Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Vaginismo

Vaginismo

Vaginismo
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è

Si parla di vaginismo quando i muscoli della vagina si contraggono involontariamente ogni qualvolta vi è un tentativo di penetrazione, che può verificarsi tramite il pene, le dita, un vibratore o un tampone.  Il vaginismo è abbastanza comune, specialmente nelle donne tra i 15 e i 30 anni.

Quando a vagina si chiude completamente, il vaginismo rende il rapporto sessuale doloroso, difficile o impossibile; isintomi possono variare da donna a donna.

Poiché il vaginismo crea problemi o provoca l’interruzione totale della vita sessuale, può causare stress e problemi relazionali. Questa patologia può anche rendere difficoltosa o impraticabile una normale visita ginecologica e pelvica.

Sintomi

I sintomi del vaginismo comprendono:
  • Penetrazione della vagina difficile o impossibile, a causa della contrazione dei muscoli
  • Bruciore o dolore pungente e contrazione della vagina se penetrata con un tampone, un dito, un vibratore o il pene
  • Paura intensa della penetrazione e del dolore che ne consegue
  • Calo del desiderio sessuale se si tenta la penetrazione
I segni del vaginismo variano per gravità. Per esempio:
  • Alcune donne non riescono a inserire nulla nella vagina
  • Alcune donne riescono a inserire un tampone e a completare un esame ginecologico, ma il rapporto sessuale è impossibile
  • Altre donne possono provare ad avere un rapporto sessuale, ma ciò si rivela molto doloroso
  • Alcune donne sono in grado di avere un rapporto sessuale, ma la contrazione e il dolore non permettono di raggiungere l’orgasmo
  • Alcune donne sperimentano anni di occasionale difficoltà nei rapporti sessuali e devono essere sempre pronte a controllare e rilassare la vagina quando compaiono i sintomi.
Questi sintomi sono completamente involontari e difficilmente possono essere contrastati perché il paziente ha imparato ad associare la penetrazione con il dolore: ogni volta che il corpo si aspetta la penetrazione, infatti, i muscoli vaginali si contraggono come reazione protettiva.

Risulta però sbagliato pensare che le donne con vaginismo abbiano un'avversione al sesso o che non vogliano praticarlo. Molte donne affette da vaginismo amano l’intimità e la condivisione del piacere sessuale con il proprio partner.

Possono raggiungere l’orgasmo durante la masturbazione reciproca, i preliminari e il sesso orale. Solo nel momento in cui si suggerisce o si tenta il rapporto sessuale, la vagina si contrae per prevenire la penetrazione.

Cause

Esistono molte cause di vaginismo e tutte dipendono dalle ragioni per cui i muscoli della vagina arrivano a contrarsi conto la volontà della donna; tuttavia, non è sempre chiaro ogni volta perché questo accada.

Un’esperienza sessuale spiacevole avvenuta in giovane età, come una visita fastidiosa o un rapporto sessuale impacciato o doloroso, può far si che il corpo risponda in una maniera protettiva per evitare un ulteriore dolore.

Anche le molestie sessuali, gli abusi o lo stupro possono causare il vaginismo. Anche avere difficoltà a capire il sesso, o avere sentimenti di vergogna o colpa riguardo al sesso possono essere fattori che contribuiscono al vaginismo. Per esempio, ci si può sentire a disagio con il sesso se:
  • Si è ricevuta un’educazione rigida
  • Ci si è sentiti dire che il desiderio sessuale è sbagliato o che il sesso è doloroso
  • Si è influenzati da tabù culturali o religiosi
Altre possibili cause del vaginismo comprendono:
  • Paura che la vagina sia troppo piccola per un rapporto sessuale
  • Paura di una gravidanza
  • Gli effetti post parto
  • problemi relazionali
  • Stanchezza o depressione
Quali sono le cause del dolore durante il sesso?

Qualunque fenomeno causi dolore durante un rapporto sessuale (dispareunia) può portare una donna a sviluppare la paura di rapporti sessuali dolorosi.

La ricerca suggerisce che la paura di un rapporto sessuale doloroso può essere un fattore determinante del vaginismo. I seguenti fattori possono tutti causare rapporti sessuali dolorosi:
  • Operazione chirurgica nell’area genitale
  • Infezione nell’area genitale
  • Radioterapia nell’area pelvica
  • Secchezza vaginale, che può verificarsi dopo la menopausa
  • Mancanza di desiderio sessuale
  • Effetti collaterali di alcuni farmaci
L’endometriosi e il disturbo infiammatorio pelvico sono entrambe patologie che possono provocare un dolore pelvico più profondo, comprendendo il dolore durante il rapporto sessuale.

Diagnosi

In caso di sintomi di vaginismo, è bene consultare il medico curante. Il medico parlerà del problema con la paziente e baserà la diagnosi di vaginismo sulla storia medica della stessa, sui suoi sintomi e, se possibile, sul risultato di un esame fisico.

Il medico potrà fare domande di natura personale per scoprire più cose circa la condizione della paziente.

Una visita dell’area genitale è necessaria per determinare un’eventuale causa fisica del vaginismo, come una ferita o un’infezione.

Se la causa è psicologica, il medico di base potrà raccomandare una visita specialistica, come da un terapista del sesso, o consigliare una visita da un ginecologo.

Cura

La possibilità di curare il vaginismo dipende dalla possibilità di identificare la causa: de esiste una causa fisica, come una ferita o un’infezione, questa può essere curata con i farmaci appositi.

Se la causa non è altrettanto ovvia, possono essere insegnate alla paziente alcune tecniche di auto aiuto per risolvere il problema.

Il medico curante raccomanderà la visita da un professionista specializzato in salute sessuale, come un medico psicosessuale o un terapista del sesso.

Questi specialisti potranno insegnare alla paziente alcune tecniche per riabituare la vagina a rispondere normalmente alla penetrazione

Oltre a consigliare tecniche di auto aiuto, lo specialista potrà offrire:
  • Aiuto psicologico per affrontare qualunque possibile problema psicologico di fondo
  • Terapia cognitivo-comportamentale per modificare convinzioni irrazionali o scorrette circa il sesso e, se necessario, educare la paziente al sesso
Cosa prevedono gli esercizi vaginali?

Una tecnica per rilassare i muscoli della vagina implica l’utilizzo di un set di trainer vaginali. Questo comprende quatto coni a forma di pene di dimensioni e lunghezza gradualmente maggiori, che possono essere utilizzati nella privacy della propria casa.

Il cono più piccolo è inserito per primo, se necessario con l’ausilio di un lubrificante. Una volta che ci si sente a proprio agio con il cono più piccolo, si può passare al secondo cono, di dimensioni maggiori, e cosi via.

Quando la donna riesce a tollerare i coni più grossi senza essere in ansia e senza provare dolore, allora può provare ad avere un rapporto sessuale col proprio partner.

Cosa prevede la pratica del rilassamento e tocco?

Se il metodo dei coni non risulta adatto, possono rivelarsi utili degli esercizi di rilassamento ed esplorazione. Un bagno caldo, un massaggio e gli esercizi di respirazione sono ottimi modi per rilassarsi mentre ci si appresta a conoscere il proprio corpo.

Il terapista può anche insegnare alla paziente una tecnica conosciuta come rilassamento progressivo. Questa tecnica comporta la tensione e il rilassamento di muscoli diversi del corpo seguendo un ordine particolare.

Si possono eseguire gli esercizi di rilassamento dei muscoli della parete pelvica prima di provare a inserire un dito o un cono.

Se si raggiunge il livello in cui si è in grado di inserire un dito nella vagina, allora si può procedere con il tentativo di inserire un tampone, usando il lubrificante se necessario.

Risulta importante procedere lentamente e con delicatezza; quando ci si sente pronte ad avere un rapporto sessuale, occorre assicurarsi di essere pienamente eccitate prima di tentare la penetrazione.

Un fisioterapista può essere in grado di insegnare alcuni esercizi della parete pelvica che possono aiutare a combattere il vaginismo, come il contrarre e poi rilasciare i muscoli della parete pelvica.

Intervento chirurgico

In alcuni casi, può risultare una opzione l’intervento chirurgico per trattare il vaginismo. Per esempio, se una determinata condizione è causa di dolore durante il sesso e contribuisce al vaginismo, potrebbe essere possibile trattare la causa di fondo del dolore.

Cos'è l'endometriosi?

L’endometriosi costituisce una possibile ragione per l’intervento chirurgico. Questa patologia provoca la crescita di piccoli pezzi del rivestimento dell’utero al di fuori dell’utero stesso. L’intervento chirurgico può rimuovere o distruggere queste aree di tessuto.

Quando è consigliato allargare la vagina?

Si può ricorrere all’intervento chirurgico per allargare la vagina. Questo potrebbe essere necessario se, per esempio, interventi chirurgici precedenti in quest’area hanno determinato la formazione di tessuto cicatriziale che blocca o restringe la vagina.

Questo può succedere se durante il parto vi è stata la necessita praticare un’incisione nel perineo (episiotomia).

Un piccolo intervento, chiamato procedura di Fenton, può essere utilizzato per rimuovere il tessuto cicatriziale. L’operazione implica la netta rimozione del tessuto cicatriziale e la chiusura dei lembi mediante piccoli punti.

Questi punti dovrebbero poi dissolversi da soli dopo qualche settimana. L’operazione può essere eseguita in anestesia locale o totale.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...
Incontinenza
L'incontinenza è una disfunzione dell'apparato urinario caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. Conosciamo una incontinenza d...