Colposcopia con biopsia

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Gianfranco Blaas, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Cos'è la colposcopia con biopsia?
  2. A cosa serve la colposcopia con biopsia?
  3. Come si esegue la colposcopia con biopsia?

Cos'è la colposcopia con biopsia?

La colposcopia e biopsia è un accertamento che consente:

  • visualizzazione accurata della cute della vulva
  • visualizzazione della mucosa della vagina
  • visualizzazione della mucosa del collo dell'utero.

Se nel corso dell’esame viene evidenziata qualche anomalia, è possibile effettuare contestualmente un piccolo prelievo di tessuto (biopsia) che sarà analizzato, successivamente, al microscopio.

A cosa serve la colposcopia con biopsia?

La colposcopia e biopsia viene richiesta per esaminare in maniera approfondita la vagina ed il collo dell'utero in presenza di un Pap-test risultato anomalo.

Come si esegue la colposcopia con biopsia?

Per eseguire la colposcopia con biopsia il ginecologo si serve del colposcopio, strumento di ingrandimento.Il colposcopio amplifica la visione da 2 a 60 volte, consentendo al medico di rilevare delle anomalie sfuggite ad una visione ad occhio nudo.

Alcuni tipi di colposcopio sono collegati ad una macchina fotografica o ad una videocamera che consentono di ottenere immagini permanenti delle aree sospette evidenziate nel corso dell'esame.

Per eseguire questo esame è necessario che le superfici da esaminare vengano delicatamente tamponate con un batuffolo di cotone imbevuto di acido acetico e, talvolta, di una soluzione iodata.

Queste sostanze, applicate sulle mucose in esame, hanno infatti la capacità di mettere in risalto le aree anomale eventualmente presenti.In genere, vengono effettuate una o più biopsie in corrispondenza delle eventuali aree anomale e così l'analisi al microscopio del tessuto prelevato può risultare definitiva definendo il riscontro di eventuali:

  • cellule infiammatorie
  • cellule precancerose
  • cellule cancerose.