Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Anastomosi Intestinale

Anastomosi intestinale

Anastomosi intestinale
Curatore scientifico
Dr. Alberto Damiani
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Quando è indicata l’anastomosi intestinale?

Le indicazioni per l'anastomosi intestinale possono essere ampiamente suddivise in due categorie:

  • ripristino della continuità intestinale dopo la resezione di parte di intestino malato; 
  • bypass nella parte dell’intestino malato non resecabile.

La resezione dell'intestino malato viene eseguita con le seguenti impostazioni:

  • Gangrena intestinale a causa di una compromissione vascolare provocata da malattie vascolari mesenteriche, ostruzione intestinale prolungata, inversione intestinale.
  • Tumori maligni dell'intestino. 
  • Condizioni benigne (ad esempio, polipi intestinali, intussuscezione, infestazione arteriosa con intasamento intestinale).
  • Infezioni (ad esempio, tubercolosi complicata o perforazione).
  • Perforazioni traumatiche.
  • Enterite, complicata da sanguinamento, strisciamento o perforazione.
  • Malattia infiammatoria intestinale, colite ulcerosa o malattia di Crohn che è refrattaria alla terapia medica o associata a complicanze.
  • Stitichezza cronica, stitichezza idiopatica o malattia di Hirschsprung.

Il passaggio dell'intestino malato non resecabile viene eseguito nei seguenti casi:

  • Tumore localmente avanzato che causa ostruzione luminare.
  • Malattia metastatica che provoca l'ostruzione intestinale.
  • Condizione generale che impedisce la resezione maggiore.

Le condizioni pediatriche per le quali può essere richiesta l'anastomosi intestinale includono:

  • Anomalie congenite 
  • Condizioni infiammatorie (ad esempio, enterite necrotizzante, enterocolite, tubercolosi, perforazione enterica)
  • Altre condizioni (ad esempio, intussuscezione, angiodisplasia, polipoidi, ascariasi)
  • Come parte di altre procedure chirurgiche

L'anastomosi intestinale nei pazienti neonatali e pediatrici può essere necessaria per la gestione di molte condizioni. Alcune condizioni potrebbero richiedere la resezione della patologia seguita da anastomosi primaria, mentre altre condizioni potrebbero richiedere l'anastomosi ritardata. L'anastomosi intestinale può anche essere necessaria nella gestione di alcune anomalie non intestinali.

Quali sono le controindicazioni dell’anastomosi intestinale?

Le controindicazioni all'anastomosi intestinale includono condizioni in cui esiste un elevato rischio di perdite anastomotiche, come le seguenti:

  • Sepsi grave
  • Grave stato nutrizionale (ad esempio, ipoalbuminemia grave)
  • Malignità disseminata (depositi multipli peritoneali e sierosici, asciti)
  • Vivibilità dell'intestino in dubbio
  • Contaminazione fecale o peritonite
  • Condizione intestinale malsana 

Come avviene la gestione preparatoria per anastomosi intestinale?

La gestione preoperatoria include:

  • Rianimazione del fluido preoperatorio
  • Profilassi antibiotica preoperatoria
  • Posizionamento del tubo nasogastrico e del catetere urinario
  • Profilassi della tromboembolia venosa

Quali sono le tecniche operative più utilizzate nei casi di anastomosi intestinale?

I principi per una buona anastomosi intestinale sono:

  • L'adeguata esposizione all’accesso intestinale
  • La delicata manipolazione dell’intestino
  • L'emostasi adeguata
  • L'approssimazione dell'intestino ben vascolarizzato
  • L'assenza di tensione all'anastomosi
  • Una buona tecnica chirurgica
  • Evitare la contaminazione fecale

Le tecniche chirurgiche utilizzate nell'anastomosi intestinale comprendono:

  • Incisione ed esposizione
  • Resezione intestinale
  • Anastomosi suturata a mano (ad esempio, anastomosi intestinale, anastomosi colon-rettale, anastomosi esofago-gastrica)
  • Anastomosi fasciate (ad esempio, anastomosi intestinale, anastomosi colon-rettale, anastomosi esofago-gastrica cervicale)

L'anastomosi intestinale può essere eseguita mediante una tecnica di cucitura a mano che utilizza suture assorbibili o non assorbibili o mediante pinzatura. La prima è l'opzione più comunemente utilizzata a causa della disponibilità e della convenienza dei materiali di sutura e della grande familiarità con la procedura.

La maggiore disponibilità di dispositivi di pinzatura per anastomosi intestinali ha fornito un'opzione alternativa per eseguire un'anastomosi più rapida. Maggiore costo, disponibilità limitata e meno familiari sono gli inconvenienti principali di questi dispositivi. Le tecniche meno comuni per l'anastomosi intestinale utilizzano dispositivi di compressione (anelli di anastomosi bioframmentabili), colla (tessuti o sintetici) e saldatura laser. 

Quali potrebbero essere le complicanze postoperatorie?

Le complicazioni più importanti che potrebbero comparire dopo l'anastomosi intestinale includono:

  • Perdita anastomotica
  • Emorragia
  • Infezione della ferita
  • Stenosi anastomotica
  • Prolungato ileo funzionale, soprattutto nei bambini

Una complicazione dell'anastomosi intestinale è la perdita anastomotica che determina una peritonite, associata ad un’elevata morbilità e mortalità. La corretta tecnica chirurgica e l'adesione ai principi fondamentali sono indispensabili per garantire un risultato positivo dopo l'anastomosi intestinale.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Resezione gastrica
La resezione gastrica è un intervento chirurgico di gastrectomia volto a ridurre le dimensioni dello stomaco. Può essere attuato per sana...
Inibitori della pompa protonica
Gli IPP sono una classe di farmaci impiegati per il trattamento della gastrite, dell’ulcera duodenale e del reflusso gastroesofageo. Agis...
Procinetici
I procinetici sono farmaci che stimolano selettivamente la peristalsi dell’apparato gastrointestinale.