la parte alta/superiore si parla di isterocele, se è alterata la parete vaginale posteriore si parla di rettocele.

Per quel che riguarda il prolasso vaginale: una vera e propria rete di muscoli, legamenti e pelle formano una struttura di supporto intorno alla vagina nella donna. Una struttura di sostegno molto complessa che contiene gli organi pelvici.

La rete di supporto del pavimento pelvico può indebolirsi o rompersi, provocando una condizione comune chiamata prolasso uterino/vaginale, in cui si verifica l’abbassamento, o addirittura la fuoriuscita dell’utero nella vagina.

Quali sono le cause del prolasso vaginale?

A causare un prolasso vaginale sono:

  • Parti vaginali
  • peso fetale elevato alla nascita
  • obesità
  • stipsi
  • broncopneumpatie croniche (tosse)
  • alterazioni ormonali menopausali
  • lassità legamentosa congenita

Quali sintomi si accusano durante un prolasso vaginale?

Il sintomo principale del prolasso vaginale è la sensazione di ingombro vaginale. Se la malattia è già in stato di avanzamento vi è anche la percezione tattile di qualche cosa che fuoriesce dalla vagina.

Tra gli altri sintomi accusati durante un prolasso vaginale spiccano:

  • Sensazione di peso a livello dei genitali esterni
  • Sensazione di corpo estraneo in vagina
  • Ritenzione urinaria con eventuali cistiti ricorrenti
  • incontinenza urinaria da urgenza
  • Incompleto svuotamento rettale (dischezia)

Come viene diagnosticato un prolasso vaginale?

La diagnosi viene fatta con la visita ginecologica e con una accurata anamnesi. Si completa con ecografia pelviche e prove urodinamiche per valutare la presenza di incontinenza urinaria.

Come viene trattato un prolasso vaginale?

Abbiamo un trattamento cruento: chirurgico, e uno non cruento con l’uso di pessari, tipo anelli o cubi che vengono inseriti in vagina e sostengono gli organi interni. Non chirurgico è anche il trattamento riabilitativo e di ginnastica pelvica.

Il trattamento chirurgico può essere eseguito per via vaginale o per via laparoscopica in tutti e due i casi con l’ausilio di benderelle non riassorbibili in prolene, ecc. che sostituiscono il sostegno che era dei ligamenti pelvici.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...
Incontinenza
L'incontinenza è una disfunzione dell'apparato urinario caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. Conosciamo una incontinenza d...
Vaginismo
Si parla di vaginismo quando i muscoli della vagina si contraggono involontariamente ogni qualvolta vi è un tentativo di penetrazione, ch...